GIOVANNI ROSSIELLO: A DISPOSIZIONE DELLA CITTÀ LA MIA PASSIONE E LA MIA ESPERIENZA

a533a015b75d0efad2a58977becb46a9.jpgDetentore, di fatto, della maggioranza dei voti nella città di Bitonto , il Partito Democratico si conquista i pronostici da favorito per le prossime elezioni amministrative. Se poi si dà un’occhiata alla lista dei candidati, con molti “pezzi da 90”, allora si arriva quasi a pensare che sia la “squarda da battere” il 13 aprile.
Ed è questo il dato da cui nasce la provocazione. “Le elezioni non sono un campionato di calcio – esordisce Giovanni Rossiellosi parte tutti alla pari, si incontra la città, si espongono idee e programmi e la città decide chi deve governarla”. Il professor Rossiello è un politico di lungo corso, avendo militato dapprima nel PCI e avendo vissuto da protagonista le varie evoluzioni che hanno portato alla nascita del PD. “La passione per la politica l’ho sempre avuta ed uno dei motivi che, anni fa, mi portò a tornare a Bitonto da Venezia, dove insegnavo, fu proprio la voglia di mettere a disposizione della mia città la mia passione”. Una vera dichiarazione d’amore, ulteriormente sostenuta dal fatto che “ho sempre operato con onestà intellettuale e serietà. Caratteristiche che dovrebbero possedere tutti coloro che fanno politica”.
Giovanni Rossiello ha già alcune esperienze come assessore (alla Polizia Municipale ndr) e anche come presidente dell’ASV. Conosce quindi da vicino alcune delle criticità maggiormente sentite da bitontini: la sicurezza, la pulizia ed il decoro della città. “Il problema della sicurezza – attacca determinato – è un problema che sentiamo molto, in particolare quello del presidio del territorio. Nei nostri progetti oltre ad un incremento del lavoro di coordinamento con le forze dell’ordine, abbiamo in mente di aumentare la video sorveglianza con più punti di osservazione. Tuttavia alla base vi è un problema di tipo culturale e sociale, che deve portare ad un processo di educazione al rapporto con la diversità, al rispetto delle cose altrui e delle altrui posizioni. In questo senso un PON che abbia a tema il bullismo rappresenta un modo importante per coinvolgere la scuola in questo processo.”
A proposito di scuola e di giovani, Rossiello ci tiene a presentare una iniziativa che sarà tra le prime se sarà eletto sindaco: “È mia intenzione proporre al prossimo presidente del consiglio comunale di fissare gli orari delle riunioni alle 15, per permettere alle scuole d’essere presenti e poter da vicino osservare il lavoro dei consiglieri”. Ma sulla struttura organizzativa dell’Ente Locale il candidato sindaco del PD si spinge oltre: “C’è da effettuare una profonda ricognizione delle risorse umane della macchina comunale, verificarne eccellenze e punti di criticità in maniera da pianificare una riorganizzazione in grado di migliorare il rapporto con il cittadino – e aggiunge – dobbiamo creare i consigli di frazione, predisporre il regolamento definitivo dei referendum comunali ma anche accelerare i tempi di consegna di tutta la mole di lavoro avviata dal sindaco Pice e dai suoi assessori. Su tutto sempre grande attenzione devono avere il verde pubblico e l’arredo urbano”. Su questo punto una precisazione su una recente presa di posizione di alcuni consiglieri di minoranza: “voglio ricordare che Piazza Caduti del Terrorismo è stata riordinata quando io ero presidente dell’ASV e una delle primissime decisioni che prenderò, se diventerò sindaco, sarà quella di abbattere i bagni pubblici che rovinano tutta l’armonia della piazza”.
Non si può non fare un cenno sulla realtà politica, sulle primarie “un grande successo per la democrazia di questa città”, sulla corsa solitaria dei socialisti “mi dispiace molto per la loro decisione ma confido in una ripresa del cammino comune nelle prossime settimane”, sul ventilato vuoto di potere all’interno del PD bitontino, rispetto al quale Rossiello precisa “il coordinamento ha nominato Giuseppe Paciullo quale portavoce del PD e lui è autorizzato ad esprimere la posizione di tutto il partito unito”, sulla eterogeneità della lista “è composita, un mix tra esperienza e nuove risorse, tra donne e uomini”.  O ancora il candidato non dimentica la questione della “comunicazione” della Pubblica amministrazione con i cittadini: “bisogna puntare su una comunicazione diffusa, a partire dal miglioramento degli strumenti di internet”.
Sempre presente il pensiero al sindaco Pice: “è stato autore di un ottimo lavoro e la nuova amministrazione non può non partire da quanto messo in cantiere per completarlo e su quello installare la nuova progettualità. E per farlo in maniera efficace serve grande esperienza amministrativa”.
Il capitolo dell’esperienza rappresenta uno dei cavalli di battaglia di Giovanni Rossiello “non ci si può improvvisare sindaco di una città di 50.000 abitanti” ama ripetere a collaboratori e ad avversari. E la sua corsa è proprio un mix di esperienza e passione, di grinta e capacità politica.

Francesco Paolo Cambione
GIOVANNI ROSSIELLO: A DISPOSIZIONE DELLA CITTÀ LA MIA PASSIONE E LA MIA ESPERIENZAultima modifica: 2008-03-25T07:55:00+01:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

25 pensieri su “GIOVANNI ROSSIELLO: A DISPOSIZIONE DELLA CITTÀ LA MIA PASSIONE E LA MIA ESPERIENZA

  1. è un politico di vecchia data …..ha ricoperto moltissime cariche nell’ amministrazione politica bitontina ,come è riportato nell’ articolo, è noto e stranoto….., non è lui la persona da battere , ma il dottor valla, vera novità sulla scena politica bitontina!!!

  2. Sul detentore di fatto della maggioranza dei voti a bitonto nutro serie perplessità.
    La lista del pd sarà anche forte, ma hanno un peccato originario, ossia aver governato (male) la città x 10 anni.
    Ovviamente prima c’erano 2 liste, ds e margherita; ora solo pd e ovviamente dovevano mettere in lista i più forti, e i meno forti li hanno messi nella lista dei riformisti.
    La lista della sinistra arcobaleno, entità metafisica della cui effettiva esistenza neanche parlo più (ma avranno il permesso dagli alti papaveri x fare un comizio???) mi fa quasi tenerezza, e sembra nata con un motto di fondo: l’importante è partecipare (e io ci aggiungo pure: comunque vada sarà un successo, almeno facciamo VEDERE che sulla carta esistiamo).
    Sulla vittoria di Rossiello junior non ci metterei la mano sul fuoco; le sue parole sono belle e i suoi progetti pure (la campagna elettorale ha il dono di rendere tutti migliori, sul dopo ovviamente non si sa; certi politici vanno paragonati al protagonista del meraviglioso libro di Pirandello, uno nessuno e centomila) ma perchè le cose che propone, gli aggiusti, le modifiche, il mglioramento della vita a Bitonto ecc., tutte queste cose non sono state fatte prima?
    Eppure 10 anni sono tanti, troppi, e in 10 anni si salva un ospedale, si trova un rimedio x una discarica ormai stracolma, si fa un concorso x i vigili urbani, si fa un sottopassaggio (a Giovinazzo in 3 mesi l’hanno fatto), si migliora la vivibilità del centro storico, si inizia uno straccio di raccolta differenziata (vera, non apparente……), si aggiustano le strade, si fa in modo che la città quando piove non diventa un oceano, si attua un progetto x una amministrazione più trasparente (ma il giornalino di 5 pagine del comune che fine ha fatto?), si sblocca il piano regolatore, si incentiva l’imprenditoria privata, si creano dei luoghi di aggregazione x i giovani disagiati, si fa qualche iniziativa sotto natale, si tenta di essere più presenti sul territorio x la legalità e la sicurezza, si sponsorizzano con delle sagre i prodotti della nostra terra, e chi più ne ha più ne metta.
    Ora rossiello junior parla di velocizzazione della macchina amministrativa, di potenziamento del verde pubblico, di consigli comunali fatti alle 15 (ma se gli assessori non ci andavano la sera, figuriamoci il pomeriggio: la penichella è sacra, auè!!!!!): non si potevano fare queste cose in 10 anni???
    O le belle iniziative sono state congelate perchè le realizzi Rossiello, salvatore della patria bitontina? vuole diventare santo?
    Rossiello il piccolo parla di sicurezza: se avrò l’occasione gli gridero’ di TACERE.
    SULLA SICUREZZA DEVONO CHIUDERSI IN UN DIGNITOSO SILENZIO.
    CHE ROSSIELLO E AMICI VARI NON PARLINO DELLA SICUREZZA: NON GLIELO VIETO IO, LO FA BITONTO E ANCHE UN CERTO DECORO PERSONALE CHE OGNONO DOVREBBE AVERE, ALMENO IN TEORIA.
    Sveglia bitontini………….ops, sono già svegli, e l’alba nuova sta x sorgere, e non sarà marchiata PD.
    10 anni sono troppi, e bitonto non è un feudo di nessuno.
    Saluto a proposito la sinistra arcobaleno, che se non lo faccio io nessuno si ricorda di lei.

    vincenzo (iterum rudit leo)

  3. Pienamente d’accordo con VOX POPULI

    10 anni di Bitonto, un po come i dieci anni di Napoli.

    Spiego il perchè:

    a) livello di criminalità oltre i limiti della tolleranza;

    b) discarica stracolma che inquina (vedi pozzi nei fondi adiacenti alla discarica);

    Spero tanto di sbagliarmi.

    Saluti

  4. sono pienament d’accordo con VOX POPULI.
    10 anni di che cosa ? una città che non va anni da secoli una criminalita che aumenta girno dopo girno un centro storico che muore sempr più.
    mi auguro che i cittadini questa volta non facciamo lo stesso errore.

  5. forza valla i bitontini sono con te!!
    rossiello ritirati!!!
    la tua esprienza al confronto di alcuni candidati e pari a zero anche i tuoi amici nn vogliono te come sindaco. se in questi lunghi anni con la ginta Pice bitonto dormiva con te si addormentrbbe come uno scoiattolo si svegierebbe alle prossime votazioni..
    meglio ch pr un po rimani a casa ne hai bisogno

  6. Rossiello ritiri la sua candidatura , i post lasciati sul blog sono inequivocabili ……a bitonto non vuole più nessuno nè lei nè la sua coalizione.
    vox ha pienamente ragione la lista del pd è forte sulla carta , sulla carta potrebbe esserlo anche quella dell’ idv….meno , molto meno la lista dei riformisti (è la lista per elggere solo franco natilla ex di forza italia), è incalcolabile la lista della sinistra arcobaleno….xò alla fine srà il giudizio degli eltettori stanchi di chiacchiere di dieci anni e più …..Signor rossiello suo fratello è stato deputato del collegio 26 bitonto, palo del colle , giovinazzo e terlizzi ….cosa ha fatto dal parlamento italiano per la nostra città?…..lei è stato assessore comunale , oltre che presidsente dell’ asv, oltre che consigliere comunale, oltre che vice sindaco quali sono i principali atti presentati da lei nell’ esercizio di queste funzioni per bitonto????perchè ora dice di mettere a disposizione passione ed esperienza?non poteva farlo in questi anni di attività politica …insieme a suo fratello il caro onorevole?????avrebbe dovuto avere la bontà di non presentarsi a questa competizione anche perchè dal risultato delle primarie a bitonto era chiaro che i ds suo partito di rappresentanza non era maggioranza !!!…in più professore dopo anni di militanza e cariche ricoperte era tempo di vedere qualcuno nuovo sul trono della sinistra bitontina .concittadini le cose vere sono queste gli alte sono tutte chiacchiere.

  7. Caro Rossiello,
    alle primarie ho votato un altro candidato. Ma adesso coerentemente, voterò te. Voglio anche aggiungere che , se non sapremo coniugare il valore della FRATERNITA’, insieme alla UGUAGLIANZA e alla LIBERTA’, non andremo, tutti quanti, molto lontano.

  8. Esperienza,passione e grinta.
    Ma a chi si possono raccontare queste favole ?
    Forse solo a quelli che hanno il prosciutto sugli occhi.
    Ma a bitonto elettori che hanno il prosciutto sugli occhi non ce ne sono più: ormai il postino ha bussato e ha lasciato la lettera.
    “Non eletto, mi dispiace”

  9. Signori del PD sarà una amara sconfitta ….da quello che si legge in questi post e quello che si sente in città stravincerà il dottor valla.
    Addirittura nell’ ambiente di centro sinistra il dottor Scauro nutre molta più simpatia del professor Rossiello !!!!!

  10. Caro Rossiello, dando un’occhiata a questi post, evinco che per lei non c’è la benchè minima speranza di una vittoria!!!!
    Come lei ha citato nella sua intervista “Le elezioni non sono un campionato di calcio “, beh!!! avrebbe voluto fortemente che lo fossero, almeno avrebbe avuto la speranza di salvarsi!!!!

    Piero Areamix

  11. Ieri nel mio post ho dimenticato una cosa: Rossiello al primo mandato Pice, è stato vicesindaco: QUALCUNO SI è ACCORTO DI CIò???
    Nella trasmissione di rai 3 sulle elezioni cittadine a Bitonto, c’era un noto (sic!!!) esponente di rifondazione comunista.
    Ma avete sentito le cose che ha detto? ma si guardano allo specchio queste persone?? ma si ricordano che le loro (e esplicate ovunque) prese di posizione passate sono nettamente antitetiche a quelle di oggi? ma come pensano di avere e conquistare credibilità e serietà?
    Parlano di sicurezza, quando Bitonto è peggio del Bronx, e niente è stato fatto x la vivibilità e la legalità
    E poi la solita questione di genere.
    Fermo restando che le donne devono avere tutti i diritti del mondo, ma una cosa mi chiedo: ma di fronte a gente che non riesce ad arrivare a fine mese, che aspetta un sussidio comunale da anni, di fronte all’illegalità imperante e intoccata, sempre la solita pappardella sulle donne?
    A me non interessa che in consiglio comunale ci siano più donne o più uomini: mi interessa che ci siano persone valide, serie, oneste e competenti, indipendentemente dal loro sesso.
    Non sopporto il settarismo, odio la retorica, le frasi slogan, i concetti sdoganati da qualsivoglia realtà. Però purtroppo la campagna elettorale è anche questo.
    IO VOGLIO I FATTI, IO VOGLIO VALLA SINDACO

    Con imperitura e ardente voglia di cambiamento,
    VINCENZO (ITERUM RUDIT LEO)

  12. caro vox populi…ma a te interessa la vittoria di Valla e la sua coalizione o ti interessa di più l’umiliazione della Sinistra Arcobaleno?
    dai tuoi ragionamenti sembra la colpa di tutti i mali sia solo di questo partito.
    Ma per caso ci militavi prima e poi ti hanno cacciato via?

  13. A proposito, non ho risp a una domanda
    A domanda risposta: sono stato dirigente del partito e coordinatore dei giovani comunisti (tutt’ora i ragazzi mi considerano loro coordinatore; ho seminato benissimo….).
    Non sono stato cacciato, perchè non avrebbero il coraggio x farlo visto il mio curriculum politico, e visto che x anni sono stato uno dei motori del partito
    Sono semplicemente uscito spontaneamente, insieme a tanti altri, dal partito quando ho incominciato in primis a denotare una miopia politica che in passato era stata celata, e poi perchè non sopporto l’incoerenza di compagni che in 3 mesi hanno x 10 volte cambiato parere e starda da percorrere.
    E’ ovvio che parli di loro, visto che a rifondazione sono affezionato, ma soprattutto perchè si è fatto in modo da parte nostra di salvare il nome, l’onore e il decoro del partito, ma a molti ciò non interessava.
    Ed è x questo che a volte si augura la sconfitta, perchè la sconfitta fa maturare e comprendere gli errori.
    Spero di non averti deluso con qusta risposta, visto che la tua domanda era più che altro una frecciata, ma credio che tu abbia sbagliato freccia.
    Ritenta, che forse forse forse sarai più fortunato (o meno sfortunato)

  14. ciao a tutti, come vedo e spero che tutto cio arrivi all’amatissimo sig Rossiello I BITONTINI NN TI VOGLIONO !!!!!
    nn ne possiamo più della solita sinistra che in questi lunghi anni nn ha fatto nulla 10 anni di PIce e tutti si dimenticano dell’Arch Kutz scoparso dalla vita politica. tu e duo fratello onerevol cosa ha fatto pr la nostra bitonto.. vattene la gnt qusta volta vuole cambiare è sicuramente cambierà
    ciaooaoo

  15. Turandomi il naso, prendendo un Malox formato gigante e mettendomi dei guanti al neoprene voterò Rossiello e Il PD, il vuoto pneumatico che accompagna la cosidetta destra locale e ahimè quella nazionale porta il buon senso ad affidare il proprio sostegno elettorale al meno peggio…
    appunto Rossiello.
    Mala tempora currunt
    il meglio è passato…ci aspettano tempi ancora più duri e neri, dopodichè inizierà la lotta.

    a buon rendere

  16. cara erba velonosa di mandragola (ti kiamo così non con cattiveria, ma con rispetto, stima per la tua personalità), per tua fortuna hai un ampio assortimento di articoli (leggasi candidati sindaci) da quella parte, non capisco questo stato d’animo da via crucis, tra l’altro anacronistico con la realtà che stiamo vivendo. Surrexit dominus vere!
    E poi, se proprio dobbiamo dirla tutta…basta con la filosofia del meno peggio! dovresti votare Rossiello perchè sei di sinistra e non per la sua messa in piega. Qua non stiamo al mercato.

  17. ma quante cattiverie… io che lo conosco il prof.. non posso che dire ke è 1 xsona stupenda.. e valla è soltanto 1 scorbutico antipatico ke x montare il palco in piazza moro.. ha “ingaggiato” tutti i topini e latrazzi di bitonto…cos’è se li è fatti gia amico? ahaha RoSSiElLo Sindaco SUBITOoOOOOOO !!!!
    professòò sit u megghj!:)

Lascia un commento