PD: UN BUCO NELL’ACQUA?

Flop del PD che mette in pubblica affissione un manifesto contro l’amministrazione sul problema siccità. Ma Valla e Damascelli s’erano già mossi con la richiesta dello stato di calamità…

1530028050.JPGSi sa: quando scappa scappa. E al Partito Democratico bitontino ultimamente scappa spesso e volentieri. Così si è aggiunto in questi giorni un nuovo arrivato alla già lunga schiera di pubbliche affissioni che hanno caratterizzato “la voce del partito” negli ultimi mesi. In un manifesto intitolato “Siccità nelle campagne: giunta Valla assente !!!” Pd e Riformisti rivendicano le azioni concrete intraprese dalla precedente amministrazione per contrastare la carenza idrica ed aiutare gli agricoltori, di contro a quella che ritengono una pura speculazione demagogica messa in campo dall’attuale giunta. Nel testo si domanda in particolare perché non si sia dato seguito alla procedura di realizzazione di un nuovo pozzo artesiano disposta dall’ex assessore all’Agricoltura, Gennaro Sicolo, e si chiede provocatoriamente: “Quali le concrete proposte politiche della nuova amministrazione per contrastare la carenza idrica?”.
La gestazione del manifesto, in realtà, si era consumata già da diversi giorni, tanto che già il 18 settembre scorso il bel cartellone troneggiava ai piedi della “pescara”. Paradossalmente lo stesso giorno in cui la stampa (noi di Btv l’avevamo fatto già il giorno prima) dava ufficialmente notizia della richiesta che il sindaco Valla e l’assessore Damascelli avevano inoltrato all’Ispettorato Provinciale per l’Agricoltura perché venisse riconosciuto “lo stato di calamità naturale e la conseguente quantificazione dei danni subiti dagli agricoltori” (clicca qui per leggere l’intera notizia). Di fatto una smentita sostanziale delle accuse di indifferenza lanciate dal manifesto pdino. E infatti nei giorni seguenti (forse per intuizione di qualche lungimirante militante) l’affisso era d’incanto scomparso, salvo poi vederlo ricomparire in questi giorni, per di più affisso in tutte le strade della città.
A destra già parlano di demagogia. Magari, è il caso di dirlo, si tratta di un semplice buco nell’acqua. Dopotutto si sa che quando scappa scappa, e si può rischiare di farla fuori dal vaso. Evidentemente dalle parti del Partito Democratico di acqua ne hanno bevuta fin troppa: chi ha la gola secca, si sa, non dovrebbe sforzarsi di parlare.

Sabino Paparella

PD: UN BUCO NELL’ACQUA?ultima modifica: 2008-09-29T11:53:57+02:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

16 pensieri su “PD: UN BUCO NELL’ACQUA?

  1. ….ma egr. paparella a me pare che il senso del manifesto del PD abbia un significato diverso rispetto alla richiesta dello stato di calamità
    sono due cose diverse
    il primo sollecita la soluzione di un problema che varrà per sempre, il secondo è un provvedimento tampone che in virtù della situazione creatasi con la siccità, chiede dei risarcimenti danni

    comunque sia, un buco nell’acqua è stato fatto, il bello sarà vedere
    chi ci finirà dentro il PD o Lei

  2. Non sono certo un tifoso della attuale “gestione comandata” del PD a Bitonto ( parlare di guida politica a me pare una bestemmia ) e non apprezzo nemmeno questo manifesto, anche perché io eviterei di citare come esempio la passata gestione dei pozzi.
    Ho sempre pubblicamente apprezzato sino a ieri gli articoli di Sabino Paparella ( pur non conoscendo nemmeno il Suo volto ).

    Oggi però, senza voler passare per “professore” di nulla, voglio scrivere che questo articolo è a mio parere davvero BRUTTO per 3 motivi.

    Il 1° motivo lo ha già scritto GIO e non mi dilungherò su questo, ma confermo che la critica fatta al PD rischia di essere una FORZATURA fuori tema.

    Il 2° motivo è nella pesantezza dei termini usati nella chiusura dell’articolo.

    Cito testualmente : ” si sa che quando scappa scappa , e si può rischiare di farla fuori dal vaso ”
    … Sabino illuminaci, parli di cacca o piscia ? Visto che hai deciso di fare 30 sulla strada della scrittura volgare, fai 31 e chiarisci, così vinci il campionato del mondo della “nausea provocata nel lettore”

    Ancora : ” dalle parti del Partito Democratico di acqua ne hanno bevuta fin troppa: chi ha la gola secca, si sa, non dovrebbe sforzarsi di parlare ”
    … mòòò fortissimo … e cosa dovremmo fare su questa battutona : ridere, riflettere, applaudire ?

    Chi ci spiega se il PD ha bevuto troppa acqua oppure se ha la gola secca e non dovrebbe parlare ?

    E “ha bevuto troppa acqua” a cosa si riferisce ? E’ una velata ma dura critica alla gestione passata dei pozzi oppure una battuta stomachevole sulla “bevuta” come sinonimo di sconfitta elettorale ?

    Ma esiste un caporedattore ? Ha letto l’articolo e non ha pensato di tagliare nulla ? Non si possono solo cancellare i commenti dei lettori in base al regolamento di civiltà e buon senso, senza che siate Voi a dare il buon esempio.

    Preciso che, visto fino ad oggi il “taglio editoriale” di BitontoTV per garbo ed autorevole equidistanza dai poli, parole del genere sarebbero INACCETTABILI, indipendentemente dal partito di appartenenza, anche nel criticare cose ben + pesanti che ho visto e sentito in questa legislatura comunale.

    Penso ad esempio, alle dichiarazioni che ho ascoltato in sede di Consiglio Comunale da alcuni Consiglieri di entrambi gli schieramenti sul Piano Strategico dell’Area Metropolitana.
    E penso a qualche nomina assolutamente inopportuna … Ekkekkosa , e nemmeno a scrivere “monelli” o “sbadati” ?

    E quindi il 3° motivo per cui questo articolo mi ha provocato dispiacere, è che mette in discussione la obiettività di quanto in articoli precedenti avevo letto e apprezzato da parte di Paparella … allora oggi penso che sia facile scrivere della SCHIAFFO di Follini a Procacci e Rossiello solo perché Essi oggi sono perdenti ?

    E forse il manovratore va lasciato perdere (non si sa mai) e si può attaccare solo la opposizione ?

    Maledetto conformismo (Bertolucci docet).

    La mia non è una critica distruttiva e confesso che ho aspettato fino a tarda ora per scrivere, poiché ero certo che il garbato e fermo commento di OTTAVIO avrebbe già ampiamente meritato una retromarcia condita da scuse.
    Chi ha scritto l’articolo sull’AMORE POLITICO, non può commettere un simile errore senza fare pubblica ammenda.

    Possibile che si tratti della stessa persona ?

  3. Perchè questa discussione sulla lana caprina?
    L’autore è Autore.
    Va rispettato.
    Punto e basta.
    Parlate di imbavagliare i giornalisti e poi vi ergete a giudici inappellabili di stili e contenuti degli articoli?
    Mi sa chel’unica discriminante qui è vedere se squalcuno mette per iscritto i nostri pensieri.
    Non si tollera più la voce diversa.
    Adesso abbiamo anche il registrino per mettere i voti a Sabino, Marica & Company.
    Per favore, signori, il blog si legge e si commenta
    Non possono esigersi scuse o quant’altro.
    I vostri commenti sono l’unica arma…….
    Ti confesso, caro Sacetox di essermi chiesto se anche tu sia la stessa persona che ha scritto gli altri post……

    Quanto al merito della questione credo sia giunta l’ora che il Partito Democratico si doti di un vero e proprio gruppo/Commissione per gestire i propri rapporti con la stampa e con la cittadinanza perchè ogni volta che esce un manifesto si fa un buco nell’acqua………ma mai che si riesa a trovare un pò di petrolio per questo PD bitontino!!!

    p.s. Vi preannuncio qualche intervento “interessante” nei prossimi giorni……….riprendono i consigli!!!

  4. Pur non ritenendolo necessario, intervengo a margine delle critiche mosse al mio articolo per non tradire il garbo e la disponibilità di quanti hanno gradito leggerlo e commentarlo.

    Sulle accuse di partigianeria e faziosità ritengo francamente superfluo rispondere, e invito piuttosto ad una rilettura più attenta di precedenti miei pezzi.
    Per quanto invece riguarda le accuse di cattivo gusto vorrei semplicemente far notare che, a parte la cronaca -che deve essere di per sè asettica- esistono nel pingue firmamento della scrittura diversi registri linguistici, tra cui quello ironico e quello satirico. In un mondo dell’informazione e dei media in cui si fa senza troppi problemi pubblico dileggio del Papa e del Presidente della Repubblica, non credo che due battute su un manifesto di per sè ridicolo offendano la dignità o il buongusto di chicchessia.

    Grazie

  5. CIRANO … che vuota assurdità … dobbiamo dunque leggere e azzerare il diritto di critica nei confronti di quello che leggiamo ?

    Non mi è consentito esprimere dissenso nei confronti di parole che ho trovato mancanti del necessario rispetto istituzionale, colme di presunzione e dunque prive della necessaria umiltà con cui un giornalista o aspirante tale deve confrontarsi con la realtà ?

    Vuoi decidere solo Tu quale sia la “voce diversa” che sia quella veramente diversa ?
    Non è la mia voce diversa da quella di Sabino ?

    Edmond Rostand si rivolta nella tomba …

    E se anche per assurdo fosse come dici Tu, io sono autore delle mie parole e Tu non saresti autorizzato (!) a criticarle ( ….vedi le brutte figure che si fanno quando si scrive senza pensare ?)

    Ma fortunatamente questo non è vero.

    Così come è falso che sia io giudice inappellabile. Provo piuttosto ad essere lettore attento e, nel caso, critico garbato e rispettoso, ma il + delle volte pubblico elogiatore.

    Sopratutto cerco di imparare dai miei errori grazie alle critiche sensate, ma non è il caso del Tuo contributo stavolta.

    Al contrario mi sembri Tu voglioso di ergerTi a giudice inappellabile di quanto scrivono gli altri, quando invece Ti ricordo insofferente anche delle + garbate critiche a Te rivolte ( come ad esempio di recente è Ti accaduto con il Canaruto )

    Ma tant’è … delle minuzie preferisco non curarmi e dunque saranno eventualmente GIO e OTTAVIO o i ragazzi dello Staff (possono?) a confermare che mi sono firmato sempre e solo con il mio nick (e dovevo perdere tutto stò tempo ?), ma non credo valga la pena rispondere proprio a tutte le parole ….

    Ad esempio, avrei una proposta sul “registrino” ma taccio per carità di Patria e perché ho troppo amato la penna bianca del vero Cyrano di cui tu usurpi il naso.

    Concludo invitandoTi a rileggere il mio COMMENTO, nel quale non chiedo scuse, ma scrivo solo che me le aspettavo, da pubblico e appassionato estimatore degli scritti precedenti di Sabino.

    [ Cioè in pratica Cirano a fare lo splendido non ne hai azzeccata una … mè dai succede … sarà per la prossima volta ]

    PAPARELLA … se qualcuno, a commento di un Suo articolo scrivesse che è RIDICOLO … che evidentemente Le scappava ed è andata fuori dal vaso … oppure che Lei ha bevuto troppa acqua e che ora, con la gola secca non dovrebbe sforzarsi di parlare … io penserei che quel qualcuno è un cafone e forse quel commento sarebbe cancellato dallo Staff con un rimprovero di maleducazione.

    Ironia e satira non sono mai offensive ma la volgarità si … vede … qualcuno è cresciuto con Mistero Buffo … alle volte non serve giocare a fare il Professore dei “ diversi registri linguistici che esistono nel pingue firmamento della scrittura “

    Per Sua conoscenza non perdo tempo con il mondo della informazione che osi dileggiare CHIUNQUE e non solo Papi e/o Presidenti … credo anche Lei abbia riferimenti giornalistici diversi da questi che cita solo per difendersi cercando CATTIVA COMPAGNIA.

    Per la partigianeria e faziosità, piuttosto che rileggere i Suoi pezzi passati che ben conosco e ho assai apprezzato anche scrivendone in “pubblica pazza”, preferisco aspettare i Suoi scritti futuri che leggerò con attenzione qualora ne valesse la pena, così come è sempre stato fino a ieri.

    Saluti

  6. Non pensavo di sollevare tutto sto vespaio……evidentemente, caro Sacetox, ti è scappata la pazienza…….anche i tuoi toni da bis-nonnobuonista sono improvvisamente cambiati……..delle tue offese farò tesoro, francamente cerco sempre di avere il cervello collegato alla bocca (o alle dita in questo caso).
    nel mio piccolo, è il principio cardine di tutte le cose che faccio nella mia vita.
    Non ti rispondo e non scendo nel merito perchè credo che questo duello non gioverebbe a nessuno e meno che mai a te e agli utenti del blog.
    Non credo nè di averti offeso nè di aver dichiarato, neanche implicitamente, di possedere la verità assoluta o voler fare il Presidente della Corte di cassazione ……..ho semplicemente detto che Tu non puoi decidere cosa gli altri debbano scrivere ma puoi tranquillamente commentare (come hai fatto, mi permetto, poco signorilmente) quello che è stato scritto……….a questo punto ritengo superfluo proporti la rilettura del mio commento precedente, soprattutto perchè una mente inspiegabilmente viziata dal pregiudizio(come forse la tua nei miei confronti, adesso) difficilmente sarebbe capace di leggere cosa diversa da quello che vuol vedere scritto…………..

    A me pare che da quando ho espresso con umiltà e senza piaggeria alcuna, spero, qualche commento su questo post, i nonni del sito se la siano un pò presa….
    Gli attacchi a Paparella hanno dell’insensato, credo.
    E’ farisaico, ritengo, meravigliarsi o scandalizzarsi per qualche parola poco politically correct……altra cosa è cercare ipocritamente di scavare sul significato figurato di quelle parole, cadendo davvero, questa volta, nel volgare…..sono quadretti neorealisti che potevi veramente risparmiarci…..

    Comunque, ragazzi, mi raccomando a scrivere begli articoli, preparatevi bene e non scrivete cazzate (ops, mi è scappata, scuse infinite) che il bisnonno buonista Sacetox, che prima fa il carino e poi fa lo zelante, mette i voti!!!

    P.S. Sacetox, ti piace il mio commento?………..potevo fare di più?…..sono una mela marcia??!!!………. Mi citi per appropriamento indebito di pseudonimo??….Ok! Cazzate è una parolabrutta, volgare…..ho capito vabbè, 4 meno meno……vabbè, professò….farò meglio la prossima volta…….per il momento, professò, a proposito di cazzate leggetevi il manifesto del PD CHE ERA L’ARGOMENTO DEL POST……

  7. Cirano, lo sfottò va bene ma permettimi di chiarire che non sono un professore, nè un nonno e men che meno un buonista.

    Non voglio decidere cosa gli altri possano scrivere, ma esercito un normale diritto di critica, così come Tu fai nei miei confronti.

    Anche se non ne condivido il fondamento logico, ho letto con attenzione le Tue valutazioni negative sui miei toni che a Tuo giudizio sono stati poco signorili, sulle mie critiche ( non attacchi ) all’articolo di Paparella che Tu valuti come insensate … e poi ( .. aspetta che Ti rileggo ..), ah sì … sarei stato secondo Te farisaico, ipocrita e volgare.

    E’ davvero strano come alcune delle Tue critiche al mio scritto siano molto simili a quelle fatte in precedenza da me all’articolo di Paparella.

    Forse una maggior serenità nella rilettura Ti aiuterebbe a comprendere quanto sia integralista il rimproverare a me dei toni “sbagliati”, difendendo a spada tratta quelli “giusti” di Paparella e assolvendo quelli “perfetti” che sono i Tuoi (… altro che Cassazione …)

    Per me neorealista è un complimento.

    Come vedi Cirano, Ti leggo senza pregiudizio alcuno, mentre se mi permetti, Tu hai perso nella fretta il 1° motivo per cui a mio parere l’articolo di Paparella era brutto “nel merito” e cioè il rischio che il buco nell’acqua non fosse quello del PD ma di Paparella come già GIO aveva ipotizzato.

  8. Gentili signori che commentate volevo farvi una domanda.
    Mi è capitato tra le mani il volantino della Festa Democratica di Bari. Tra gli ospiti della serata sull’agricoltura figura anche un tale GIUSEPPE ROSSIELLO – VICEPRESIDENTE AGECONTROL.

    1) Si tratta di Peppino nostro?

    2) Ho cercato su internet il sito di questa struttura e sembra avere tutti i crismi di quel carrozzone di stato dove mettere un pò di gente e fargli guadagnare un pò di soldi. Pare facci controlli sulla commercializzazione di prodotti ortofrutticoli per conto dell’ACEA (la struttura più truffata della storia). Nel CDA figura anche Cosimo Lacirignola cui un posto oramai non gli si nega più da nessun parte.
    Mi sa dire qualcuno cosa fa questa agecontrol e se funziona davvero o è solo un modo per “regalare” uno stipendio a ex onorevoli?)

    3) se è peppino nostro, qualcuno mi sa dire, essendo lui un professore di lettere quale competenze nel settore dei controlli sulla commercializzazione di ortofrutta ha maturato?

    Vi ringrazio

  9. Rocco, ma cosa vuoi da noi?
    Chiedilo a lui, qui nessuno fa il segretario di nessuno!!!!!
    Il tuo commento non mi sembra assolutamente pertinente…….quindi………..mi sembra più un commento per il gusto di criticare e non è corretto…….

  10. Cirano, mi dispiace che la prendi così male.
    Ma critichiamo tante cose che non vanno così come tutto il sistema. questo modo di gestire le cariche in agenzie dello stato è altrettanto marcio.
    Se mi permetti vanno denunciate anche queste cose.
    E’ normale che le mie fossero domande retoriche.

    O le cose importanti sono solo quelle di cui piace parlare a te?
    scusami ma rispettiamoci a vicenda.

  11. Sono d’accordo con te sui contenuti e li rispetto ma non va bene buttare la pietra per fare polemiche e poi nascondere la mano come sta accadendo sempre più spesso, soprattutto quando si fanno un certo tipo di denuncie.

    Comunque, grazie per l’informazione perchè non lo sapevo!!!
    Non credo che le cose importanti siano solo quelle di cui parlo io……solo che cerco di attenermi al contenuto del post.
    Scusami, eh!

    P.S. Giusto per la cronaca, non sono il soggetto con cui sparlare del P.D. per cui ogni occasione è buona…….cerco di guardare forma e contenuti prima di tutto.
    Per puntualizzare.
    Ciao

  12. eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii ragazzi mi sa che il PD ha fatto il buco ma chi ci è cascato dentro la cloacca è DON RODRIGO se è vero che nelle dichiarazioni dell’ ultimo consiglio comunale ha annunciato la trivellazione di un pozzo artesiano.BRAVO!!!!!!!!!!!!!!!! DA GIGIO

Lascia un commento