MERCE RUBATA ED INSEGUIMENTO MOZZAFIATO: TRE I BITONTINI IN MANETTE

L’operazione è avvenuta nei pressi di Andria martedì 8 Aprile

35mila euro di merce rubata, per un totale di 224 colli di abbigliamento sportivo, e 4 arresti. Questo è il bilancio della operazione dei Carabinieri di Andria avvenuta martedì scorso.
Accusati di ricettazione, tentato omicidio, lesioni personali e danneggiamento, i quattro, già noti alle forze dell’ordine, sono stati portati nel carcere di Trani dopo un pomeriggio da far west. La banda, di cui tre componenti sono bitontini, è finita dietro le sbarre solo dopo un inseguimento mozzafiato, degno delle più avventurose sceneggiature da film.
Roccambolesca la dinamica dei fatti.
Nel tardo pomeriggio di martedì, avanzava nei pressi del casello autostradale di Andria un camion seguito da una Lancia Lybra. Entrambi i mezzi, notato un posto di blocco dei Carabinieri, hanno insolitamente invertito la propria marcia, ritornando in direzione di Bari. Insospettitisi, allora, i Carabinieri hanno deciso di seguire e bloccare l’autocarro per un controllo. Dopo averlo raggiunto ed aver intimato l’alt, il mezzo pesante ha scaraventato fuori strada la volante dei Carabinieri e ha cominciato una folle corsa. Raggiunto subito dopo da un’altra pattuglia delle forze dell’ordine, il camion è riuscito a speronare anche la seconda volante ma a questo punto ha perso il controllo ed è finito fuori carreggiata.
Scattate le manette per l’autista, anche gli altri tre sono stati rintracciati poco dopo ancora a bordo della Lancia Lybra.
I cinque militari, protagonisti dell’inseguimento, non sono rimasti gravemente feriti, guariranno in dieci-venti giorni.

Marica Buquicchio 

MERCE RUBATA ED INSEGUIMENTO MOZZAFIATO: TRE I BITONTINI IN MANETTEultima modifica: 2008-04-10T11:10:00+02:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

10 pensieri su “MERCE RUBATA ED INSEGUIMENTO MOZZAFIATO: TRE I BITONTINI IN MANETTE

  1. Non credo che dire i nomi di gente che ha commesso crimini voglia significare renderli famosi, comunque secondo me dovremmo iniziare a dare un nome alle cose ed alle persone sempre nel bene e nel male in modo che la gente possa capire chi ha davanti e possa decidere di fidarsi o meno. Grazie Marco

Lascia un commento