BITONTO2, RINNOVATE LE CARICHE SOCIALI

Dopo l’assemblea di luglio e il vigoroso slancio per la realizzazione dell’area il rinnovo del CD. L’architetto Massarelli confermato presidente, l’imprenditore Sifanno vice.

2025569910.JPGDopo l’incontro di luglio, procede a passo svelto il lavoro del nuovo Consiglio direttivo del consorzio Bitonto2. Le speranze regalate dalla amministrazione comunale hanno dato nuovo vigore a tutto il procedimento e anche durante le ferie il consiglio – eletto a luglio – ha lavorato alacremente per poter riprendere a tappe forzate l’iter procedurale già dai primi giorni di settembre.
Nella assise del 28 agosto, così, si è provveduto a rinnovare le cariche sociali: alla presidenza è stato confermato l’architetto ingegner Gioacchino Massarelli, che tante energie personali e professionali sta spendendo nello sviluppo del progetto, spesso rendendosi protagonista di accesi scontri con una burocrazia elefantiaca e deterrente per lo sviluppo della città.
Alla carica di vicepresidente è stato scelto Antonio Sifanno, mentre il tesoriere è Benedetto Elia, entrambi confermati nei rispettivi incarichi. Il Consiglio direttivo  – che viene eletto da tutti i soci – è composto anche da Giacomo Albergo, Saverio Sivo, Domenico Alberga e Massimo Saracino. A quest’ultimo è ancora  affidato il ruolo di segretario.
Il CD si avvale, in più, delle preziosa collaborazione di due professionisti bitontini: il dottor Michele Naglieri, per quanto riguarda tutta la parte contabile e fiscale della procedure, e dell’avvocato Gabriele Bavaro per le questioni legali.
Il Consorzio Bitonto2, come noto, è formato da proprietari terrieri della zona nord-est di Bitonto nel territorio che fondamentalmente va dalla via per Santo Spirito, via dei Filieri e la poligonale. All’interno di quest’aree è stato previsto un piano di lottizzazione con la realizzazione di abitazioni, uffici e strutture di pubblica utilità. Tuttavia il progetto, in piedi già da alcuni anni, ha subito numerosi rallentamenti a causa di un comportamento a volte fin troppo rigido dell’ufficio tecnico comunale, che non ha mai rilasciato le autorizzazioni per passare alla fase operativa. Da sottolineare: la convenzione con il Comune prevede anche la realizzazione, a spese dei consorziati, di tutte le opere di raccordo tre le varie aree e la disponibilità per isole verdi e uffici pubblici. Un progetto, insomma, che potrebbe davvero dare una svolta al settore edilizio bitontino da anni in gravissima crisi, proprio per la mancanza di una politica in grado di creare un mercato efficiente. Non va sottaciuto, altresì, il fatto che uno dei motivi dell’elevatissimo costo delle case in città è proprio dovuto alla mancata realizzazione, negli ultimi anni, di un numero sufficiente di nuove abitazioni, rendendo il mercato asfittico dal lato dell’offerta. La speranza di imprenditori e proprietari è quello di passare alla fase esecutiva entro pochi mesi, regalando nuova crescita a Bitonto.

Francesco Paolo Cambione
BITONTO2, RINNOVATE LE CARICHE SOCIALIultima modifica: 2008-09-03T08:50:00+02:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “BITONTO2, RINNOVATE LE CARICHE SOCIALI

Lascia un commento