DALLA REGIONE FONDI PER L’UFFICIO TURISTICO

Sarà ospitato a Palazzo Rogadeo. Operativo entro gennaio 2009.

349959540.2.JPGBitonto rientra tra i Comuni ammessi dalla Regione Puglia al finanziamento comunitario per la realizzazione di un Ufficio di Informazione e Accoglienza Turistica (IAT). Il progetto rientra nel programma regionale, approvato con delibera di giunta dello scorso giugno, che prevede la realizzazione, fra le 132 proposte pervenute, di 70 uffici IAT in tutta la Regione. La proposta bitontina si è classificata al 50° posto, ottenendo così il finanziamento di 70mila euro e punta alla rifunzionalizzazione dei locali del piano terra di Palazzo Rogadeo, sede della Biblioteca comunale, in pieno centro storico. La struttura sarà recuperata ed adeguata alle esigenze dei turisti, anche secondo gli obblighi di accessibilità previsti dalla legge; sarà, inoltre, dotata di infrastrutture tecnologiche che permetteranno allo IAT di Bitonto di essere in rete con gli altri IAT regionali. Il programma regionale, infatti, si prefigge di riqualificare gli Uffici Turistici già esistenti sul territorio pugliese e di attivarne di nuovi, in particolare coordinando le tecnologie, gli standard di servizio, ma anche gli aspetti di immagine coordinata. I progetti, destinati alle città che rientrano nei PIS Progetti Integrati Settoriali, sono finanziati con le risorse dei fondi regionali POR.
Il finanziamento della Regione Puglia premia l’attenzione che Bitonto sta riservando al settore della cultura e del turismo, attraverso la convergenza delle attività imprenditoriali e istituzionali. Il progetto è stato realizzato sulla base dei dati sul turismo in città, raccolti in uno studio realizzato dalla Soc. Coop. Ulixes, che gestisce attualmente l’Info point turistico in Porta Baresana, struttura che lavorerà in collaborazione con lo IAT, la cui piena operatività è prevista per il prossimo gennaio.
Il finanziamento regionale certifica un grande successo” dichiara l’assessore al turismo, Ennio Vacca. “Non partivamo in vantaggio a causa della bassa capacità ricettiva di posti letto di Bitonto, soprattutto rispetto ai comuni limitrofi. La qualità progettuale e l’analisi dettagliata e puntuale delle evoluzioni previste nelle città proprio nel settore turistico, però, ci ha premiato, dando così la possibilità di avere a Bitonto una struttura che sarà in rete con tutta la Regione”.
Per l’assessore ai fondi strutturali, Nicola Antuofermo, l’approvazione del progetto IAT a Bitonto “conferma la bontà della politica progettuale della giunta Valla che intende investire il massimo sforzo nella collaborazione tra pubblico e privati per ottimizzare la capacità attrattiva di contributi sul nostro territorio”.

Cs a cura di Comune di Bitonto – Ufficio Comunicazione e Informazione
DALLA REGIONE FONDI PER L’UFFICIO TURISTICOultima modifica: 2008-09-02T12:54:00+02:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “DALLA REGIONE FONDI PER L’UFFICIO TURISTICO

  1. Buona sera io sono Luca,
    Vi sto scrivendo a nome anche dei miei amici. Noi siamo un gruppo d’amici della provincia di Verona che pratichiamo il ciclo turismo. Noi stiamo girando d’estate in sella alle nostre mountain-bike tutta l’Italia, e non solo, così tutti gli autunni, come ora, decidiamo una zona che ci piacerebbe visitare e poi cominciamo ad organizzarci raccogliendo materiale ed informazioni. Per il nostro prossimo giro noi abbiamo già deciso: noi vorremo fare i TRATTURI. Infatti pochi giorni fa abbiamo ascoltato per radio una trasmissione che diceva di un tratturo, ovvero sentiero usato dai pastori per la transumanza, che partiva dall’Abruzzo e che attraverso il Molise arriva fino al Tavogliere delle Puglie. Si diceva che la peculiarità di questo Tratturo, oltre al fatto che toccava 3 regioni, era che si snodava sulle montagne vicine al mare. In pratica dicevano sempre che, in questo Tratturo si godevano le montagne ma anche il mare che lo si vedeva spesso dall’alto. Naturalmente questo è un sentiero principalmente per far dello treking ma dicevano che era possibile percorrerlo anche con delle buone mountain-bike (come le nostre) magari facendo una qualche piccola deviazione on alcuni punti del sentiero. Noi ci siamo messi subito a far una ricerca su Internet per trovar questo Tratturo ma non ci siamo riusciti. Purtroppo la rete è troppo dispersiva e abbiamo trovato tantissimo materiale sui Tratturi e non sappiamo quale possa essere quello che noi cerchiamo. Così abbiamo deciso di chiedere il vostro aiuto; infatti vi Vi chiediamo se gentilmente potete rispondere a questa Mail e mandarci tutto il materiale (nome del Tratturo percorso/cartina/mappa e magari anche la sua variazione altimetrica (e varie altimetrie che si toccano) a vostra disposizione così noi possiamo cominciare a pianificare e organizzare il nostro futuro giro alla scoperta delle bellezze della natura ma anche delle tipicità eno-gastronomiche nonché, delle bellezze artistiche e storiche della nostra Italia.
    Fiduciosi di ricevere da voi del buon materiale e dei buoni suggerimento Vi ringraziamo anticipatamente per il vostro aiuto e Vi salutiamo.
    Grazie mille e SALVE

Lascia un commento