VALLA QUERELA MARTINELLI E ZAZZERA DIFENDE IL BLOGGER

750740923.jpgSarà l’Italia dei Valori a garantire assistenza legale al giornalista Daniele Martinelli, querelato dal primo cittadino bitontino, Raffaele Valla, e dal suo Capo di Gabinetto, Domenico Pantaleo. È il Coordinatore regionale della Puglia, Pierfelice Zazzera (in foto), a dichiararlo alla stampa, lanciandosi in una sentita difesa del blogger e stigmatizzando il comportamento del Sindaco. “Alla faccia della libertà di informazione”: questa l’espressione con cui l’onorevole commenta la scelta di Valla di adire a vie legali.
Piccolo feedback. A far accendere la miccia l’ormai chiacchieratissimo “Caso De Paola” ovvero la storia del Comandante dei Vigili Urbani, in carica dal 1 agosto in città, inquisito dalla Procura di Bolzano per essersi – secondo l’accusa – reso colpevole di truffa ai danni dello Stato, falso ideologico e abuso d’ufficio nell’espletamento delle sue funzioni. Per chiedere quali motivazioni avessero spinto il Sindaco a nominare De Paola, nonostante il procedimento in corso, il milanese Martinelli si recò a Palazzo Gentile lo scorso 21 agosto. Ricevuto dal dottor Domenico Pantaleo, Capo di Gabinetto, chiese un’intervista a Valla ma ne ricevette soltanto il comunicato stampa con cui giunta, primo cittadino e maggioranza rispondevano alle polemiche accese poche ore prima dalle dichiarazioni del Procuratore Capo di Bolzano, Cuno Tarfusser.
L’incontro tra Martinelli e Pantaleo – interamente filmato – venne dopo poco pubblicato online, sia su youtube sia sul sito personale del giornalista, con tanto di articolo di commento allegato. Un illecito, secondo l’avvocato Francesco Paolo Sisto, legale rappresentate di Valla, che chiede al Martinelli un risarcimento per i danni subiti. “Ma non basta – si legge nella lettera inviata dall’avvocato al giornalista e da quest’ultimo pubblicata online – A tale già illecita condotta (violazione della riservatezza, diffusione di immagini di uffici e soggetti pubblici senza alcuna legittimazione, ecc) si aggiunge il comportamento marcatamente offensivo nei confronti del Sindaco del Comune di Bitonto leggibile nella seguente frase inserita nel blog: …Presentarmi e qualificarmi al Comune di Bitonto è stato inutile. Il Sindaco ha rifiutato l’intervista come nella migliore tradizione mafiosa…” Di tutta risposta arriva tagliente il commento dell’onorevole IDV Zazzera: “Il sindaco  invece di cacciare  l’inquisito, ha querelato il giornalista”.
“Vogliamo ricordare al sindaco Valla – continua il deputato – che  l’articolo 21 della Costituzione sancisce la libertà di informazione e che le pubbliche amministrazioni sono tenute a fornire informazioni adeguate ai cittadini che ne fanno richiesta. Vorremmo sapere anche noi insieme al giornalista Martinelli, al quale l’IDV assicurerà assistenza legale, perché  mai, nel comune di Bitonto, al Comando dei Vigili Urbani sia stata assunta una persona indagata per peculato, falso e truffa aggravata.”
È in nome di quel dettato costituzionale “tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure” che l’onorevole Zazzera lancia il suo appello: “invitiamo tutti i bloggers a dotarsi di videocamera per riprendere le sedute di Consiglio Comunale rendendole pubbliche sui propri siti internet nel pieno rispetto dell’articolo 21 della Costituzione Repubblicana, che Valla ha dimenticato, pur essendo un ex Prefetto.”

Marica Buquicchio
VALLA QUERELA MARTINELLI E ZAZZERA DIFENDE IL BLOGGERultima modifica: 2008-09-16T07:56:50+02:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

93 pensieri su “VALLA QUERELA MARTINELLI E ZAZZERA DIFENDE IL BLOGGER

  1. a zazzera rispondo con citazioni cinematografiche.
    o con il sordi di “lavoratori!!!” e quindi dell’indimenticabile film “i vitelloni” di fellini oppure qualche celebre pernacchia (magari quella dell'”oro di napoli”) di eduardo de filippo.
    pierfelice, a te la scelta…
    ma va’…

  2. due considerazioni su questa vicenda:
    1) l’attenzione di un onorevole della repubblica per le vicende umane di martinelli dimostra quanto poco abbiano da fare i nostri parlamentari e il motivo per cui si legifera a vanvera e male e conferma la deriva giustizialista di un movimento politico come quello di IdV

    2) è la conferma che il passaggio di martinelli da Bitonto non è stato così casuale come lui ha voluto far credere sul suo blog

  3. due considerazioni su questa vicenda:
    1)quando il centrosinistra era al governo si parlava solo ed esclusivamente di “casta”con i vari Grillo,Stella etc etc che si sono letteralmente arricchiti con spettacoli,libri,convegni ed apparizioni televisive.
    2)a distanza di qualche mese la “casta” non esiste più( mi viene più di un sospetto su chi sta dietro i vari Grillo e Stella) e chiunque tenti di far notare che oggi si con il denaro pubblico si possono fare porcherie più di ieri,come nominare e lautamente pagare un pluri-inquisito a capo della polizia municipale di un comune barese ,viene tacciato come un misitificatore o addirittura come manipolatore di opinione pubblica.
    L’unico manipolatore di opinione pubblica si trova a Palazzo Chigi

  4. se leggete i commenti sul sito di martinelli a corredo del pezzo in cui egli parla della querela ricevuta c’è davvero da accapponare la pelle, traspare evidente un chiaro, razzistico disprezzo del sud, della sua cultura e della sua storia, della sua gente, tutto ciò fa davvero rabbrividire…

  5. Cosa centrano i commenti con Martinelli?
    eccone uno:

    diffusione di immagini di uffici pubblici”? Ma chi è questo, l’avvocato di Totò??? Se sono uffici pubblici non ci dovrebbero essere problemi a riprenderli. Oppure pubblico vuol dire “della casta” ed il cittadino non può metterci il naso?

    Io sono un bitontino doc.
    Sto con Martinelli.

    PS
    Ma il signor sindaco non aveva detto qualche mese fa che sarebbe stato sempre pronto a ricevere in Comune chiuque avesse avuto parlargli?

  6. Caro giu , se sei un Bitontino DOC, postati con il tuo vero nome , e vai a diffendere l’onore dei bitontini sul blog di Martinelli non perdere tempo a piangerti sulla sconfitta delle votazioni, i post dei “compagni ” di MARTINELLI offendono prima noi e la nostra città.
    Domani verrò a casa tua con una telecamera nascosta a riprendere cosa mangi, poi la metterò su youtube.
    Attenzione io ti sto avvisando .
    Non sono giornalista, mi dai l’autorizzazione a pubblicare la tua vita.

  7. Mi tocca stare dalla parte di martinelli. Diffusione di immagini di uffici pubblici? quando lo hanno inventato questo reato? Poi martinelli ha semplicemente fatto delle sue considerazioni su problemi realmente esistenti, anche se certi toni non sono piaciuti neanche a me.
    Poi l’intervista si poteva concedere. Stimo Valla, ma questa volta ha sbagliato.

  8. Caro Angelo,
    cosa centra il mio nome con questa faccenda???
    E cosa centrano le elezioni perse con quello che ho detto??
    Basta con le ipocrisie lo dico io.
    Parliamo del problema vero:
    De Paola a casa!!!!

    PS
    Puoi postarmi qualche commento che offende la citta di Bitonto?

  9. …se posso dire la mia:
    1) il consenso a filmare l’incontro NON mi pare vi sia stato e si vede benissimo che si filma senza che le altre persone lo sappiano o se ne siano accorte… e già questo depone a sfavore del giornalista Martinelli

    2) tutta questa storia, A MIO PARERE, sembra una macchinazione studiata e voluta da qualche ex amministratore che non riesce ancora ad ingoiare il rospo..
    OK, sul caso DE PAOLA si può parlare perchè non condivisibile da tutti, ma…. una preghiera agli amici del centro sinistra … invece di PERDERE TEMPO con queste COMMEDIE, assumetevi le responsabilità che vi sono state affidate anche da chi vi ha votato, e mettetevi al LAVORO, ma quello vero e SERIO !

  10. Caro beppe,
    la questione morale non è nè di destra nè di sinistra..
    In ogni caso non sono un “compagno”.
    Bella la storia della macchinazione!!!
    Mi ricorda quella famosa storia dei giudici che perseguitano (scusam ..perseguitavano) solo Sua altezza in Italia xchè non avevano nulla da fare..

    SVEGLIAMOCI

  11. quando Bassolino fu sputtanato sulla trasmissione Report mentre parlava davanti ad una telecamera nascosta circa la questione dei rifiuti a napoli,non fece nessuna querela,ma non perchè non lo voleva ma perchè sapeva che andava a buttare altra benzina sul fuoco su un argomento che lo vedeva ampiamente in difficoltà.
    Valla,da grande uomo politico,decide di puntare i riflettori su un argomento che lo vede in difficoltà non rendendosi conto che sulla nomina di De paola deve far calare il silenzio,e lui fa il contrario,non sapendo che da questa storia uscirà con le ossa rotte,anche perchè non mi risulta che un giornalista sia mai stato cotretto a pagare per aver fatto riprese non autorizzate.
    E poi la questione è sempre quella…..si possono dare 110 mila euro all’anno ad un pluri-inquisito?
    lo ripeto per l’ennesima volta,a me per lavorare in un’azienda metalmeccanica mi hanno chiesto il certificato penale……chi vuol intendere intenda

  12. … il mio riferimento alla MACCHINAZIONE si evince da alcuni passaggi del giornalista, in cui sembra che a parlare sia qualche “redattore” dei manifesti del PD…. solo per quello, mi permetto di dubitare della genuinità dei pensieri del professionista….
    e mi sa che tra qualche giorno, ci troveremo il “Gabibbo” su a Palazzo Gentile, insieme a Mingo e Fabio…..
    Ma daiiii…. lavorate….

  13. a quanto ho capito io, pantaleo querela x la diffusione di sue immagini non autorizzate mentre valla querela x essere stato definito mafioso (il tentativo di retromarcia su questo reato commesso da martinelli e’ nel video bel pezzo di cabaret). Piuttosto non capisco l’intervento di zazzera (da quanto ho letto oggi sul levante farebbe bene i soldi del suo partito x la vera tutela dell’informazione). Ma IDV a bitonto ke dice?

  14. Caro Beppe, noto con noncuranza che da parte tua vi sono tanti riferimenti al termine “lavoro”….”andate a lavorare” etc etc
    Sarà mica che da qualche mese a questa parte, diciamo da fine aprile, stai lavorando “troppo” per un’improvvisa elefantiasi di incarichi e concerti?
    Comunque non preoccuparti, di questo passo amministratori del PD non se ne vedranno per parecchio tempo a palazzo gentile e potremo tutti continuare a lavorare in pace e serenità!!!

    W L’ITALIA CHE PRODUCE E CHE LAVORA!!!!!!

  15. 🙂
    mi viene da sorridere, pensando a ciò che hai appena scritto…. ma sta tranquillo, non ti querelo… 😉

    Sapessi veramente “quanto” stia lavorando (come dici tu) da fine aprile…. eh…
    e visto che (credi) di essere così informato… vogliamo veramente vedere CHI sta lavorando TROPPO?

    per fortuna, ho i miei clienti che non mi lasciano tempo per respirare, altrimenti (se fosse come dici tu) starei qui sul blog a scrivere dalla mattina alla sera…

  16. Martinelli ha usato dei toni e dei modi pessimi per la su “libertà d’informazione”, bisogna saper informare la gente senza distruggere niente e cercando magari di costruire qualcosa… Per la querela sono d’accordo con Valla, sebbe ne di pensiero politico opposto. Che Martinelli impari ad informare! Sul suo blog mi ha lasciato scandalizzato la definizione di Lavoro=Fatica all’uso del dialetto di Bitonto. Purtroppo il nostro dialetto è nato prima del settore terziario e rimane in ogni caso legato ad una tradizione contadina: chi non sentirebbe la fatica di zappare la terra?
    bye

  17. Dei soldi che chi legge il suo blog gli manda. Lui stesso ha già scritto che almeno due commentatori gli hanno mandato dei soldi….
    E’ uno senza lavoro, che nessun giornale vuole assumere e se ne va in giro a cercare scoop, magari anche reali, ma infarcendoli di cattiverie e luoghi comuni antimeridionalisti.
    Il tipo è venuto anche la scorsa estate a bitonto e si era già divertito a prenderci in giro sul nostro dialetto e sulle sue abitudini.

    Insomma un simpaticone che è riuscito a trasformare in una questione personale una faccenda seria che è quella del comandante dei vigili urbani.
    Il quale signori miei, ahi voi, non è stato ancora rinviato a giudizio. Quindi oltre all’art 21, la costituzione ne contempla altri ed è bene conoscerli tutti non solo quelli che ci piace propagandare per farci pubblicità.
    Il buon Zazzera piuttosto pensi a tutelare in parlamento il sud dall’attacco sul federalismo portato avanti dalla lega, invece di dare rilasciare interviste e dare soldi ad un girovago (a proposito ma i soldi per gli avvocati a martinelli, li tira fuori Zazzera o li prende dalle casse del partito? e non sono anch equelli soldi pubblici?)

  18. caro giu,
    era ovviamente una barzelletta…
    ma sono ancora fortemente convinto che il nuovo comandante possa restare al suo posto, per il semplice fatto che di quelle “marachelle” se ne compiono ogni giorno ed ogni dove (apriamo un post sugli illeciti innocenti commessi da ufficiali in servizio?!?!?)

    …NON SONO DACCORDO sull’ammontare della sua retribuzione !!!

    … e come dice il nostro amato Sindaco.. “…non so se mi sono spiegato!”

  19. Ma chi sono “Questi” che finanziano Martinelli?
    E chi sono gli amici di Zazzera indagati??
    Mi vergogno di Voi bitontini ma non di BITONTO

    Informatevi prima di parlare!!
    Occorre un doppio fine per fare il gionalista?
    Possibile che ce ne sia ancora qualcuno vero in giro?

    PS
    Caro peppe,
    Cosi fan tutti…non va bene proprio!!!

  20. per giu :

    Roma, 27 FEB (Velino) – “Non sono pochi i seguaci di Antonio Di Pietro su cui pendono inchieste, richieste di condanne, sentenze avverse e tante, troppe, ombre”. Lo scrive IL GIORNALE. “Lo stesso ‘Tonino nazionale’ e’ indagato dalla Procura di Roma – con la tesoriera del partito, l’onorevole Silvana Mura – per truffa aggravata, appropriazione indebita e falso in un procedimento che cerca di fare luce sulla gestione delle risorse finanziare dell’Italia dei Valori.
    L’ex Pm e’ ‘sotto processo’ anche all’ordine degli avvocati di Bergamo perche’ quando lascio’ la magistratura per fare il legale, prima difese il suo miglior amico accusato della morte della moglie a Montenero di Bisaccia, eppoi si costitui’ parte civile nello stesso procedimento. Tradendo due volte: l’amico e il cliente. Brogli elettorali. Tra gli uomini piu’ vicini a Di Pietro nei guai c’e’ Paride Martella, esponente dell’Idv e consulente personale al ministero: arrestato nell’inchiesta sulla societa’ ‘Acqualatina’ che gestisce il servizio idrico nella provincia pontina. Al secondo nome si arriva tramite un vecchio compagno di strada dell’ex Pm, fuoriuscito polemicamente, Elio Veltri. A Radio Radicale Veltri ha raccontato un episodio definito ‘sconcertante’: ‘Quando Di Pietro venne ad Amantea fece uno o due comizi con il sindaco che allora era inquisito per concussione e che, mi pare, fu pure arrestato. E ora che e’ consigliere regionale e’ indagato per associazione mafiosa’.

    continua……http://www.moderatamente.com/news.asp?ID=577

  21. ahi, ahi! anche i paladini delle lavanderie hanno i loro begli scheletri negli armadi?
    E zazzera non corre a fare un’intervista con loro e a proporgli la tutela giudiziaria?
    e come è possibile…

    A proposito, è possibile che abbia visto in macchina nella zona del Maria Cristina qualcuno che somigliava a Zazzera che usciva da Bitonto?

  22. Che tristezza leggere alcuni post, manca proprio il senso della legalità, Bitonto è in queste condizioni perchè molti ragionano così, troppi. Perchè lo fanno tutti, non metto la cintura, perchè lo fanno tutti supero i limiti di velocità…ma scherziamo? Quando la cambiamo sta società con questi discorsi o meglio con questi non valori?
    Se uno ruba, è un ladro sia che rubi un euro, sia che rubi un milione.
    Vivo al nord, dove vive Martinelli, e qua ti fanno il culo se non porti la cintura o passi con l’arancione, mentre a Bitonto lo fanno tutti e quindi niente multa!

  23. Tutte cavolate Eugenio montate dai media, mai stato rispettato e considerato come avviene qua. Se fai il tuo lavoro onestamente vieni apprezzato e onorato. La gente di alcune zone del nord è solo esasperata, prima dormivano con le porte aperte ora non possono farlo più!

  24. Miei cari
    chi dice che “lo fan tutti” non sta tentando di giustificare ma sta tentando di far riflettere.
    Conoscevo un tipo in parrocchia che predicava l’onestà … proprio mentre il padre gonfiava le fatture per ottenere un rimborso più corposo.
    Per non parlare dei professori che al mattino chiamano a scuola perchè dicono di essere ammalati e il pomeriggio sono più che arzilli ai loro studi privati.
    Conosco gente che è contro la guerra che ha il conto corrente nell’istituto di credito risultato il primo investitore nei fondi bellici.

    Potrei continuare.

    La coerenza! Che cos’è la coerenza?

  25. ….se il nostro sindaco non si da una calmata, i cittadini di questo paese rischiano fra non molto, in termini di cause aperte, di avere un secondo berlusconi anche a bitonto
    questo comporterebbe di avere un sindaco non a mezzo servizio
    ma a un terzo di servizio (prefetto, sindaco, processi vari)
    secondo me, colpa “l’inesperienza”, il nostro sindaco devrebbe usare un pò di più la “diplomazia”
    un comportamento così, e in quattro mesi di governo abbiamo assistito a durissimi scontri con querele che volavano, alla lunga, non gioverebbe nè alla salute e nè all’immagine del primo cittadino
    quindi un invito alla calma e alla riflessione
    qualsiasi critica, dura o leggera, deve essere accettata, esaminata
    controllata e se è il caso deve essere rispedita al mittente con esaurienti spiegazioni e con modi consoni a chi amministra la “cosa pubblica”

  26. sì, è vero: a tempo pieno, pienissimo. non fa manco il prof al classico, sta sempre lì, al comune, a lavorare per noi tutti, in un’ottica che mai è stata tanto … comune
    avanti sindaco valla per la città, basta coi martinelli e i zazzera, lavoriamo…
    guardate, dico davvero: si può dire tutto, tutto, su valla, sui suoi metodi, sulal sua scarsa dialettica in pubblico, sulla sua mancanza di esperienza ecceterea eccetera ma una cosa è certa: lavora come un pazzo per questa città, in maniera davvero sfiancante e stakanovista, mai visto uno alvorare così in quelle stazne, alemno a mia memoria, ho 35 anni…

  27. Tralascio la campagna anti Dipietro del Giornale, che come tutti sanno riporta bene in vista le accuse su di Pietro ma non fa alcun
    cenno a tutte quelle archiviate xche senza alcun fondamento…
    Vorrei che tutti leggano quello che il sign Depaola ha fatto così come riportato dall’articolo su menzionato:


    FRONTE GIUDIZIARIO – Il 31 luglio del 2007 De Paola fu arrestato a Bari dalla Squadra Mobile di Bolzano, coordinata da Stefano Mamani. Leonardo De Paola allora era responsabile della polizia di frontiera in Alto Adige e, secondo l’accusa, nell’espletamento delle sue funzione si sarebbe reso colpevole di truffa ai danni dello Stato, peculato continuato ed aggravato, falso ideologico e abuso d’ufficio. Il 16 agosto dello stesso anno De Paola fu rilasciato mentre il pm Baumgartner gli contestava altri episodi in cui il funzionario avrebbe approfittato della sua posizione.
    Il Ministero dell’Interno, a metà ottobre 2007, ha reintegrato in servizio il poliziotto, affidandogli posto e funzioni di Dirigente della Divisione Anticrimine della questura di Isernia.
    La vicenda giudiziaria segue, intanto, il suo corso. Cuno Tarfusser, procuratore capo di Bolzano, si esprime a riguardo sia in occasione del reintegro (dichiarazione che gli è valsa una querela, ndr) che adesso, con la nomina a Comandante della Polizia Municipale di Bitonto.
    il Procuratore Capo di Bolzano, Cuno Tarfusser, rilasciò all’ ANSA le seguenti dichiarazioni in occasione del Reintegro di De Paola all’ Anticrimine di Isernia, subito dopo il termine della custodia cautelare.
    “Tale decisione appare ancora piu’ sconcertante alla luce anche di un curriculum professionale quantomeno discutibile’’
    I fatti criminosi contestati al poliziotto – afferma Tarfusser – ‘’sono talmente gravi e di quotidiana abitualita’, che il 28 luglio 2007 l’autorita’ giudiziaria di Bolzano ne ordinava l’arresto. Il De Paola, pero’, riusciva a sottrarsi al carcere lamentando malattie tanto improvvise quanto gravi che gli venivano tutte attestate da certificati medici sulla cui serieta’ e fondatezza non si possono non nutrire fortissimi dubbi. Certo e’ che le malattie attestate erano talmente gravi che il De Paola, cui sono anche state tolte le armi, veniva ricoverato dapprima in cardiologia e quindi addirittura in psichiatria‘’. ‘’Per il senso dello Stato e per il rispetto che ancora e nonostante tutto nutro per le istituzioni – ha concluso Tarfusser – mi astengo da ogni ulteriore e piu’ severo commento della vicenda”.

    No comment

  28. Appunto giu, sono le parole di colui che lo accusa non di colui che potrebbe giudicarlo.

    E il pubblico ministero non è una parte terza ma una parte in causa che ha assoluto bisogno di dimostrare di avere ragione e che il lavoro fatto a spese dello stato è stato fatto bene e non è stato uno spreco di tempo, di soldi e di risorse della P.A.

    Se non facciamo chiarezza su questi elementi che paiono secondari non parleremo mai con serenità dell’argomento. Bisogna separare sempre il discorso sulla opportunità politica della nomina e la posizione personale del dott. Di Paola.

    Il resto, per me è strumentalizzazione

  29. Gentile Rocco, tu scrivi che “Bisogna separare sempre il discorso sulla opportunità politica della nomina e la posizione personale del dott. Di Paola”

    Sono serenamente d’accordo e forse ricorderai che sono stato serenamente d’accordo con Te anche nel definire barbaro il comportamento di Tarfusser che ha convocato la stampa per pubblicizzare la posizione personale di De Paola

    Potrei conoscere il Tuo punto di vista sulla opportunità politica della nomina e magari anche sul fatto che la posizione giudiziaria di De Paola sia stata tenuta nascosta ai Cittadini che pagano De Paola ?

    Ti ringrazio in anticipo per la risposta.
    Saluti

  30. Pur tuttavia va fatta una precisazione, caro Rocco……….il PM sarà pure una parte in causa ma rappresenta la pubblica accusa, ovvero rappresenta te, me e tutti i cittadini onesti di questa benedetta nazione……..e se uno arriva ad accusare ed ipotizzare reati tanto gravi avrà pure qualche elemento o straccio di prova in mano, no?
    E’ vero che c’è la presunzione di innocenza ma anche Olindo & C. sono ancora innocenti….
    Il consiglio è di non inoltrarci troppo sull’impervio sentiero del diritto………….

    Quanto vorrei che avessi ragione tu e cioè che De Paola fosse una persona così onesta e dalla ferrea rettitudine morale tanto da devolvere il suo oneroso compenso in beneficenza………quanto vorrei che il PM fosse uno dei tanti “magistrati rossi” pronti ad azionare la “giustiza ad orologeria” di cui è a perfetta conoscenza Berlusconi………quanto vorrei che gli articoli della Costituzione fossero rispettanti tanto quanto quello della presunta innocenza sino alla condanna definitiva……………..
    ma perchè sogno?
    Se grazie ad un pugno di valorosi Uomini del Nord quello che ho descritto è già realtà ???

    W I POLITICI CAMPIONI DI MORALITA’!
    W LA COSTITUZIONE!!
    W LA RETTITUDINE MORALE !
    W I DIRIGENTI CHE VANNO A FARE LA SPESA CON LA LORO MACCHINA!
    W BEPPE FANELLI!!
    W I POSTI DI BLOCCO!!
    W I POLITICI CHE COMBATTONO LE TOGHE ROSSE!!
    W QUELLI CHE BRUCIANO IL TRICOLORE….OPS, CHE NON BRUCIANO IL TRICOLORE!!
    W QUELLI CHE NON DANNO GLI INCARICHI AGL AMICI CHE A LORO VOLTA SUBAPPALTANO AI LORO AMICI SENZA CHE MAI SI ARRIVI A ME!!!
    W ROCCO E W SACETOX!!!
    W PAKY GRANIERI!!

    p.s.
    perdonate questo mio intervento ma mi sono fatto prendere perchè sono troppo felice di come vanno le cose a Bitonto e soprattutto in Italia!! Vi prego, non tenetene conto se mai serbaste un pò di stima per questo mio povero naso che prude sempre più!!

  31. Non ho difficoltà a replicare a sacetox e a cirano. leggo sempre volentieri i vostri commenti seppur non condividendo molte delle loro affermazioni. Ma è talmente difficile trovare in giro (non solo su internet) gente con cui è possibile conversare pacatamente anche su argomenti sui quali la si pensa in maniera profondamente diversamente che vi sento quasi miei amici.
    Ma veniamo noi. Sacetox la tua è una domanda retorica perchè hai capito benissimo la mia rispota. La nomina di Di Paola è politicamente un atto che indebolisce la figura di Valla perchè lo espone a critiche feroci da parte di amici e avversari. Diciamo che avrei aspettato qualche tempo.
    Sul fatto che non si sapesse non è vero. chiunque ha qualche piccola competenza di navigazione su internet conosceva le disavventure giudiziarie di di paola appena si è fatto il suo nome. Ecco perchè io considero il PD, complice nella nomina di di paola. Lo spacciano per bon ton istituzionale ma è puro opportunismo politico e mancanza di coraggio (diciamo “Palle”?). Molto più semplice fare ricorsi davanti al tribunale su somma che si autodefinisce “delegato sindaco” o sulla presunta “ineleggibilità” del sindaco….

    cirano poi mette sullo stesso piatto casi giudiziari diversi tipico di chi vuole ad ogni costo strumentalizzare la questione per fini politici. io sono convinto che la lettura delle carte porterà ad un ridimensionamento della faccenda di paola. Poi magari mi sbaglierò, ma non coinvolgo il caso tortora per sostenere il mio pensiero. E’ scorretto ed è un discorso che non va da nessuna parte.
    Ma ogni tanto cirano tende a prendere una deriva sinistrorsa. Peccato, è così simpatico.
    Saluti a voi

  32. Io sto con il nostro Sindaco VALLA.

    Sapete perchè ?

    Perchè se il giornalista MARTINELLI non ha diffamato nessuno, e non ha utilizzato la stampa per scopi politici, non ha niente da temere.

    Se cè libertà di stampa e di pensiero, altrettanto cè libertà di potersi difendere legalmente.

    Quindi ha fatto bene ha querelare, sarà un giudice a giudicare.

    Un saluto

  33. Rocco, non è completamente vero che la mia domanda fosse retorica. Avevo capito in parte che non approvavi l’opportunità politica della nomina di De Paola ma ero curioso di “sentirtelo dire”… confesso di essere abbastanza deluso nel constatare da parte Tua mancanza di coraggio e forza nel biasimare.

    Se usi un termine come quello di “barbarie del diritto” nel biasimare Tarfusser, non puoi esimerti dal definire la nomina di De Paola come una “barbarie della politica” … Ti prego di accettare il rilievo e magari di tenerne conto per la prossima volta.

    Vedo che poi, quando torni a parlare della opposizione, ritrovi termini coloriti e forti ( le “palle” )
    Da parte mia ho già scritto che “chiunque” fra maggioranza e opposizione sapesse delle pendenze giuridiche di De Paola senza comunicarle, ha tradito il mandato affidatogli dai Cittadini.

    Comunque, l’assessore responsabile, che ha decantato le lodi di De Paola in modo sperticato in sede di Consiglio, aveva il DOVERE di comunicare nella stessa sede anche tutto il resto … Che ne pensi Rocco ? La troviamo un po’ di sana obiettività bipartisan ? Tiriamo fuori gli attributi e lo ammazziamo il verme della faziosità ?

    A proposito, ce lo ricordiamo ancora cosa è il DOVERE ? E la capacità di INDIGNAZIONE ?
    Io ci sto pensando parecchio dopo aver visto che qualcuno degli Amici della piazza ha scritto, quasi sorridendo, che “così fan tutti”.
    Confesso che la cosa non mi piace per niente e mi fa incazzare non poco… specialmente dopo aver letto con attenzione e dolore la lettera del Direttore del Levante al Presidente Napolitano

    Saluti

  34. FINALMENTE !
    RIECCOTI !

    carissimo, questa è la tua (e di qualcun’altro) convinzione ….
    come ti ho detto ieri, quel “pochissimo” (licenza poetica) che sto facendo per il Comune, è legato anche ad una gara (AL RIBASSO) vinta per la seconda volta.

    Ti voglio ricordare che da pochissimo tempo si fanno le gare al Comune di Bitonto… prima si affidava tutto direttamente… e allora sì che erano bei lavori…(ed anche bei guadagni, se consideriamo che il costo non veniva sindacato da alcun giudice o concorrente!!!)

  35. caro mingo, forse (?!?!) ho usato”erroneamente” il termine al ribasso, perchè comunque entrambe le gare per l’affidamento del “Comune Informa” partivano da un prezzo totale e l’aggiudicazione veniva fatta alla migliore offerta economicamente più vantaggiosa….
    Nella prima gara la mia offerta è stata la più bassa, nella seconda è stata uguale all’altro concorrente al bando, ma ho avuto un punteggio maggiore, riguardo al formato e al tipo di impaginazione proposta..
    (a proposito, alle gare chissà perchè ci si è presentati sempre in 2 o 3 … mentre il bando veniva spedito a più agenzie..)
    vabbè, ma come dice Lucarelli di Notte Blu: “…ma questa è un’altra storia” …. e noi stiamo occupando il post con altri argomenti… personali.

    ciao

  36. non per caso… è voluto anche l’allargamento … del cerchio.

    comunque in nessuno di quei post si dice che LE RIPRESE SONO STATE FATTE TRAMITE TELEFONINO (già da quando era fuori la porta della segreteria) ALL’INSAPUTA DELLE PERSONE CHE ERANO ALL’INTERNO, E OVVIAMENTE, SENZA IL LORO CONSENSO !!!!

    Per QUESTO motivo dico e ripeto che “il verme puzza … e mi sa di ingaggio a distanza” e che sono daccordo con la querela (PERCHE’ QUESTO E’ L’ARGOMENTO DEL POST).

  37. scusate e perdonate la lunghezza del mio commento, ma se leggete i commenti sul sito di martinelli a corredo del pezzo in cui martinelli parla della querela ricevuta c’è davvero da accapponare la pelle, traspare evidente un chiaro, razzistico disprezzo del sud, della sua cultura e della sua storia, della sua gente, tutto ciò fa davvero rabbrividire…
    ecco qualche perla:

    “a quelle latitudini ogni scusa è buona per far soldi…
    Essere querelato per aver detto la verità NON è certo una novità nel nostro “bel paese”…
    L’avvocaticchio servo della gleba fa solo il suo “sporco” mestiere, quello di difendere chi lo paga. con i nostri soldi!!!”

    e ancora:
    “Leggo ora che il BI-TONTO SINDACO di Bitonto ha dato seguito alle sue minacce e ti querela attraverso il suo avvocato AZZECCAGARBUGLI&ANALFABETA!!
    Come dici tu, chissà se l’onorario del legale(che parola INSIGNIFICANTE per certi INDIVIDUI)lo paga personalmnte di tasca sua il sig. BI-TONTO sindaco di Bitonto oppure se lo farà PAGARE alla COLLETTIVITA’ bitontina(così come lo STIPENDIO del PLURIPREGIUDICATO Capo della Polizia Municipale). Forse andrete a processo, quello che conta è che il CASO faccia NOTIZIA!! In quanto all’onorario del tuo di avvocato non ti fare problemi a dirci come ti possiamo sostenere .. questo ed altro per un LIBERO GIORNALISTA .. nel paese delle BANANE e dei BI-TONTI sindaci di Bitonto!!”

    arieccone un’altra:
    “LA QUERELA E’ L’UNICA ARMA A DISPOSIZIONE CHE HA IL SINDACO DI BITONTO PER REAGIRE CONSIDERANDO CHE DANIELE E LI SU IN ITALIA. SE FOSSE STATO PIU VICINO DICIAMO A BARI VI ASSICURO CHE SI SAREBBE RITROVATO UNA SERA SOTTO CASA CIRCONDATO DA LOSCHI FIGURI E MINACCIATO A MANO ARMATA.
    UN UOMO CHE VUOLE DIVENTARE SINDACO A BITONTO NON LO DIVENTA SOLO CON L’APPOGGIO DEI CITTADINI ONESTI.
    FIDATEVI E’ COSì, PURTROPPO QUESTE NOSTRE CITTA SONO GOVERNATE DALLA CRIMINALITA E NON CI SI PUO FAR NULLA, SE SI TIENE AL BENE E ALLA SALUTE DEI PROPRI CARI.”

    infine:
    “Non vi stupite, il sindaco ha avuto un chiaro atteggiamento mafioso e camorristico molto diffuso nei paesi del sud. In un paese di diversa cultura democratica il sindaco avrebbe scritto a Martinelli e ai cittadini per spiegare le ragioni di un assunzione poco chiara. Possiamo mandargli una mail?”

  38. Voi state giudicando De Paola, ma almeno sapete cosa ha fatto di così grave ??? molti parlano ma non sanno assolutamente niente.

    Io conosco la vicenda dalla TV, e non mi sembra che sia colluso con la malavita, ma al contrario ne ha arrestati tanti di delinquenti.

    I reati di falso ideologico, truffa aggravata sembra che si sia rubato chissa quanti milioni di euro, ma lo sapete che se un poliziotto carica il telefonino nella presa dell’Ufficio, può essere denunciato per furto di energia elettrica ??

    In realtà pare che lo si accusi (sempre fonti mas media) di un auto dell’amministrazione della P.S. utilizzata tra un servizio di polizia e l’altro per qualche scopo personale e altre cose del genere.

    E’ vero che la benzina costa assai, però ragazzi forse è costato di più averlo processato.

    Poi ragazzi, se vale per i delinquenti l’innocenza fino a prova contraria allora dovrebbe valere per chiunque.

    E’ anche vero che il sindaco VALLA da buon politico, poteva incaricare qualcuno meno bravo ma senza queste, diciamo, beghe giudiziarie.

    Però VALLA non è un politico ed è per questo che mi piace assai.

    Se mi sbaglio perdonatemi.

    Comunque meglio DE PAOLA che quei ladroni che rubano alla comunità migliaia di euro senza dare niente in cambio.

  39. Molti giudicano De Paola, ma almeno sapete cosa ha fatto di così grave ???
    molti parlano ma non sanno assolutamente niente.

    Io conosco la vicenda dalla TV, e non mi sembra che sia colluso con la malavita, ma al contrario ne ha arrestati tanti di delinquenti.

    I reati di falso ideologico, truffa aggravata sembra che si sia rubato chissa quanti milioni di euro, ma lo sapete che se un poliziotto carica il telefonino nella presa dell’Ufficio, può essere denunciato per furto di energia elettrica ??

    In realtà pare che lo si accusi (sempre fonti mas media) di un auto dell’amministrazione della P.S. utilizzata tra un servizio di polizia e l’altro per qualche scopo personale e altre cose del genere.

    E’ vero che la benzina costa assai, però ragazzi forse è costato di più averlo processato. Poi ragazzi, se vale per i delinquenti l’innocenza fino a prova contraria allora dovrebbe valere per chiunque.

    E’ anche vero che il sindaco VALLA da buon politico, poteva incaricare qualcuno meno bravo ma senza queste, diciamo, beghe giudiziarie.

    Però VALLA non è un politico ed è per questo che mi piace assai.

    Se mi sbaglio perdonatemi.

    Comunque meglio DE PAOLA che quei ladroni che rubano alla comunità migliaia di euro senza dare niente in cambio.

  40. Spero che il “Commissario Montalbano” del blog oltre ad aver visto la fiction con Luca Zingaretti abbia anche letto “di sfuggita” qualche libro del Camilleri nazionale.

    Siccome è un mio amico di letteratura il Vero Commissario Montalbano ed abbiamo molti punti in comune, prudendomi il naso, sento di doverlo difendere dall’appropriazione indebita del suo nick-name, considerate le opinioni espresse.

    Tuttavia, se ne hai bisgno, caro Commissario Montalbano falso, posso fornirti qualche libro in prestito.
    Ti ricrederesti un pò e capiresti che al mio amico Salvo questa tipologia di prefetti o questori prprio non va giù!!

    W ALDERIGHI BONETTI !!
    W IL COMMISSARIO MONTALBANO !!
    W ANDREA CAMILLERI !!
    W IL SINDACO VALLA!!

  41. Sisi tutti d’accordo..

    16-08-2007 09:56 – CRONACA / GIUDIZIARIA
    Altre accuse per De Paola

    E’ stato rilasciato il responsabile della polizia di frontiera in Alto Adige Leonardo De Paola, arrestato il 1° agosto a Bari con le pesanti accuse di peculato continuato e aggravato, truffa ai danni dello Stato, falso ideologico e abuso d’ufficio. Nel frattempo il pm Benno Baumgartner ha contestato altri episodi in cui il funzionario avrebbe approfittato della sua posizione. Dal 22 febbraio al 6 aprile, De Paola sarebbe andato 16 volte a sciare ad Obereggen mentre era in servizio. Quattro o cinque volte lo avrebbe fatto con l’auto di servizio, con tanto di autista, segnando 27 ore di straordinario.

    Sisi andava con la macc di servizio a fare la spesa..

  42. 27 ore di straordinario per un poliziotto costano allo Stato 135 euro?
    chiederò spiegazioni al mio consigliere comunale di fiducia (strano che Natilla non abbia fatto una interrogazione, lui sempre ligio al dovere e contro le cose ‘strane’!)… come mai in piena campagna elettorale sono stati presi dalla vecchia amministrazione dal fondo di riserva 30.000 euro per certe guide turistiche che non sono riuscito a TROVARE IN GIRO. Anzi nei prossimi giorni andrò in Biblioteca comunale a chiederne una copia per consultarla. Li ne avranno almeno una copia, no?

  43. E’ da qualche giorno che mi ronza nella testa questo maledetto “così fan tutti” riferito alle presunte marachelle per cui il Dott. De Paola è inquisito dalla Procura di Bolzano.

    Premetto : ho già scritto e ribadisco quanto segue :

    A) è una barbarie giuridica la conferenza stampa di Tarfusser per pubblicizzare le pendenze giuridiche di De Paola.

    B) sono esempi di inciviltà politica sia la nomina di De Paola che la omertà di tutti i consiglieri comunali sul problema delle sue pendenze giuridiche.

    C) l’operato di Martinelli è per me solo una becera provocazione, volgare e superficiale.

    Scrivo ora che a mio parere Valla/Pantaleo hanno fatto bene a querelare Martinelli … io avrei fatto lo stesso.

    Assodato questo, forse l’aspetto peggiore che risalta da questa vicenda è che quel “così fan tutti” continua a riecheggiare e prende forza in + di un intervento.

    Ma dove siete arrivati ? Ma cosa significa scrivere con accondiscendenza che COSI’ FAN TUTTI ?

    Posso venire nelle vostre tasche a prendere 135,00 € spacciandomi per rappresentante di un ente benefico e invece poi me li pappo al ristorante senza che voi diciate nulla ? Non credo, perché sono soldi vostri e vi incazzereste giustamente come animali sentendovi presi per il culo.

    Vorrei sottoporvi assai schematicamente alcuni spunti di riflessione a riguardo :

    (1) non rompete le palle con lamenti sullo spreco del denaro pubblico se avete questa accondiscendenza per comportamenti disonesti … il denaro pubblico viene sprecato perché esistono persone come voi che se ne fregano del denaro pubblico ma pensano solo alle proprie tasche.

    (2) è triste, ma se De Paola lo avesse nominato Pice molti di voi avrebbero invertito completamente i loro giudizi bastonando l’operato del Sindaco e invocando la “purezza” come requisito per un incarico pubblico.

    (3) se COSI’ FAN TUTTI vi va bene, per favore non vi impegnate mai in Politica in prima persona, credo che sareste accondiscendenti anche verso i comportamenti eventualmente disonesti di voi stessi.

    (4) domandatevi chi era e cosa ha fatto prima di essere ammazzato Giorgio Ambrosoli, poi non chiedetevi se voi arrivereste a sacrificare la vostra vita sull’altare della ONESTA’ come Lui ha fatto, ma almeno ammettete guardandovi allo specchio che scrivere con un sorriso accondiscendente che “così fan tutti” è una offesa al valore della vostra DIGNITA’ DI CITTADINI.

    Saluti

  44. Sacetox penso che la differenza tra me e te (o per meglio dire tra me e gli altri che accomuni a me) è proprio questa: il tuo punto nr 2.

    Guarda che di cose da dire della passata amministrazione ce ne sono a bizzeffe. Morali e non. Etiche e non. Ma mi hai mai visto venir qui a sbandierare l’immoralità o la controetica di questo o quell’altro, o di Pice?

    Questo compito lo lascio ai nuovi consiglieri (di maggioranza) che se si impegnassero un pò di più avrebbero già trovato (da mooooo) le falle del passato. E non è escluso che già non ne abbiano trovati visti i “dico non dico” di qualche assessore e/o di qualche consigliere.
    Questo forse sarebbe più interessante da capire!

  45. Jimmy, quello che volevo dire con il punto n° 2 è che molti faziosi cambiano i loro parametri di giudizio a seconda della parte politica su cui va espressa una opinione.

    Io lotto quotidianamente contro le mie molte debolezze per non essere fra questi faziosi e ho espresso giudizi pesanti sull’operato di Pice nel passato (il caro Polimark credo ricorderà).

    Se Tu non ritieni di essere tra questi faziosi, buon per te, non sentirti tirato in causa.

    Per Tua conoscenza, ho già scritto che se venisse scoperto e provato un qualunque PERCOCO fatto da qualcuno nelle passate amministrazioni (non solo in quelle di Pice), io da Cittadino sosterrò il comminamento della meritata sanzione.

    Ma ho già dimostrato che questa amministrazione/maggioranza di “finta destra” ma in realtà di “vecchio centrosinistra riciclato e allargato” può e deve chiedere conto dei vari e possibili percochi passati ai suoi stessi componenti di oggi nelle persone di Lisi, Ferrara, Giammarelli , Antonio Labianca , Lillino Labianca, Antuofermo, Tarantino, Desantis.

    E poi per favore ricorda che il “dico – non dico” non appartiene ad alcuna regola di Buona Politica, ma appartiene solo a questa nostra epoca di omertosa inciviltà politica.

    Ti prego di accettare un consiglio Jimmy, togliti la maglietta della “squadra PDL” e rifletti libero da condizionamenti di faziosità … impara a confrontarti con le ragioni esposte dagli ALTRI …poi ci risentiamo.

    Saluti

Lascia un commento