I CANDIDATI SINDACI ALL’UNISONO SULL’URBANISTICA

3f8e5ec1467621224d9a8e30d9338dca.jpgConfronto pubblico agrodolce quello che ieri sera ha chiamato a raccolta i candidati sindaci a Palazzo di Città (clicca qui per vedere le immagini). Tema: le prospettive urbanistiche future di Bitonto, fra ambizioni e opportunità all’interno della nascente area metropolitana strategica e sfide ambientali decisive, dall’energia allo smaltimento dei rifiuti.
L’incontro, promosso dalle associazioni cittadine di Geometri, Ingegneri e Architetti (i cui presidenti hanno moderato il dibattito) ha visto la presenza di tutti gli aspiranti primi cittadini, eccezion fatta per Vito Palmieri, trattenuto da impegni lavorativi.
Un confronto agrodolce, si diceva, sospeso cioè tra la melensa concordia “partecipativa” dei “magnifici sette” e l’aspro sconcerto dei molti presenti. Intesa bipartisan dunque – “septepartisan”, per essere più corretti – sulle metodologie progettuali di pianificazione urbanistica: lodi e cori angelici per il PartecipaPug (meno finemente definito dagli oratori “urbanistica partecipata”), il modello di pianificazione urbanistica condivisa e corretta “dal basso”, che sta riscuotendo notevole successo in diversi comuni anche limitrofi. Determinante per raggiungere questo obiettivo il reintegro delle piene funzioni degli organismi consultivi collegiali previsti dal nostro Statuto Comunale nello strumento del Forum delle Consulte, mestamente caduto in tacita disgrazia negli ultimi tempi.
Interessanti, ad ogni modo, le peculiarità delle proposte offerte da ciascuno sul tema:

Pasquale Bacco, seppur nella brevità della sua presenza a Palazzo Gentile citava genericamente il bisogno di interventi urgenti, dal traffico all’assetto stradale, alla riqualificazione delle frazioni, per poi ricavalcare i cavalli di battaglia della sua campagna: rinnovamento e ricambio politico, mondature della pubblica amministrazione.

Tecnico l’intervento di Giuseppe Cannito : raccolta differenziata per scongiurare la realizzazione di un termovalorizzatore a soli 4 km dalla città ed un efficiente piano energetico comunale, che promuova la sperimentazione di fonti rinnovabili, dal fotovoltaico alle biomasse vegetali; last but not least un database informatico delle opere pubbliche realizzate e realizzabili, con nomi e numeri, di appalti, gestioni e costi.

Sempre votato allo sguardo plurale Filippo D’Acciò,che insisteva sul recupero della partecipazione responsabile dei cittadini, citava progetti e finanziamenti nazionali ed europei, proponeva interventi di decongestionamento del centro urbano (sottopassi, linee di viabilità periferica alternativa…) e denunciava il deficit di organico dell’Ufficio Tecnico Comunale.

Naturalmente sub specie societatis il discorso di Arcangelo Morea, allarmato dai gravi problemi di convivenza che ogni giorno la città si trova ad affrontare, specie nei confronti degli immigrati e degli zingari in primis. Proponeva poi la valorizzazione dell’anello viario della Poligonale e la costituzione di Albi professionali specifici per le competenze tecniche nel settore urbanistico.

Convincente Giovanni Rossiello: infrastrutture nella zona ASI (visto anche l’incipiente insediamento produttivo della Fassa Bortolo), riqualificazione della Poligonale, recettività d’impresa per l’area PIP, prosecuzione della pianificazione di “urbanistica solidale” intrapresa con le opere del Piano Urban. In sintesi, uno svecchiamento dell’abito urbanistico di Bitonto.

Anche Francesco Scauro invitava alla responsabilità verso il futuro della città e ricordava la sperequazione fiscale dei residenti delle frazioni, che spesso pagano ICI inadeguate, aprendo anche all’attenzione per il verde e l’edilizia pubblica.


Infine, Raffaele Valla, esatto, indicava una sola proposta complessiva: il Piano Regolatore Sociale, motivo d’orgoglio del Programma del Cantiere della Partecipazione, specie per il connubio che opera fra politiche urbanistiche e politiche sociali, aprendo ad un modo nuovo – socialmente sostenibile –di gestire la città e le sue necessità logistiche e produttive.


Un dibattito piacevole e disteso, costruttivo. Ma anche vibrato dai lazzi molesti di una claque ad hoc posita, come dalle polemiche da più parti sollevate sulla mancanza di specificità e fattibilità delle belle idee declamate. Al punto da consigliare la suscettibilità di uno dei protagonisti ad una ritirata anticipata.
Tant’è. Il fiore della sorte elettorale di ciascun candidato, tra i petali “m’eleggono”-“non m’eleggono” uno ad un strappati, lentamente avvizzisce.
Che questa tiepida primavera ce ne porti di nuovi e profumati da regalare ai candidati il 13 e 14 aprile.
Magari, nontiscordardimè.

Sabino Paparella
I CANDIDATI SINDACI ALL’UNISONO SULL’URBANISTICAultima modifica: 2008-04-01T08:40:00+02:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

47 pensieri su “I CANDIDATI SINDACI ALL’UNISONO SULL’URBANISTICA

  1. 2° autogoal x il valla fan-club!!!

    (il primo è stato non presentarsi su rai 3)
    alzarsi e andar via da un’ “assemblea pubblica” senza salutare e/o dare spiegazioni…vorrei tanto capire

    ne siete ancora così sicuri??? è uno scherzo??? secondo me è TRANING AUTOGENO!!
    ma vi rendete conto della magra figura!!!

    avrebbe potuto avere tutti i suoi buoni motivi per abbandonare la sala degli specchi!!!
    ma per rispetto verso:
    1) le associazioni cittadine di Geometri, Ingegneri e Architetti meritevoli di aver oraganizzato e moderato l’incontro.
    2) i cittadini presenti e numerosi

    Avrebbe dovuto dare una minima spiegazione circa la decisione di “ritirarsi”…x non parlare poi di SALUTARE i presenti!

    COMUNICARE è una delle qualità che un sindaco deve possedere!
    ieri sera non abbiamo avuto un buon esempio da parte del candidato in questione.

  2. ……..riprendendo ciò ke ha detto orange…….non si presenta ai dibattiti in tv, va via senza salutare………ma siamo sicuri, se sarà eletto, che avrà sempre la porta aperta a tutti? Oppure ce la chiuderà in faccia?

  3. ” tanto vincerà valla” ne siete ancora così sicuri??? è uno scherzo??? secondo me è TRANING AUTOGENO!!
    ma vi rendete conto della magra figura!!!

    macava la citazione nel post precedente…I’m sorry (non riesco a postare in modo corretto

  4. le chiacchiere sono tante e i fatti pochi. valla è un uomo tecnico non politico , se la cosa diventa politica nei dibattiti pubblici valla non partecipa non è il rossiello di turno , uomo politico e di partito.Cque missà che la cosa più importante sia stata quella proposta da valla :il piano regolatore sociale.
    per quanto rigurda rossiello , anche la coalizione pice dieci anni fa, e cinque anni fa, ci parlò di riqualificazione della pip della poligonale ecc….ma mai niente si è fatto.

  5. siamo in campagna elettorale e valla non vuole fare il politico!?

    e poi più tecnico del tema di ieri??……….ma non ci arrampichiamo sugli specchi!! ad un certo punto mi ha fatto veramente tenerezza perchè era percettibile a livello epidermico la sua estraneità al contesto, il suo sentirsi a completo disagio!!!

    le chiacchiere sono veramente tante!!!
    ci troviamo in DEMOCRAZIA(parteciapta…come il piano regolatore) NON in “TECNOCRAZIA”

  6. Per favore paolo, vox populi risparmaiteci i vostri commenti, le vostre chiacchiere ci hanno stufato!!!
    Vergognatervi almeno voi per il vostro candidato sindaco, per le sue assenze in tv, e le sue brevi apparizioni (ieri sera 180′ al comune), ma dove pensate di andare ?
    Nel comune la presenza di Valla ieri è stata la sua prima e ultima apparizione.

  7. ma come pensate di poter affidare l’amministrazione comunali ad un uomo prettamente tecnico che non sa minimamente come gestire una amministrazione pubblica????????????????
    Il miopismo con cui si cerca di vedere il meglio in una coalizione che è il tipico “calzone” di San Giuseppe mi fà rabbrividire.
    Per il bene di Bitonto, cercate di scegliere il meno peggio (o almeno persone che cmq hanno operato nel mondo politico a prescindere dai risultati) altrimenti chi governerà per 5 anni Bitonto sarà il CALZONE DELLA PARTECIPAZIONE e francamente a questo punto penso che il voto di queste amministrative sia un voto di responsabilità civile. Lasciamo perdere i millantatori.

  8. infatti(concordo con miki e marco) abbiate l’umiltà di ammettere che avete FLOPPATO!!!
    e abbiate anche il coraggio di ammettere ke il candidato del “fan-club della partecipazione” non è incline al dialogo e al confronto, contrariamente a TUTTI gli altri candidati.

    ” tanto vincerà valla…”……avete inciso il nastro da ascoltare mentre dormite così vi motivate?!

  9. comunque passando ai contenuti del dibattito l’unica proposta che secondo me è stata veramente interessante è stata quella avanzata dal candidato MOREA.

    Rivalutare la poligonale ke la passata amministrazione ha “sapientemente” ceduto alla provincia

    Bitonto è strozzata dalla S.P 231 e dalla ferrovia e invece di estenderci verso Mariotto e Palombaio si è preferito farlo verso il depuratore, è il caso di dirlo ce ne stiamo andando nella m……

  10. naaaa dobbiamo scegliere il meno peggio o “almeno persone che cmq hanno operato nel mondo politico a prescindere dai risultati”.
    A PRESCINDERE DAI RISULTATI! Miki ma ti sembra proponibile una affermazione simile?
    Bitonto dovrebbe indicare come sindaco una persona che conosca il linguaggio politico, poi se non arrivano i risultati, non importa lo stesso. Per lo meno saprà, con la dialettica, esprimere concetti che poi … magari non concretizzerà, perchè eletto a prescindere i risultati.
    Ma poi! A prescindere i risultati, parlando il tanto scomodo linguaggio politichese che alla gente non piace, a sinistra cosa c’è di nuovo? La disarmonia? La competizione? Evidenti spaccature? Diversità di vedute sulla risoluzione dei problemi?
    Valutando anche l’aspetto politico, consideriamo che la sinistra ha indicato almeno 4 candidati sindaci (volendo credere che Morea è al di sopra di destra e sinistra, ma con una notevole fatica). Questa evidente frantumazione “della gente di sinistra” dimostra che nemmeno l’arte dell’armonia (la politica) abita a sinistra!
    Quindi ci troviamo dinanzi a “persone che cmq hanno operato nel mondo politico” -come dice Miki, ma fallendo, vista la disgregazione e non prescindendo dai risultati (miki – io i risultati devo considerarli), ci troviamo dinanzi a persone che si ripresentano dopo aver governato una città senza apportare benefici alla Comunità. Un Europarlamentare, un Deputato, un Senatore, consiglieri regionali, consiglieri provinciali …. in 15 anni la sinistra ha rappresentato Bitonto in tutti i consessi rappresentativi. Ma senza risultati. Ma dovremmo continuare a premiare i “bravi politici” della sinitra a prescindere dai risultati!
    Questa ragione su cui dovrebbe basarsi la scelta dei bitontini, fa capire come ormai la sinistra bitontina “sia alla frutta”.

    “Votateci perchè almeno sappiamo parlare, intrattenere il pubblico, farvi promesse: sappiamo prometter una 167 che non sia un dormitorio, o una Bitonto con cavalcavia e sovrappassi che non sia ristretta nella morsa della Statale e dellla Ferrovia, poi faremo di Bitonto una città sicura! E il centro storico …. rivoltato come un calzino, farà invidia a Bari, trani. E da bravi politici vi promettiamo anche il porto a Bitonto.” Si può promettere tutto, tanto poi la gente se votaerà il 13 e 14 aprile un candidato della sinistra, lo avrà fatto “a prescindere dai risultati”.
    MIKI! Dimmi che la tua affermazione è un nobile e simpatico PESCE D’APRILE! Dimmi che la tua affermazione è un disperato tentativo di racimulare il voto di qualche “pasionario” della politica con la “p” minuscola! Dimmi che la tua era una provacazione e non una offesa all’intelligenza di quanti a prescindere dalla politica, la mattina si alzano alle 6 e vanno in campagna, in fabbrica e spesso (politica a prescindere) non ci fanno più ritorno perchè sul lavoro (politica a parte) in Italia si muore sempre di più!
    E poi sempre a presciondere dalla politica, parlami di quanti subiscono un furto in appartam ento o mentre sono in campagna a l lavoro e magari dei teppistelli che con moto senza targhe ronzano per il centro storico e scambiano la manica della frisola per la variante di Lesmo. Ed ancora a prescindere dalla politica, parlami anche di un sindaco che a livello di COMUNICAZIONE non sapeva, quando messo alla corda in Consiglio Comunale, fare altro che scuotere la testa e affermare… io mi baso sulla mia maggioranza!
    Miki! Se adori fare politica …… cambia Città! Fa come fanno molti muratori che partono alla domenica sera diretti al nord e tornano in furgonati, solo al venerdì sera, per il solo e semplice motivo che l’edilizia a Bitonto è BLOCCATA! Vai anche tu nella florida Emilia Romagna, dove a prescindere la Politica contano i risultati.
    Rispondo anche al terzo gemello (per quanti hanno letto l’omonimo romanzo) di Gio e di A….o. A prescindere la politica, la policgonale è stata fortemente voluta da Giuseppe Cazzolla, consigliere comunale liberale (di destra, quindi) per favorire l’occupazione bracciantile e rilanciare il settore trainante per Bitonto, l’agricoltura. E quel progetto non è mai stato adeguato ai tempi e ammodernato. Anzi la poligonale “saggiamente” è stata passata alla competenza della Provincia! (a prescindere dai RISULTATI!).
    Bitonto merita altro! I risultati, innanzitutto! e la centralità dell’elettorato, dei problemi del corpo elettorale!

    Bitonto a prescindere dalla politica mandi a casa chi ha fatto politica a prescindere dai risultati!

  11. Caro Gabriele, il mio “invito” a fidarsi di persone che sanno cos’è la politica senza considerare i risultati era ovviamente ironico ed indicato ai disfattisti e miopi come te che pur per un po di gloria personale preferiscono “cambiare”.
    I risultati raggiunti negli ultimi anni sono evidenti, ma ovviamente per campagna elettorale (legittimamente) si continua a dire che non è stato fatto nulla.
    Gira tra le genti e senti la vera VOCE DEL POPOLO.
    La scelta del “meno peggio” è un invito a te e tutte le persone (poche) che vorranno votare Valla, perchè credimi, sarebbe un passo indietro negativo per Bitonto e positivo soltanto per i pochi alleati di Valla. e francamente penso che sia meglio fare l’interesse di tutti e non quello di 169 persone.
    MA CMQ SIAMO IN CAMPAGNA ELETTORALE E (PURTROPPO) VA BENE TUTTO.
    Buona giornata

  12. Il pesce d’ aprile ve lo ha fatto ieri sera Valla…anzi era un pesce fuor d’acqua!!

    Si parla di sinistra frammentata…ma il vostro candidato a Taranto con chi si è presentato??

    Oggi strumentalizzando l’istituto della LISTA CIVICA avete solo mascherato i simboli dei partiti!!(di destra e di sinistra INSIEME)

    Cerchiamo di far politica e non MARKETING

    se rinnovamento è alzarsi e andare via senza motivazioni e congedi allora bisogna fare un po’ di chiarezza nei vostri elettori che fidelizzati alla “lista civica” farebbero meglio ad avvalersi del voto disgiunto per la scelta del candidato sindaco.

    non ci si comporta così: nelle campagne elettorali…anzi diciamo CONFRONTI xkè a quanto pare il vostro candidato “suda freddo” quando il dibattito diventa politico, il RISPETTO non deve mancare mai.
    ieri sera abbiamo assistito attoniti ad una mancanza di rispetto verso le associazioni organizzatrici e i cittadini SOVRANI

  13. Miki! Cerchiamo di non parlare “politichese”. In questa campagna elettorale due sono i candidati sindaci che hanno possibilità concrete di diventare Sindaco. Valla o Rossiello!
    Io ho fatto una scelta! Netta, inequivocabile, cosciente. Potrò sbagliarmi anche (ma rispetta le mie scelte soggette alla Natura umana, quindi soggetta a fallacità!).
    Per te …. stando al mia CONCRETEZZA … chi è il male minore? Il Politico (già vice-sindaco) che rappresenta la continuità con l’Europarlamentare, il Deputato, il Senatore, i consiglieri regionali, consiglieri provinciali …. espressi negli ultimi 15 anni dalla sinistra?
    O, nel segno dell’alternanza …. Valla?

    Potrai darmi anche altre indicazioni, ma occorre realismo e contretezza! Altrimenti si rischia che ….. a diventare concreta sia la tua ironia.

    Poi … parli di “risultati raggiunti negli ultimi anni” definendoli “evidenti”. Puoi spiegarmi? Vivi a Bitonto o nella ridente Sant’Arcangelo di Romagna?

    Quali sono i risultati? Il gas metano nelle frazioni? La sicurezza? ll centro storico pullulante di esercizi commerciali? O la periferia a misura d’uomo? o i trasporti urbani capillari? o i trasporti tra Bitonto – Palombaio e Mariotto attivi anche alla domenica? o lo sviluppo economico conseguente alla creazione di infrastrutture efficienti nella zona artigianale? oppure i sottopassi e sovrappassi per liberare Bitonto dalle “maglie” della Ferrovia e della Statale?
    oppure una pianta organica dei Vigili Urbani adeguata alle esigenze della Città? o ancora il verde pubblico? e l’apertura di bagni pubblici DECENTI? o l’igiene urbana? o forse una raccolta differenziata al 70%? Traffico controllato? Nuovi parcheggi? Aree verdi? Riqualificazione del vallone del Tiflis? Una comunicazione attiva tra amministratori e cittadini? Piste ciclabili? Nuove abitazioni grazie allo sblocco dell’edilizia? Posti di lavoro per evitare che vi sia una immigrazione da Bitonto? O anche nuove opportunità per i pendolari lavoratori che fanno Bari-Milano per portare a casa da mangiare? Recupero delle fascie sociali a rischio?
    QUINDICI ANNI! 180 mesi! Circa 5400 giorni non sono bastati al centrosinistra per dare una risposta VALIDA ai miei (pochi) interrogativi !
    MIKI potrai dire, come Essere Umano, di essere andato sulla Luna o di poter andare a Teatro a Bitonto, ma non potrai MAI parlare di RISULTATI RAGGIUNTI con chi ha problemi ! con chi a fine mese non ci arriva ! o chi subisce un furto! o chi vorrebbe risposte alle domande che ho formulato e che dei passi dell’Uomo sulla Luna e di andare a Teatro (anche gratis), con tutto il rispetto per l’Arte e la tecnologia… non se ne frega un accidente!
    Gabbo

  14. Incominciamo dal fatto che non devo vergognarmi di niente e se non volete leggere i miei post e sentire i fatti come sono andati (sarebbe un grande sintomo di antidemocraticità, o di presunzione, perchè vorrebbe dire che la vostra campana è l’unica ed è la migliore) non leggeteli semplicemente, ma il “mio pubblico mi desidera”.
    Ho letto attentamente i vostri post, ed ho aspettato a scrivere in attesa di altri simili.
    Ma hanno organizzato una squadra d’assalto x questo blog?
    Mi sembra che la parola d’ordine i alcuni sia “sparare a zero su qualunque cosa, purchè si danneggi Valla”, non importa se poi gli argomenti utilizzati, come ho avuto modo di denotare, siano puerili e artatamente deformati.
    Strumentalizzare: ecco la vostra consegna.
    Parlare male dell’avversario: il vostro compito, magari solo x distogliere l’attenzione dalle mancanze, deficienze, inattitudini, inefficenze e scheletri nell’armadio dei vostri beniamini.
    Purtroppo la politica è anche questo, purchè poi non si cerchi di invocare, a scopo prettamente elettorale si intende, una sana politica.
    Se strumentalizzate sono comunque contento, perchè non avete altri argomenti x avere consensi se non la critica scorretta e volgare dell’altro avversario.
    Ma la gente non è fessa, e 15 anni di malgoverno sono più pesanti rispetto ad una non apparizione in televisione, tanto che Valla è sempre presente tra la gente.
    Parliamo di ieri.
    Valla è scappato con la coda tra le gambe.
    Ma da chi sarebbe scappato fatemelo sapere.
    Valla ha governato la città in questi 15 anni? NO E QUINDI è ESENTE DAL DEGRADO DI BITONTO.
    Valla ha gestito la cosa pubblica bitontina? NO, E QUINDI NON è COLPEVOLE DI NIENTE.
    Valla è stato vicesindaco, assessore, consigliere comunale in 15 anni di regime? NO, ED è PER QUESTO CHE NON HA NIENTE DA NASCONDERE, FAR DIMENTICARE, CERCARE DI DISTORCERE X NON ESSERE SOGGETTO AL LINCIAGGI DELLA GENTE.
    La domanda sorge spontanea: e allora perchè Valla è scappato?
    A domanda risposta, e le risposte vere sono sempre le più semplici: semplicemente perchè aveva un altro impegno politico e perchè aveva terminato il suo intervento (anche bacco è andato via, ma lui non è vostro bersaglio perchè non sarà lui a vincere le elezioni).
    E secondo me c’è un’altra ragione: forse stava x vomitare.
    E come dargli torto: a sentire parlare Rossiello, il misericordioso, il benefattore, il pio, il salvatore Rossiello, tutto è stato fatto di buono x migliorare la qualità della vita a Bitonto, perchè lui ci proteggeva con la sua assidua e imperitura presenza.
    Assidua e imperitura presenza che scompare quando si ricordano le cose negative che sono state fatte, o le cose che non si sono fatte ma che si sarebbero dovute fare: e allora Rossiello c’era o non c’era?
    Misteri italiani, della serie se c’ero dormivo………..
    Per dirne una, a Bitonto si è fatta la raccolta differenziata: ma sapete che tale percentuale è del 2%, mentre la legge impone che ogni comune raggiunga la percentuale del 40&??????
    E quindi che raccolta differenziata si è fatta? eppure in 15 anni si sarebbe potuto differenziare di tutto.
    Forse ciò che si è differenziato sono state le loro bugie, per propinarle in grandi dosi alla gente.
    Non dimentichiamo che Valla ha condiviso pienamente il documento di quella assemblea.
    Però è andato via: grande colpa la sua.
    Ma la finiamo di fare demagogia?
    Fate campagna elettorale sui vostri progetti? o avete paura dell’eredità di 15 anni di mancanze e dimenticanze?
    Ma credete veramente che la gente creda alle vostre strumentalizzazioni? a fronte poi della squisitezza, della bravura, dell’onestà e passione dell’UOMO VALLA?
    Siate onesti, o perlomeno smettete di parlare di politica, perchè la politica la si fa col cuore, non con le vostre bugie.

  15. CRONACA DI UNA MATTINA AL MERCATO

    Ci si trova nelle adiacenze del mercato.
    Si va per presentare alla gente (ma alla fine lo conoscono tutti) Valla.
    Il suo dolce sorriro conquista la gente, le sue parole lo spirito, la sua semplicità l’anima.
    Ci si avvicina all’area mercatale: non mi ero mai addentrato, colpa del lavoro che a volte non ti permette di gustare il dolce vento di primavera.
    Il nuovo mercato sembra immenso, e penso che forse in 15 anni una cosa quei signori l’hanno fatta.
    Di questi tempi però l’illusione sfuma facilmente.
    Si parla con i commercianti: la loro schiettezza è disarmante.
    Vorrebbero la capacità di sdoppiarsi, in modo tale da poter servire la gente e allo stesso tempo controllare la bancarella e fermare l’orda barbarica dei ladri.
    Era stata promessa loro assidua sicurezza: da lontano scorgo 2 vigili che parlottano tra loro.
    2 vigili per coprire tutta l’area.
    Non vorrei essere nei loro panni. Spesso sono al centro di critiche, ma non hanno colpa alcuna se non si fa un bando x potenziare l’organico.
    E intanto penso: 15 anni…….
    Si sente imprecare un venditore: vorrebbe, anche se non sa dove, espletare una funzione fisiologica.
    Ma non può fare pipì: mancano i bagni.
    Era stata promessa loro una rete di servizi igienici.
    Intanto vedo una donna incinta, e spero dentro di me che non debba andare al bagno, perchè non ce ne sono.
    Una zona mercatale immensa, senza bagni, senza sicurezza.
    Eppure è veramente grande: con questi servizi (non chiedono mica la luna!) sarebbe una manna dal cielo x il commercio bitontino.
    Un commerciante parla con Valla, e dice una cosa che fa riflettere: “Non essere come gli altri che ci hanno abbandonato”.
    Valla risponde: “Ci vediamo con tutti gli altri venditori subito dopo le elezioni”.
    E scatta il suo solito sorriso.
    Demagogia, populismo? No, voglia di dare alla gente ciò che è dovuto loro, ciò che altri hanno negato.
    E penso: 15 anni.
    E ora hanno la faccia tosta di dire all gente di fidarsi di loro.
    15 anni non si cancellano, e la gente ne ha le tasche piene.
    15 anni sono tanti, troppi.
    15 anni bastano.
    Ho 26 anni, non voglio lasciare la mia amata Bitonto, ma se questi 15 anni diventassero 20 x la prima volta in vita mia pondererei la possibilità di andarmene.
    L’uomo deve tendere al miglioramento, e i bitontini lo sanno.

  16. confondere le acque… ah che grande strumento la democrazia…
    partendo dal presupposto che nemmeno quando litigo con la mia ragazza (quindi la donna con cui ho massima intimità) mi permetto di alzarmi e sbattere le porte in faccia, lasciando tutto così, faraginoso…
    ma cmq ….

    rido, perchè anche se il prolisso vox populi certe volte ha argomenti interessanti stavolta proprio non ci ha preso:

    “Ma hanno organizzato una squadra d’assalto x questo blog?
    Mi sembra che la parola d’ordine i alcuni sia “sparare a zero su qualunque cosa, purchè si danneggi Valla”, non importa se poi gli argomenti utilizzati, come ho avuto modo di denotare, siano puerili e artatamente deformati.
    Strumentalizzare: ecco la vostra consegna.”

    ma caro vox, dici sul serio?

    se qualcuno fino ad ora ha organizzato gli interventi dei lettori per demonizzare l’avversario questo è proprio il caso tuo e dei tuoi amici cantieristi… sono settimane che non fate altro che inneggiare valla con slogan puerili… w valla…. ma per favore…

    e cmq la discussione è sul comportamento di valla che ha toppato, si è alzato e se ne è andato, così, senza motivo…
    dammi una sola buona ragione, vox, per comprendere questo atteggiamento

    che fai? gli altri giocano a picche e tu rispondi a cuori?

    dimmi, perchè valla è stato così poco rispettoso?

    sentiamo….

  17. ” Il suo dolce sorriro conquista la gente, le sue parole lo spirito, la sua semplicità l’anima.”

    …ma si sono fatti anche il segno della croce quando lo hanno visto!?

    sarà mica sceso dalle nuvole illuminato da un raggio di sole stringendo in mano un ramoscello di ulivo!!!!

  18. e allora chiedo a miki, orange, marco, o chi x loro: possono le vostre puerili accuse scalfire l’onestà e la lealtà di un uomo, la gentilezza e la passione di una splendida persona come Valla, che si pone in netta antitesi con chi ha governato la città x 15 anni?
    la gente darà ascolto alle fostre frecciate (che, inutile dirlo, non arrivano al bersaglio) oppure alle mie, e nostre, argomentazioni, provate, comprovate e soprattutto condivise dalla stragrande maggioranza dei bitontini, nonchè dei nostri fratelli di palombaio e mariotto, da 15 anni abbandonati?
    Certo che la paura di perdere è tanta, e vi ha fatto perdere la ragione

  19. se permetti quadre pro valla che scrivono qui non ce ne sono
    non è colpa mia se moltissimi (vedi articolo su rossiello) mi danno ragione.
    Ho già detto perchè valla è andato via.
    il post si legge tutto.
    quando gioco a briscola, cerco di conservarmi sempre l’asso, il 3 o la briscola x rispondere in maniera adeguata all’avversario.
    orange, ma vuoi andare a zelig?
    ve lo ripeto: potete dire tutto quello che volete, tanto la gente non dimentica questi 15 anni.
    giriamo la frittata: se i vostri beniamini hanno governato bene la città x 15 anni, e rossiello è stato un ottimo vice sindaco, perchè tutti si lamentano?
    sono tutti piagnucoloni?
    o semplicemente insoddisfatti e stanchi?

  20. primo. io non voto rossiello, non lo sopporto

    secondo. quali argomentazioni? quello che CREDETE di fare, perchè oltre le promesse e i programmi nn ci sono fatti

    terzo. continui vox ad eludere la mia domanda: perchè Valla si è alzato ed ha assunto un atteggiamento maleducato?

    quarto. MA TU IN QUESTI 15 ANNI NON STAVI DALLA PARTE DI CHI HA COMANDATO???

  21. grazie elettore confuso!!

    la risposta da stamattina la vado cercando ma niete!!!…dicono che aveva da fare!!…è pur sempre lecito.
    Rendere pubblico ieri sera la giustificazione della sua uscita di scena SALUTANDO la platea(NON LO HA FATTO) sarebbe stato più apprezzabile…non è puerile nè disfattista sottolineare questi atteggiamenti di mal costume!!
    Più volte ci viene ripetuto: votate/votiamo la PERSONA e non il partito(almeno a livello locale)….bella persona!!

  22. (vox populi)

    vox populi, ma ti sei reso conto di cosa hai detto?
    in quasi tutti gli articoli, ci sono dei tuoi commenti che sparano a zero su rossiello, e hai il coraggio di dire che “si spara a zero pur di danneggiare valla”!!!!
    insomma, prima di fare considerazioni sbagliate, non possiamo farci un bel esame di coscienza????

  23. visto che vi stancate a leggere x intero il mio post, dove ho scritto le cose che vi interessano vi riporto quel pezzo:
    “La domanda sorge spontanea: e allora perchè Valla è scappato?
    A domanda risposta, e le risposte vere sono sempre le più semplici: semplicemente perchè aveva un altro impegno politico e perchè aveva terminato il suo intervento (anche bacco è andato via, ma lui non è vostro bersaglio perchè non sarà lui a vincere le elezioni).
    E secondo me c’è un’altra ragione: forse stava x vomitare.
    E come dargli torto: a sentire parlare Rossiello, il misericordioso, il benefattore, il pio, il salvatore Rossiello, tutto è stato fatto di buono x migliorare la qualità della vita a Bitonto, perchè lui ci proteggeva con la sua assidua e imperitura presenza”.
    Caro elettore confuso (mi sa che 6 confuso in tutto e non solo sulla politica) ma quando mai sono stato dalla parte di chi ha comandato in questi 15 anni.
    Stavo in un partito della maggioranza, ossia rif. comunista, ed ero dirigente, e ho gridato a squarciagola sempre una cosa “MAI PIù CON QUESTA GENTE CHE ILLUDE E PRENDE IN GIRO IL POPOLO”
    tanto che poi, quando ho visto che i miei ex compagni hanno dimenticato le loro critiche volevano unirsi a quel carrozzone sgangherato con targa Péd, sono uscito dal partito, insieme a tanti altri.
    Mi dispiace, ho sempre fatto tutto alla luce del sole, e scheletri nell’armadio non ne ho.
    questa è un’arma x avere la fiducia della gente: non avere segreti essendo sempre sinceri.
    ma quest’arma a tantissimi non piace

  24. orange, miki:indecenti!!!!
    Quello detto da voi è quello che di valla pensano 2 persone su mille!!!!!
    Complimenti vox per il tuo post, cronaca di una mattina al mercato!
    Rossiello ieri come sempre d’ altronde, faceva vomitare quando parlava come ha detto vox.Cioè lui ripropone per bitonto tutto quello che nicola pice sindaco in quota centro sinistra ha proposto quando si è candidato la prima volta nel 1998…..caro rossiello cari orange e miki…indecenti, ma con che faccia?
    Chi si arrampica sugli specchi siete voi , vi aggarappate al fatto che valla dopo aver tenuto il suo intervento è andato via(Non deve dar soddisfazione a voi , comunque il dottor valla ieri alle dieci è dieci era ancora nel suo comitato elettorale a lavorare con altre persone).
    chi dovrebbe vergognarsi è chi per dieci anni alla faccia nostra , di noi poveri cittadini non ha fatto niente per bitonto, si è seduto alla poltrona di palazzo gentile per far solo i ca…..suoi . Ma la gente , il popolo, sta schiamazzando perchè questi signori del centro sinistra devono riconsegnare le chiavi della città a chi vuol governare bitonto, dare ai commercianti, ai giovani, agli anziani, al popolo tutto Una bitonto NUOVA.
    non parlate di liste civiche perchè , una lista civica avete presentato voi e dentro ci avete messo di tutto e di più contro le tre del cantiere che non contengono alcun acquisto , come quelli che hanno fatto rossiello e company.vergognativi da cittadini che amano bitonto avreste dovuto realmente riconoscere gli errori del centro sinistra e non degradare valla perchè non ha partecipato interamente ad un dibattito!!!!

  25. de minimis, verrebbe da dire, non curat praetor…
    comunque, grazie orfica di avermi tirato in ballo (troppa grazia…), volevo restarne fuori.
    il tifo da stadio nn mi piace.
    l’urlo, nemmeno.
    ma, cari vox e paolo, io direi, almeno, di migliorare l’aspetto comunicativo, caspita nn c’è nello staff un ingegnere o un architetto abile a preparare uno scritto un po’ più approfondito del misero e scarno discorso tenuto da valla?
    nn so, poi, se sia vera questa cosa di andar via senza salutare, io allora nn c’ero più..
    ecchediamine, spero solo nn sia andata proprio così…
    nessuno chiede a valla di essere ciò che nn è, ossia un politico di professione tenace solo nelle sue promesse magari da nn mantenere, però un po’ più di comunicazione, santa miseria…
    mario carbone era meglio, ed è tutto dire…

  26. Dè perdonatemi appassaionati di politica. So di scrivere in un tipo di discussione che a volte leggo con interesse, a volte divertito, a volte un pò disgustato. ma sempre senza capirci molto.
    Ma una considerazione vorrei porre a chi dibatte. Ed è sulle presenze, sulle assenze e sulle fughe anticipate di ieri sera.
    Da una rapida contabilità della cosa si evince che:
    Palmieri: assente
    Bacco: sparito anticipatamente
    Valla: sparito anticipatamente
    Morea, Rossiello, Scauro, Cannito, D’acciò: presenti fino alla fine.

    Mi può qualcuno, magari uscendo dal corpo di fan schierato, spiegarmi perchè tutti vanno contro Valla e nessuno contro Bacco e Palmieri?

    Io non c’ero e sui contenuti non saprei cosa dire e mi attengo a quello che leggo. ma su questa curiosità mi piacerebbe sapere un pò come mai.
    E mi raccomando, adesso, non iniziate a catalogare anche me che non voglio finire in mezzo..

  27. infatti non è andata così…..
    una domanda: ma perchè tutto questo clamore x valla e neanche una parola x le castronerie di rossiello, tanto x fare un “casuale” esempio?
    siete innamorati di valla, che non avete occhi x lui?
    la comunicazione è importante, e su questo non ci piove, ma non è tutto.

  28. Vox, caro amico mio! Una cosa fa male a molti! Ma devono rassegnarsi! La competizione elettorale vede OTTO candidati-sindaci! Ma solo DUE hanno possibilità concrete di accedere ad un EVENTUALE ballottaggio!
    Valla – Rossiello!
    Mi piacerebbe pensare anche a Scauro come sorpresa al posto di Rossiello! Ma sarebbe un caso limite (ci pensi accadesse?????? Già me li vedo i visi scomposti di chi per esempio pur eletto Senatore piangerebbe la sconfitta!eeheheh).

    Queste prospettive, di un Valla vittorioso al primo turno (con o senza loquacità) o di un duello al ballottaggio Valla -Rossiello, rompono le speranze ansiose di molti!

    Ovvio il Valla vincitore al primo colpo o al massimo il duello Valla – Rossiello fanno parte di una mia opinione e come tale mi sento libero di esprimere un mio (magari FALLACE) pensiero DA RISPETTARE! Ma non è solo il mio pensiero! E’ il pensiero dei più! BAsta andare in uno dei qualsiasi bar a Bitonto e ascoltare la VOCE DEL POPOLO, non te vox, amico mio!, ma il popolo vero, quello che si pone tante domande. Cosa è stato fatto in 15 anni? il gas metano nelle frazioni? La sicurezza? ll centro storico pullulante di esercizi commerciali? O la periferia a misura d’uomo? o i trasporti urbani capillari? o i trasporti tra Bitonto – Palombaio e Mariotto attivi anche alla domenica? o lo sviluppo economico conseguente alla creazione di infrastrutture efficienti nella zona artigianale? oppure i sottopassi e sovrappassi per liberare Bitonto dalle “maglie” della Ferrovia e della Statale?
    oppure una pianta organica dei Vigili Urbani adeguata alle esigenze della Città? o ancora il verde pubblico? e l’apertura di bagni pubblici DECENTI? o l’igiene urbana? o forse una raccolta differenziata al 70%? Traffico controllato? Nuovi parcheggi? Aree verdi? Riqualificazione del vallone del Tiflis? Una comunicazione attiva tra amministratori e cittadini? Piste ciclabili? Nuove abitazioni grazie allo sblocco dell’edilizia? Posti di lavoro per evitare che vi sia una immigrazione da Bitonto? O anche nuove opportunità per i pendolari lavoratori che fanno Bari-Milano per portare a casa da mangiare? Recupero delle fascie sociali a rischio?

    Orange! Anche se tu NON sei (purtroppo, mannaccia pure a te!!!!) candidato-sindaco, se mi rispondi ai quesiti che tutti si pongono …. giuro che ti dico il VERO, AUTENTICO e CONCRETO MOTIVO PER CUI VALLA si è alzato ed è andato via ieri sera!
    Ma a queste domande deve rispondere anche MIKI, ed anche i 2 sindaci che hanno amministrato Bitonto ed anche l’Europarlamentare, ed anche il Senatore, ed anche l’Onorevole e i consiglieri regionali e quelli provinciali.
    Elettore confuso, la città attende da 15 anni la risposta a certe domande CONCRETE, VITALI, ESSENZIALI e lei ora, s’indigna perchè non le rispondono alla domanda “perchè Valla se n’è andato senza salutare?” E’ più importante la sua domanda o quelle che io ho posto ai pezzi da 90 che hanno ricoperto cariche elettive ???? ….. Poi .. perchè lo chiedete a vox (vox .. dimmelo all’orecchio: sei Raffaele Valla?) ……. biricchino, vox!
    FACCIO UNA DOMANDA PIU’ CONCRETA! RAGAzzI, dopo quello del 1959 …. lo facciamo un NUOVO PRG? non varianti! MA UNO NUOVO!

    Credo che la ultimi domanda sia attinente al post e moderna. Una domanda carica di speranza per un FUTURO MIGLIORE!

    Ragazzi: LA BITONTO GIOVANE VUOLE GUARDARE OLTRE L’ORIZZONTE CON SERENITA’ E CERTEZZA.

    GABBO

  29. ciro te lo dico io: semplicemente perchè tutti hanno atroce paura di valla, e tentano di scalfire la sua immagine, e quindi la sua forza.
    alla fine, visto che la spiegazione è questa, ho quasi pena x i denigratori di valla, visto che non hanno validi strumenti x attaccarlo e si appigliano alle stupidaggini, che tra l’altro neanche influiscono sul voto.
    se volete strumentalizzare qualcosa, che almeno sappiatelo fare bene, e che cavolo

  30. comunque, scherzi a parte, ciò che il popolo dice lo sottoscrivo e mi faccio nel mio piccolo portatore di quelle domande insolute da 15 anni
    questo è il dramma, non valla che se ne va e ti mangi il cervello x ideare la motivazione più fantasiosa e dannosa.
    gente, sveglia dal torpore
    è grave non individuare le giuste domande da porre (e da porsi)
    e se non lo si fa, o si è scemi, o si è faziosi

  31. Ho seguito con attenzione l’incontro di ieri sera in Comune, da Bacco fino alla fine.
    Il racconto che ne ha fatto il cronista di myblog, abile diplomatico – come dargli torto d’altronde! – rende solo parzialmente l’idea della spaventosa assenza di profilo, culturale anzitutto, poi politico, poi tecnico dei candidati.
    Innanzitutto un grosso limite dell’incontro è stato innescato dagli stessi organizzatori, che puntavano a proposte sul futuro piuttosto che a critiche sull’esistente. Si è perso così un buon punto di partenza per discorsi veramente “politici”. Infatti é innegabile, penso, che chiunque governi, in qualunque ambito, debba valutare molto attentamente cosa salvare e cosa cassare del lavoro di chi l’ha preceduto. e chi gli deve dare fiducia si può fare un’idea della sua visione politica già da questo primo approccio.
    Temo invece che abbiano così voluto negare ai neofiti il vantaggio su quanti hanno già in qualche maniera speso il loro impegno in amministrazioni passate, dunque non avrebbero potuto parlare senza cadere in contraddizione con se stessi.
    Tuttavia a questa semplice constatazione i cittadini ci sono già arrivati, tra l’altro con un animo eccessivamente esacerbato.

    Ne è derivato un delirante “primo giro” sulla democrazia partecipata.
    delirante perchè poco appassionato, dovuto e sostanzialmente ipocrita.
    Come Alitalia ha salvato l’assoluta impossibilità di dire una sola parola di più in questa tristissima campagna elettorale, così la Partecipazione sta facendo a Bitonto.

    Poi un giro alla bitontina, senza educazione, senza stile, senza preparazione, senza competenza, urlato e blaterato, con interventi in gran parte o preconfezionati e impertinenti o forzati e patetici. Con applausi scroscianti, tifo da stadio e altra roba simile.

    Mi sarei risparmiato volentieri questa violenza, ma ho capito – nella sofferenza la comprensione – che

    1 La sedicente sinistra ha più mestiere, più esperienza, ma del passato sente il peso per i fallimenti e non l’orgoglio per i successi.
    ha due candidati stanchi e poco sostenuti dalla base.

    2 La destra variopinta – a livello nazionale hanno alleggerito le zavorre, a bitonto si sono imbottiti più di un kamikaze – sente la vittoria ed evita il contraddittorio per non fare il passo più lungo della gamba. ha un candidato di facciata e almeno una decina di registi dietro le quinte che per il momento inscenano solo un mimo.

    3 I movimenti hanno idee, è chiaro. hanno la coscienza a posto, ma non sono sostenuti dalla maggior parte dei residenti a bitonto, non si sono bene organizzati per la competizione, peccano un attimo di complesso d’inferiorità. Ma sono utilissimi ad alzare il livello della discussione, a insaporire la scialbissima minestra di questa postdemocrazia, a stimolare nei reggenti in pectore una riflessione quanto meno per contraddittorio.

    così
    francesco

  32. Ieri sera ci aspettavamo un Raffaele Valla esplosivo, ma i suoi colpi sono espolsi prima che aprisse bocca per afflosciarsi sulla solita democrazia partecipata.”Le amministrazioni passate sono state più o meno buone. Queste kle uniche e sole parole testuali del dott .Valla “Io vi propongo di partecipare attivamente alla vita del Comune, noi siamo solo degli inquilini momentanei, venite tutti e decidiamo insieme il da farsi. Non delibererò nulla senza l’assenso di tutta la popolazione”. Solita litania, ma di proposte su ambiente e territorio nemmeno l’ombra.
    Dobbiamo andare avanti così? Sveglia Bitonto, ci rendiamo conto di quello che questa persona ci vuole propinare, praticamente il nulla. Non vi lamentate più dei problemi se, quando avete l’occasione di dare risposte, non ne approfittate.
    Vox populi hai ragione quando dici che abbiamo paura di valla, si abbiamo proprio una gran paura che possa affossare la nostra città divenendo, se mai ci riuscirà, sindaco della nostra città.

  33. avete tutti paura di valla e della sua coalizione?
    palmieri chi?bacco chi?c’è solo valla come avversario.
    Lucio non confondiamo il diavolo e l’ acqua santa (carbone e valla);a quei tempi se labianca fosse stato il candidato di tutto il centro destra avremmo raggiunto il ballottaggio e poi chissà…..!
    comunque caro miki che il popolo è sovrano l’ ho detto sempre anch’io al di là delle possibilità dell’ uno e dell’ altro candidato , dell’ uno e dell’ altra lista che spesso enuncio!!!!!

  34. Conosco Valla lavorativamente parlando.

    Non è abituato a fare chiacchiere.

    Sinceramente abbiamo tutti le tasche piene di belle parole ….. buaaaaaaa

    Dietro un uomo minuto apparentemente debole, esiste una persona difficilmente manovrabile, che non si fa di certo abindolare dai furbetti di quartiere.

    Io penso che qualcuno si stia seriamente preocupando di non poter fare quello che ha fatto in tutti questi anni. Pazienza per loro…

    Amo Bitonto e voglio bene a tutti i Bitontini tranne i delinquenti.

    Saluti

  35. ma xkè nn arrendersi all’evidenza???
    qsta volta lucio valla mi è sembrato molto intelligente!
    nn capisco xkè il lume della ragione nn si accenda anke in vox populi ke secondo me starebe meglio al posto di valla….almeno lui parla!!!
    xò dai…nn parla qsto valla..nn comunica…nn interagisce…!!!
    ma è sicuro di voler fare il sindaco o sta skerzando???
    è uno skerzo vero???

  36. io non c’ero
    comunque da quello che ho captato
    Palmieri assente per impegni di lavoro (da politico di lungo corso incomincia a preparare la sua contraerei) vedi dibattito sulle morti bianche del suo “laboratorio” o “obitorio”, mi si perdoni la battuta )
    Bacco il più figlio di buonadonna se la cava sempre per il rotto della cuffia, si fa vedere recita la solita poesia e scappa via
    Rossiello e Scauro due politici incalliti che hanno governato insieme
    fino ad ora e che hanno la sfacciataggine di dire che dobbiamo fare questo, abbiamo bisogno di quest’altro, bisogna fare così, e tante
    altre cavolate. ma quando eravate in consiglio comunale e decidevate le sorti di questo paese dove avevate la testa?
    prima di qualsiasi discorso avreste fatto bene ad ammettere
    di aver commesso qualche errore, avreste salvato un pò la faccia.
    Valla sta diventando un caso da studiare.
    ormai non risponde più ai comandi, ha comportamenti senza stile.
    si crede forse di lavorare ancora nel suo ufficio e di avere a che
    fare con criminali o terroristi ?
    sul resto dei candidati hanno detto già altri.

  37. Diciamo che sia gli atteggiamenti che le parole NON hanno fatto scoprire nessuno.
    E si! Perchè se qualcuno era andato a Palazzo Gentile per sentire qualche SOLUZIONE concreta per la città è rimasto assolutamente e sicuramente deluso.
    Il tempo delle proposte è finito.
    Le proposte possono (devono!) continuare a farle i cittadini. Ma coloro che si propongono come GUIDA devono dare soluzioni.
    In tal senso mi pare che nessuno degli intervenuti abbia portato la “stoccata finale” per accaparrarsi il voto di chi deve ancora scegliere.

  38. Grace, chi sei tu x dirmi che il lume della ragione non è acceso in me?????? Arrogante vero??? Sei una assistente sociale????
    Marco, la città non è affossata da Valla, ma da chi ha gestito la città in 15 anni.
    E questo è un dato inequivocabile, e non si può dibattere su questo.
    Alla fine è ciò che la gente dice e ripete all’unisono, e i vostri tentativi di sviare il discorso sono dei fallimenti già in partenza.
    Se però Valla non ti piace, nessuno piangerà x il tuo voto in meno, stai tranquillo.
    Da quello che dici, meriti i governi che hanno amministrato la città in questi 15 anni, ma fattelo dire, non accettare il cambiamento va contro i bitontini, che ardono dalla voglia di un cambio di rotta.
    Io voglio e credo in un cambiamento, e in ciò sono in ottima compagnia.
    E x piacere, spendete il vostro tempo x non fare il solito tiro a freccette contro valla. Siete diventati noiosi…..
    E’ controproducente x voi.
    Ma la notte ve lo sognate?????
    Siate lucidi nelle vostre riflessioni, e abbiate l’onestà morale e intellettuale di parlare ogni tanto (è un casuale esempio…..) di Rossiello e di 15 anni di eredità che ha sulle spalle, visto che è il successore di chi ha amministrato la città in questa lunga notte.
    Se poi credete che ha Bitonto va tutto così perfettamente bene e l’unica cosa che fa scandalo è Valla che se ne va, perchè altre cose da criticare non ci sono, problemi vostri.
    Ma non crediate che fate bella figura.
    Perchè non è Valla che ha creato le 2 montagne di rifiuti in discarica (vedete l’articolo su bitontolive), non è Valla la causa x la quale di sicurezza a Bitonto manco a parlarne, di centro storico vivibile nei fatti (e non in apparenza….finitela di citare ogni volta il teatro, una rondine non fa primavera) idem, del commercio che fa flop vedi sopra, di mancanza di verde, di spazi aggregativi di nuovo idem, di raccolta differenziata solo sulla carta idem ecc ecc ecc ecc .
    Sembra quasi che Valla sia il male assoluto, e tutti gli altri sono vergini e immacolati.
    Ma sono sicuro che nel vostro intimo queste cose le sapete (sennò è grave……).
    Strumentalizzare è l’arma di chi sa che non ha altri argomenti validi, è l’arma di chi sente l’amaro gusto della sconfitta.

Lascia un commento