PROGETTO REFUGEES IN PROGRESS, RINNOVO E POTENZIAMENTO

Nel 2001 fu la prima azione condotta da Pice in materia di diritto d’asilo. Somma: “Il mio personale impegno è quello di incrementare i servizi di Bitonto Integra”.

2128774841.JPGContinuerà l’impegno di Bitonto per l’accoglienza e l’integrazione per rifugiati e richiedenti asilo. Lo ha deciso la giunta comunale che, nella seduta del 3 settembre e dopo la relazione dell’assessore Somma, ha deciso di proseguire per il biennio 2009-2010 il progetto Refugees In Progress.
La scelta si pone in linea di continuità con quanto fatto dall’amministrazione Pice, il cui impegno determinante in questo campo permise alla città di salire agli onori della cronaca con attività uniche nel genere e sul territorio del Sud Italia. Già nel 2001, infatti, il Sindaco-professore avviò una serie di azioni in partnerariato con le municipalità di Alberobello e Barletta in materia di diritto d’asilo.
Il primo progetto fu proprio Refugees In Progress, inserito nel Sistema nazionale di protezione per richiedenti asilo e rifugiati. L’azione prevede accoglienza (42 i posti letto attivati, ndr), attività di formazione e accompagnamento nella ricerca del lavoro. Nel 2003 la progettualità si articolò con Bitonto Integra, che si spinge nella sperimentazione di un nuovo modo di sostenere i rifugiati nel percorso di integrazione, fornendo loro gli strumenti per conoscere il territorio attraverso servizi integrati. Una vera innovazione, in altri termini, che consacrò il centro interculturale come il primo in Puglia promosso da un ente locale.
Oggi l’attenzione su tali problematiche si conferma altissima e le intenzioni della giunta Valla rimangono quelle di continuare a sostenere e promuovere questo ‘fiore all’occhiello’ della città. “Le politiche dell’immigrazione ci stanno molto a cuore –  spiega l’assessore alle Politiche Sociali, l’avvocato Damiano Sommae questo non significa essere sdoganati dal punto di vista politico. Riconosco l’egregio lavoro fino ad ora svolto con lo Sportello Integra, che è davvero un’iniziativa che fa distinguere Bitonto tra le altre città d’Italia.” E l’amministratore ci aggiunge del suo, con rinnovata mobilitazione cui fa seguito rinnovata progettualità. “Il mio personale impegno è quello di incrementare i servizi dello sportello non soltanto come centro per questi ragazzi rifugiati o richiedenti asilo.” L’idea dell’avvocato, cioè, è quella di ampliare le opportunità offerte da Integra a tutti gli altri “ospiti del Cara (ovvero degli ex Cpt, ndr) implementando nuovi corsi”, come quelli di studio delle leggi italiane o per l’uso dei computer. “Le proposte sono già sul tavolo – promette Somma – e gli appuntamenti sono davvero prossimi.

Marica Buquicchio
PROGETTO REFUGEES IN PROGRESS, RINNOVO E POTENZIAMENTOultima modifica: 2008-09-06T11:06:00+02:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “PROGETTO REFUGEES IN PROGRESS, RINNOVO E POTENZIAMENTO

Lascia un commento