DA BITONTO A MOLFETTA TRA FEDE E TRADIZIONE

L’occasione è il Solenne Settenario di preparazione alla festa liturgica dell’Addolorata. La cittadina Arciconfraternita di Maria SS. del Suffragio curerà un momento di animazione.

1572655966.jpgSta prendendo sempre più forma il cammino comunitario, avviato qualche anno fa, delle Confraternite meridionali depositarie delle tradizioni della Settimana Santa. Incontri, tavole rotonde, meeting e viaggi comunitari cementano i rapporti tra le realtà confratrenali e mirano alla salvaguardia di questi riti secolari, con l’obiettivo dichiarato di preservarli e perpetrare nel tempo il loro svolgimento. Una della promotrici del percorso di rete è l’Arciconfraternita della Morte di Molfetta, che ha nel suo attuale presidente, Franco Stanzione, un infaticabile ed appassionato promotore di iniziative simili.
In occasione della festa liturgica dell’Addolorata, per esempio, organizza il Solenne Settenario di preparazione. Quest’anno, poi, è particolarmente importante per la confraternita molfettese perchè ricorrono i 50anni dalla realizzazione della splendida immagine dell’Addolorata, plasmata dalle mani dell’artista Giulio Cozzoli che tante testimonianze mirabili ha lasciato nella terra di Puglia.
Per celebrare l’anniversario, ma anche per cementare il rapporto con le “sorelle”, il settenario sarà animato ogni sera da una confraternita diversa. Tra le invitate c’è anche la bitontina Arciconfraternita di Maria SS. del Suffragio che, con la sua amministrazione presieduta da Andrea Lovascio e la partecipazione di alcuni confratelli, curerà uno dei momenti di preghiera del Settenario. Le altre sei giornate saranno affidate alla Confraternita Maria SS. del Suffragio di Ruvo di Puglia, alla Confraternita dell’Addolorata e di San Domenico di Taranto, alla Confraternita della Purificazione di Ruvo di Puglia, alla Confraternita Maria SS. Addolorata di Andria, alla Real Maestranza di Caltanissetta e all’Arciconfraternita del SS. Crocifisso di Sessa Aurunca.
Gli incontri saranno tesi anche a porre le basi per il cammino quaresimale 2009 ed iniziare a predisporre i progetti comuni di promozione dei riti.

Francesco Paolo Cambione
DA BITONTO A MOLFETTA TRA FEDE E TRADIZIONEultima modifica: 2008-09-06T10:56:20+02:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento