GIOVANNI ROSSIELLO CANDIDATO SINDACO PER IL PD

739360367a12ffcfa52364b5334a4312.jpgAlla fine il pronostico è stato rispettato e Giovanni Rossiello ha vinto le primarie del PD. Notevole l’afflusso di votanti negli stand allestiti nel chiostro dell’ex convento dei paolotti, oramai assurto al ruolo di sede di tutte le primarie del centro sinistra bitontino. Stesso discorso per gli stand allestiti nelle frazioni di Palombaio e Mariotto. A votare a fine giornata sono stati in 5254.  A favore di Giovanni Rossiello si sono espressi 2051 elettori, pari al 39,2%. Si attesta nella graduatoria subito dopo Lillino Sannicandro, con 1615 voti pari al 30,7%; al terzo posto Michele Picciariello dell’ala riformista, che ha ottenuto 1068 consensi pari al 20,3%, ed infine Giovanni Ciccarone dell’ala bindiana, con 510 voti pari al 9,8%.
Al di là della classifica che indica in Giovanni Rossiello il rappresentante per il PD, interessante è la lettura dei risultati. Un primo dato è che non esiste nel PD bitontino una linea marcatamente maggioritaria e lo dimostra il fatto che le tre “posizioni” si distribuiscano il 90% del consenso degli iscritti al nuovo partito. Vistoso il risultato di Michele Picciariello che, entrato di soppiatto nel PD, ha raccolto il 20% dei consensi, presentandosi quindi come una componente forte del PD. E ieri sera sembrava il più raggiante di tutti, non nascondendo la soddisfazione ed affermando che “la vera novità di oggi è la conferma di una forza all’interno del PD di cui adesso tutti devono tenerne conto”. Un’affermazione che potrebbe preludere anche qualche difficoltà nelle prossime settimane nella ricerca di un equilibrio interno al partito, soprattutto in virtù del fatto che a oggi non esiste ancora un segretario politico e la discussione su questo argomento non potrà non tener conto dei numeri delle primarie. Altra considerazione nasce di conseguenza: se sommiamo i voti di Ciccarone e Sannicandro e se pensiamo che Rossiello è stato sostenuto da molti ex margheritini, la componente dell’ex partito prodiano avrebbe in questo momento la maggioranza assoluta nel PD, se solo avesse provato a trovare un’unità nel suo interno.
In ogni caso da stamattina inizia il lavoro per il prof. Giovanni Rossiello, che non sarà per niente facile sia per la difficoltà degli equilibri da trovare sia perchè il tempo che ha a disposizione è davvero poco, considerato che entro dieci giorni bisogna presentare i documenti ufficiali per la candidatura all’ufficio elettorale. Conoscendolo non si farà di certo intimorire.
Una riflessione, invece, necessita all’interno del PD: la divisione tra le varie posizioni, ad oggi, è evidente.

Francesco Paolo Cambione 

GIOVANNI ROSSIELLO CANDIDATO SINDACO PER IL PDultima modifica: 2008-02-25T09:45:00+01:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

101 pensieri su “GIOVANNI ROSSIELLO CANDIDATO SINDACO PER IL PD

  1. il risultato di ieri appare assai deludente : giovanni rossiello vince come ha vinto Pirro, lasciando certezze sulla debolezza della candidatura (aveva dalla sua tutti gli elementi più prestigiosi della margherita, gli assessori comunali attualmente in carica, ex ds, etc.) eppure non ha trovato la forza di imporsi al “primo turno” (ovvero raggiungendo il 50% dei votanti). Le dichiarazioni di Picciariello, poi, mi sembrano indicative : “dovranno tenere conto della nostra forza”, lascia adito alle solite riflessioni su una politica fatta di poltrone e non di idee…..

    CARI, FATEVI TUTTI DA PARTE ED INDICATE UN NOME NUOVO PER IL PD, PESCANDOLO DALLA SOCIETA’ CIVILE E, SCUSATE LA BESTEMMIA, POSSIBILMENTE GIOVANE….FARETE MIGLIORE FIGURA!

    non è possibile che tutto si riduca a questo, che l’unica alternativa debba essere un uomo votato solo ed esclusivamente per i favori fatti per via delle posizioni politiche acquisite in passato…

  2. Bitonto e la « vague des passions ».

    “On habite, avec un cœur plein dans un monde vide ; et sans avoir usé de rien, on est désabusé de tout.”

    Guarda un po’…. anche in questo sezione una “mia” famosa affermazione …. c’azzecca!!!! ironia della “moderna politica”?

  3. I commenti di questo utente vengono cancellati in quanto contravviene a quanto indicato dall’art. 4 del Regolamento per l’inserimento del commento.
    Lo stesso utente potrà continuare a inserire commenti conformandosi al regolamento.
    Grazie

  4. Questa nostalgia dell’unità democristiana poco si addice a chi vuole proporre un nuovo modo di fare politica. Cambione parla di ex partito prodiano che se unito avrebbe superato il consenso ricevuto da Giovanni Rossiello. E se parallelamente si fosse creato un fronte riformista quanto meno non si sarebbe raggiunto un 60% di preferenze? Cerchiamo di essere un pò più seri, soprattutto a sinistra, e rendiamoci conto che il sistema delle primarie è un ottimo modo per riavvicinare la gente alla politica solo che deve essere usato con criterio. Il vero ed unico risultato di ieri è stata una partecipazione più ampia rispetto alle primarie del 14 ottobre (5.254 votanti) che speriamo divenga un buon inizio di campagna elettorale per il Partito Democratico.

  5. Caro “sg” ,
    capisco l’impostazione del tuo ragionamento, non capisco e non accetto il discorso sulla “serietà” dell’approccio analitico proposto dal post.
    Se ci rifacciamo ai due partiti che hanno creato il Partito Democratico il dato che ne viene fuori è che senza contare i voti a Picciariello le due parti sono praticamente alla pari.
    Se poi abbandoniamo i “se” e andiamo ai “fatti”, il prof. Rossiello è stato appoggiato anche da ex membri della margherita e quindi è un “dato” il fatto che per Rossiello abbia votato anche gente che originariamente non apparteneva ai DS. Questo significa che se dal calcolo dei voti di Rossiello, scorporo il dato relativo ai voti “sicuramente” della Margherita, i numeri forniti dagli organizzatori dicono che i voti della stessa componente margheritina sono stati superiori ai voti della componente diessina.
    A meno che qualcuno non mi (ci) dimostri che ex iscritti ai Democratici di Sinistra abbiano dato il loro voto per Michele Picciariello che ha un percorso politico personale diciamo, un pò, lontano da quello dei DS.
    Quindi la considerazione sulla “serietà” dell’analisi la ritengo fuori luogo perchè fatta sui numeri e i numeri non dicono barzellette ma raccontano i fatti oggettivamente quantificabili….
    Salvo poi, ripeto, fornire dimostrazioni contrarie. Il dibattito si anima proprio per l’esistenza di posizioni contrastanti.

    Una ultima notazione: la nostalgia è per chi vive le ricordo del passato e dei suoi fasti. Noi viviamo nel culto del futuro, altrimenti non avremmo deciso di snobbare la carta e rivolgerci alla gente solo attraverso internet………

    con affetto
    Francesco Cambione

  6. Caro sg (sta per sinistra giovanile?) mi sembra che il risultato che evidenzi è un pò troppo “gonfiato”, nel senso che se 4 candidati sindaci (tra cui uno che doveva essere suffragatissimo) non riescono a mettere insieme 5.000 elettori in un paese da 35.000 votanti (dati 2003 alla mano), la situazione sarebbe stata persino ridicola….

    Ma siamo sicuri che queste primarie abbiano unito maggiormente le parti? siamo sicuri che i 1600 voti di Sannicandro e altri si riverseranno su Rossiello? Siamo sicuri che queste primarie, in fase precedente alla loro compiuta operazione, non siano state preparate per terrorizzare eventuali nuove candidature che potevano creare fastidi al favorito?

    Come qualcuno ha detto in altri commenti, ricordati che i giovani vanno proposti (come sta facendo Veltroni), non sfidati da vecchi volponi…

  7. Rossiello continuera’ la strada intrapresa dalla precedente amministrazione, fatta di infrastrutture inutili, cantieri perenni mai completati, prima fra tutte il parcheggio di piazza moro che tornera’ come un ombra nera sulla testa dei bitontini.
    Aime’ il nuovo a Bitonto continua ad essere una illusione.

  8. mi rivolgo ai candidati esclusi, eccetto il candidato dei riformatori.
    Ho apprezzato il vostro coraggio di partecipare alle primarie, anche se sapevate in partenza di perdere, vi chiedo:ora che intendete fare? siete due brave persone,volete seguire le vecchie logiche dei partiti oppure sostenere e praticare quel rinnovamento e quella pulizia che Veltroni vuole?
    Se veramente volete il bene di questo paese, non seguite le vecchie logiche dei partiti, guardatevi intorno, la soluzione può essere a portata di mano. Con questo quadro politico, come ha suggerito “porzia”, l’unico (se ce ne sono altri fatemelo sapere)nome nuovo e (come sembra) capace, pescato dalla societa’ civile e’ il candidato sindaco della lista MOREA.

  9. queste primarie dimostrano una grande spaccatura del popolo del PD.
    non credo che l’inizio sia scintillante.
    rossiello dimostra di non convincere, e adesso bisogna vedere se i voti di coloro che hanno partecipato a queste primarie confluiranno a rossiello.
    la politica non è una scienza esatta

  10. Gio, proponi agli “esclusi” del Pd … altre intenzioni diverse da quella di appoggiare Rossiello alle elezioni amministrative, se non ho compreso bene, in chiave di una rinnovata politica, alla quale ascrivi Morea.
    Lo spirito delle primarie dovrebbe essere quelo di designare, popolarmente, la candidatura. E dopo la designazione popolare, dovrebbe esserci unità e sostegno al candidato pre-scelto anche da parte degli “esclusi”. Dico DOVREBBE, stando al vero significato “in re ipsa” delle primarie.
    Mi sembra che la tua proposta, sia, invece, in chiave antica. Rispecchia un modo di far politica del tipo “sei stato escluso, vieni con noi, c’è posto per te! perchè da noi si arronza tutto pur di far pieno di voti”.
    La politica di vecchio stampo è quella che cerca di spaccare in base alle logiche “vecchio voi, nuovo noi”, cioè argomentazioni fragili, SENZA PARLARE DI PROGRAMMI per giunta!!
    Questa è la dimostrazione che Morea o almeno i suoi sostenitori (tra cui GIO) sono una costola del Pd? se così fosse, vi sarebbe una tenue attenuante al discorso di Gio. MA OCCORRE AMMETTERLO!
    Se così non fosse, caro Gio … perchè non limitarsi a chiamare all’appello tutti i cittadini liberi dai partiti un posto “al sole dell’isola Morea”? O ancora cooptare per esempio i “grillini”?
    Suvvia!!!! “On habite, avec un cœur plein dans un monde vide ; et sans avoir usé de rien, on est désabusé de tout. ” (Noi viviamo, con il cuore pieno in un mondo vuoto; e senza utilizzare nulla, siamo disillusi da tutto.) mi sarei limitato ad affermare nuovamente, ma a te, caro Gio dico… io penso positivo (nella negatività) pensando che a sinistra “esista solo una grande chiesa che parte da CHE GUEVARA e arriva fino a MADRE TERESA passando da MALCOM X attraverso GANDHI e SAN PATRIGNANO”. come diceva Jovanotti. Cioè, tanti candidati sindaci di sinistra per non disperdere il voto a favore del centro-destra, per poi fissare l’appuntamento al ballottaggio? Questa è l’unica spiegazione che la mia “ragione” riesce a dare al tuo invito agli esclusi del PD che non siano “riformatori”.
    Françoise-René

  11. I commenti di questo utente vengono cancellati in quanto contravviene a quanto indicato dall’art. 4 del Regolamento per l’inserimento del commento.
    Lo stesso utente potrà continuare a inserire commenti conformandosi al regolamento.
    Grazie

  12. ragazzi, nella sinistra si vive aria di sconfitta ormai…
    i volti, ve lo posso assicurare, sono quelli.
    tanto più se, come ormai quasi sicuro, i socialisti e rifondazione vanno da soli alle urne. ciò significa centrosinistra spaccatissimo alle elezioni: da una parte il pd con l’idv, poi rif comunista e socialisti…
    il cartello alternativo (centrodestra più civiche) ha davvero l’occasione della vita (fermi restando i miei dubbi sulla disponibilità della gente a votare alcuni candidati che le liste cantiere e valori sociali proporranno), speriamo solo che anche qui nn si voglia giocare cn le istituzioni perchè ho paura che a palazzo gentile l’armata brancaleone targata valla nn reggerà più di cinque minuti…

  13. sono d’accordo con voxpopuli….l’aria è amara per il centrosinistra,a questo punto è evidente che molti personaggi storici del centro sinistra debbano fare tutti un passo indietro,e in tempi brevissimi escano nomi nuovi che siano espressione della società civile.
    Solo così si può cercare di trovare una coesione di tutto il centro sinistra e cercare di vincere le elezioni,altrimenti è notte fonda per l’ ex-unione e,secondo me,anche per bitonto perchè,considerando i personaggi che affollano le liste di supporto a valla, significherebbe cadere dalla padella alla brace…..

  14. A questo punto, dato che Rossiello non avrà mai la maturità di recedere dal proporsi nonostante i risultati delle primarie, speriamo che il candidato dello SDI sia una alternativa moderna ed aggiornata alla sete di nuovo…

    Io voterò chi mi convince di più con la sua storia personale e, soprattutto, i suoi programmi! il resto non conta…

  15. è evidentissimo ha stravinto lillino sannicandro.rossiello era appoggiato da tutti i ds, dai transfughi del centro destra del 2001, da procacci e ha ottenuto 400 voti in meno di lillino sannicandro.quest ultimo se avesse trovato un accordo con ciccarone avrebbe ottenuto 150 voti in più di rossiello.da premettere che sannicandro, correva da solo, con l’ appoggio di quattro consiglieri comunali.
    picciariello ha ancora una volta dimostrato il suo consenso personale più che buono, ma se davvero avesse , voluto distaccarsi avrebbe dovuto correre da solo a sindaco con una coalizione riformista!
    cque i malumori nel pd sono notevoli , non esiste uno forte , esistono solo tante correnti, è impossibile vincere , ma anche arrivare al ballottaggio, se lo sdi non dovesse accorparsi sarà impossibile anche arrivare al ballottaggio.
    ……si vocifera della costruzione di un movimento riformista cittadino capeggiato da un illustre scontento , dentro cui entreranno tanti scontenti di ieri.questo movimento di certo non raccimolerà quel che serve per vincere ma dimostrerà che l’ ala rossiello non è poi così forte nel pd bitontino.
    alla fine stravincerà valla, ma questo lo si sapeva , d’ altronde è anche giusto cambiare.il centro sinistra ha governato tanti anni , proviamo questa alternanza!!!!!

  16. Vivere così non è possibile! Basta con i soliti nomi! Ieri è stato uno scontro tra arcinoti che dovevano avere il ritegno di non mostrarsi neanche….altro che parlare di primarie aperte….

    Mi volete indicare quale nome, minimamente credibile, potrebbe proporsi alle primarie di un partito che non intende considerarlo perchè c’è già il fratello del solito noto da far vincere a tutti i costi?

  17. I commenti di questo utente sono stati cancellati in quanto contravviene a quanto indicato dall’art. 4 del Regolamento per l’inserimento del commento.
    Lo stesso utente potrà continuare a inserire commenti conformandosi al regolamento.
    Grazie

  18. hai perfettamente ragione manuela , che sono arci noti…..però dovrebbero capirlo loro, hanno comandato per tanti anni e si comandato,e non lasciano spazio ai giovani, ma non per forza ai giovani agli altri semplicemente.sono stati sulla scena politica bitontina per vent’anni e più ora basta , si mettino da parte.questo è egoismo io sosterrò valla , è da tanto che nel post si è capito, però per qualche volto del pd noto simpatia. la costruzione del pd a mio parere rappresentava un modo a bitonto, la realtà con cui noi ci confrontiamo per il RINNOVO DI UNA CLASSE POLITICA!!!!
    credo che il cento destra e il cantiere in valla abbiano visto anche qualcosa di nuovo, in fin dei conti l’ ex questore sulla scena politica bitontina non è stato mai impegnato.

  19. Hai ragione Paolo, io mi rivolgo non a tutti i giovani, ma solo a quelli che possono permettersi il lusso di avere una professionalità tale da investire sulla propria città il loro entusiasmo e la loro abilità (possibilmente di tipo manageriale, in modo da mettere in riga certi utenti scansafatiche del nostro Comune)…

    Ma, parlandoci francamente, chi sarebbe così pazzo da mettersi in questa bolgia in cui tutti minacciano tutti?

  20. Caro Lucio, la coalizione che sostiene Raffaele Valla si pone il superamento degli steccati ideologici e vuole rappresentare il cittadino comune con la sua voglia di appartenenza alla cittadinanza democratica e con la sua voglia di sicurezza e legalità. Il cittadino comune che si pone il problema del come mai una città di sessantamila abitanti non ha un ipermercato,non ha un albergo,non ha un ristorante, non ha un locale notturno,non ha un arredo urbano degno di tale nome, non ha saputo cogliere l’occasione del nuovo aeroporto per ottenere lo scalo merci sul proprio territorio,il cittadino comune si pone il problema del perchè la qualità della vita a Bitonto non è nemmeno da mediocrità,il cittadino comune si chiede perchè Bitonto non ha una televisione privata, il cittadino comune si chiede perchè alcuni operatori economici di Bitonto si sono trasferiti a Molfetta,il cittadino comune si chiede perchè le attività produttive non hanno avuto alcun sciluppo ,anzi sono morte . Avolte per eutanasia dovuta alla spina staccata dalla pubblica Amministrazione.Bisogna provare a migliorare la qualità della vita,questo afferma Raffaele Valla e questo faremo se vinceremo le elezioni:questo è il nuovo che vuole la gente comune, questo è,credo, il tuo desiderio. Il cittadino comune si chiede perchè non viene svolta una politica urbanistica razionale e uguale per tutti ,ma’ a macchia di leopardo,il cittadino comune si chiede perchè la città in alcune ore del giorno è abbandonata a sè stessa, io mi chiedo che fine ha fatto l’Ente Fiera di San Leone, io mi chiedo perchè si sorrideva quando lanciavo,venti anni sono trascorsi,la proposta dell’interramento dei binari della Bari Nord,io mi chiedo che senso ha avuto la realizzazione del mercato ortofrutticolo all’ingrosso in una zona come l’attuale, il cittadino comune si chiede perchè non è stata attuata una adeguata e forte iniziativa a favore della nostra agricoltura. Il cittadino si chiede perchè le strade sono dissestate,il giovane si chiede perchè non sono incentivate le attività come bar e pizzerie a realizzare all’esterno zone di permanenza del pubblico.Forza Lucio, unisciti a noi e candidati al Consiglio Comunale per poter controllare dall’interno quello che farà l’Amministrazione Valla. Del resto un trentacinquenne,+ o -,se non si butta adesso nella mischia visto che siamo a un passaggio d’epoca quando lo potrà fare? Non me ne volere con te è come chattare:Grazie per le provocazioni e per avermi dato un altro pò di grinta che mi ha sempre caratterizzato nella mia vita politica .Un abbraccio I

  21. Vincenzo Fiore, più chiaro di così non si può! Il tuo invito, così diretto, così esplicito, diretto a Lucio, lo giro a Marcella, a Manuela e a quanti pur essendo di sinistra vogliono una città a misura di cittadino.
    Vincenzo, questa è la propositività (racchiusa nel tuo intervento) che ha bisogno questa nostra città.
    Françoise-René

  22. Sì, più propaganda di così non si può….comunque, mi sembra che siamo tutti d’accordo che Rossiello non rappresenti nè il centro-sinistra, nè, tantomeno, i moderati….quindi :

    CARO EMILIANO, VISTO CHE PARLI SEMPRE DI GIOVANI, PERCHE’ NON INTERVIENI?

    altrimenti mi auguro che lo SDI porti un candidato credibile, ci restano solo loro per portare al ballottaggio con Valla una persona degna di rappresentare il nuovo che avanza, visto che lo stesso Valla (uomo di centro-sinistra) parla e viene sostenuto dalla destra….

  23. ritengo che lo SDI non proporrà nessun candidato sindaco,la sua melina è stata fatta per cercare di strappare solo qualche poltrona in più nel futuro governo della città.
    A questo punto o la Sinistra Arcobaleno scende sola in campo con un proprio candidato sindaco(possibilmente donna) oppure attrezziamoci a vivere un’altra legislatura fatta di fumo negli occhi e nessun intervento concreto per risolvere i problemi di Bitonto(chiunque vinca)
    Non vorrei fare il Fiorello della situazione invitando la gente a non andare a votare,ma la tentazione è forte,di sicuro io andrò a votare turandomi il naso

  24. caro fiore, sottoscrivo dalla prima all’ultima tua parola, nn c’è dubbio… ho più volte sostenuto quello che scrivi e anche scritto e partecipato ad iniziative editoriali tese a ricordare, denunciare tutto ciò. sull’eziologia dei mali, ci siamo: è la terapia che proponi che mi fa dubitare, consentimelo. ma ora chiudiamo qui la nostra gentile polemichetta.
    quanto alla mia eventuale candidatura, questa, davvero, non è possibile al momento: preferisco continuare a lavorare con chi merita ancora e sempre più di essere sostenuto per quanto crede nella potenziale crescita di questa città…

  25. si alla fine lo sdi , si coalizzerà col pd .i loro trmila voti cque non serviranno nnche per arrivare al ballottaggio , stravincerà valla.Ormai si sentono sempre di più in città i mugugni delle persone, anche dopo la vittoria di rossiello alle primarie….”(è sempre lui , è sempre loro è basta….)”, gente che non è nè di centro , nè di destra, nè di sinistra , vuol solo vivere meglio!!!
    Complimenti dottor fiore, ha esplicitato in poche righe ma davvero chiare il programma di cambiamento radicale per bitonto e soprattutto per noi bitontini, giovani e non, proposto dal dottor Raffaele Valla.

  26. Paolo, hai ragione in generale (mugugni della gente) ma mi sembra di capire anche dai tuoi ragionamenti che non si può giudicare il nome del partito a livello locale, ma le persone che tale partito avrà il coraggio di portare! Se lo SDI porterà nomi nuovi o farà qualche colpo di mano rompendo la linea tradizionalista e autolesionista del PD, non vedo perchè non possa prendere più di tremila voti o arrivare al ballottaggio con Valla!
    Oppure bocciamo prima di conoscere i nomi ed i programmi?

  27. porzia, lo sdi in totale nelle precedenti consultazioni a bitonto non ha mai riportato più di 3000 consensi, a questo mi riferivo.cque, bisogna aspettare e vedere cosa fanno , come si muoveranno quelli dello sdi…certo nel caso si allei con il pd (ipotesi che ho preventivato nel post precedente) sarà difficile che ottenga più voti, di quelli alla sua portata.Bisogna vedere quindi, se avranno il coraggio di correre soli o no!In tal caso che lo sdi arrivi al ballottaggio senza aver ancora indicato nessuno , la propia strategia è estremamente difficile!

  28. Mi hai dato del “caro Gio” ed io ti rispondo amichevolmente
    dicendoti: caro Francese, premetto che mi sei simpatico, ma forse mi hai scambiato per qualche stratega della politica o quant’altro.
    Ebbene, devo deluderti: sono semplicemente un cittadino qualunque che, domenica 24, per evitare di imbattersi in un folto gruppo di persone e ” personaggi ” interessate alle primarie, ha fatto il cosiddetto giro alla larga , attraversando quindi piazza ALDO MORO .
    Ed e’ qui che mi sono trovato davanti delle sedie vuote e una persona che parlava da un microfono. Avendo compreso il bisogno di quella persona ,mi sono fermato.
    Caro Francese, la novita’ sta nel fatto che da quel microfono uscivano idee, proposte concrete, chiarezza di linguaggio, trasparenza e soprattutto l’umilta’ nel porsi al servizio del proprio paese. Nel frattempo molte altre persone stavano ascoltando e qualcuno piu’ coraggioso di me ha sentito il bisogno di parlare da quel microfono. Cio’ premesso, chiarisco meglio il mio pensiero.
    La candidatura uscita dalle primarie del PD, non essendo sufficientemnte gradita dagli elettori puo’ generare una vittoria secca al primo turno della destra oppure un ballottaggio con conseguente sconfitta. Pertanto da qui nasce una mia ingenua considerazione: se la candidatura uscita dal PD e’ perdente e le altre, da sole, lo sono ugualmente bisogna trovare un’alternativa.
    Tutte le forze sane che hanno come fine primario IL BENE PER QUESTA NOSTRA BITONTO, che siano del PD dello SDI ecc. dovrebbero esprimere un candidato unico NUOVO, PULITO, CAPACE, e che abbia una qualita’ indispensabile: il carisma di sapere aggregare queste forze con un programma. Solo cosi si puo’ sperare di superare un sicurissimo ballottaggio. Non e’ per tirare acqua al mulino del dott. MOREA, ma lui potrebbe avere i requisiti giusti, e se ci sono altre persone con profilo uguale o migliore, che escano fuori! che si confrontino fra di loro sotto gli occhi dei cittadini non dei partiti. Per finire, caro Francese, questa mia personale analisi, e’ un appello a tutti e per tutti, atto ad evitare il solito autolesionismo delle sinistre e soprattutto atto ad evitare di regalare il paese su un “piatto d’argento” alle destre.

  29. gio’, forse potrai anche aver ragione, ma ti rendi conto di una cosa? noi stiamo a bitonto e i rossiello e i procacci mai avranno tanta umiltà da fare i passi indietro che tu, giustamente, chiedi…
    rossiello candidato è, già di per sè, la prova di quanto questa città, davvero, nn vuol crescere…
    se fossi di sinistra (grazie a Dio nn lo sn), di una sinistra libera e giammai inquadrata in partiti, beh, nn avrei il minimo dubbio: MOREA sindaco…

  30. gentile GIO
    tralasciando per un attimo il percorso compiuto dalle liste che appoggiano Valla, vorrei farle presente che pur apprezzando la sua analisi è del tutto evidente che ora è tardi, forse, per riunire la sinistra intorno ad un candidato, anche facendo “correre” comunque Rossiello.
    Morea potrebbe, come dice lei, raccogliere lo scettro ma che fine dovrebbero fare D’Acciò e Palmieri? Per non parlare del fatto che lo SDI mi sembra determinato a presentare un suo candidato e disconosciamo, ad oggi, le intenzioni di Rifondazione Comunista.
    Come vede al di là del roccambolesco percorso che ha portato AN, FI ed UDC ad appoggiare lo stesso candidato proposto da Valori Sociali, Nuovo PSI, Lista Valla e Cantiere della Partecipazione non può non ammettere che è la sinistra che si presenta con una flotta di candidati sindaco.
    Se la fascia di primo cittadino dovesse essere attribuita al primo turno elettorale a Valla, chi spiegherà agli elettori di centro-sinistra quel che è successo? Non si poteva cominciare prima? e accontentare quanti all’interno del centro-sinistra chiedevano le primarie di coalizione dopo che ciascuno, eventualmente, avesse celbrato quelle di partito? Con chi dobbiamo prendercela?

  31. Nuova fenomenologia all’interno della politica italiana….la forza centripeta-gravitazionale fa aggregare “le parti contro”..ora contro berlusconi, ora contro rossiello…l’importante che siano contro e che sia l’unico criterio-collante. Ragazzi, rassegnatevi perchè tutti i detrattori di Rossiello stanno su questo blog ma qualcuno deve averlo pure votato e quindi preferito. Se avete voluto le primarie, assurte ad elevato momento di libertà ed elevato strumento di democrazia, ora tenetevi anche i risultati….del resto si sa….se sei buono ti tirano le pietre, se sei cattivo ti tirano le pietre…..

  32. Egr. Lucio Valla , ti ringrazio della risposta che mi hai trasmesso , e ti rispondo in merito dicendoti che, se DOMENICA 2 MARZO alle ore 11,00 avrai del tempo a disposizione, in piazza ALDO MORO si terra’ un incontro (da non perdere) con il dott. MOREA sul tema ” PALAZZI GENTILI – nuovi valori per governare la citta’ “. Te lo consiglio, perche’ quello che ascolteresti sicuramente ti servirebbe a chiarire dei dubbi, arricchirebbe il bagaglio del tuo sapere e soprattutto conosceresti una persona fuori dal COMUNE. In quanto ai nomi che tu citi, se rifletti bene ti accorgeresti che sono solo dei nomi e basta. Possono rimanere fermi dove sono senza fare passi indietro come tu dici, quelli che devono fare passi in avanti sono i cittadini elettori tutti, compreso te, me e qualche altro amico/a del blog.

  33. Penso che tutti i nomi fatti ad arte per la nostra città non servano a nulla. Ci siamo circondati tutti di perbenismo fasullo, e non diciamo le cose come stanno. Da una parte una coalizione che non é omogenea (candidato Valla), in quanto molti degli esponenti di centrodestra lo subiscono loro malgrado, ma devono fare di necessità virtù (poche virtù in realtà solo necessità), dall’altra (candidato Rossiello) un continuità del nulla, lassismo politico e menefreghismo del prossimo, ovvero di noi cittadini. Credo che l’unica vera alternativa sia Morea, detto da me che sono del centrodestra…
    Salve a tutti.

  34. Gio, ho letto con un certo fascino la tua risposta al mio post, che conteneva delle precise domande. Precise domande che speravo divenissero oggetto di dibattito, in questo spazio, riservato ai cittadini tutti e non soltanto agli addetti ai lavori della bitontina politica (questi ultimi hanno pachi, microfoni e comunicazioni alla stampa). Per cui non ho mai pensato che il caro Gio fosse politico impegnato in prima linea.
    Purtroppo, noto che le mie domande, almeno stando post di Gio, non sono state oggetto di dibattito. Forse Gio ha frainteso o forse non sono stato chiaro io! Nemmeno firmandomi … non ho nulla di francese. Tanto meno ho mai calpestato il suolo “gallico”, se non tra le righe di un certo Chateaubriand e di altri autori d’oltralpe che ammiro, leggo e apprezzo.
    La mia domanda: il dott. Morea, qualora divenisse sindaco di Bitonto, continuerebbe con la politica di PIce? O da essa si distaccherebbe? E, politica intesa come “scelte”, intesa come “delibere”, “atti” … non pensieri e parole!
    L’intervento di Gio favorisce un’altro spunto. Votare Morea pur di non far andare il centro-destra al governo della Città? e permettere che un’altra sinistra “revisionata”, “rinnovata”, ridipinda con lo smalto, possa continuare a governare? E PERCHE’ MAI?
    Ma scusate e abbiate pazienza: ma uno dei principali cardini della Democrazia non è l’alternanza? Allora che male ci sarebbe che il centro-destra varcasse la soglia di Palazzo Gentile con un suo esponente, con indosso la fascia di tricolore?
    Allora è come pensavo!!! Si propongono tanti differenti volti di sinistra perchè poi ne arrivi uno solo al ballottaggio (contro il centro-destra): e qui? tutti uniti! pur di non lasciare il semaforo verde al centro-destra!
    Allora, se questa è la chiave di lettura … Morea è una transenna per evitare l’accesso del centro-destra a Palazzo di Città!? E’ una figura posta “contro” qualcuno (il centro-destra), con una riconosciuta capacità carismatica!? Ed ancora, è il risultato di una INCAPACITA’ di sintesi all’interno del centro-sinistra locale?
    Parliamone.

  35. il problema è uno:nel centro sinistra bitontino , i rossiello vogliono tenere il loro dominio, i socialisti democratici italiani , vogliono avere anche loro qualcosa visto che per anni hanno solo fatto da sponda ai vari signori e non si è trovato alcun accordo.i sociualisti meritavano, perchè non hanno mai tradito nessuno del centro sinistra , e hanno dato tanto(non è da tutti dar tremila consensi a consultazione), ma purtroppo il dominio vuole contenerlo ad avere chi l’ ha sempre avuto!
    scusate la propaganda, non accusatemi, ma credo che un volto nuovo , fguori dagli schemi come valla possa far bene a bitonto.
    …a proposito e l’ italia dei valori che da mesi chiedeva primarie del centro sinistra per la scelta del candidato sindaco cosa ha deciso?…..si è adeguato?appoggia rossiello?…però che dispiacere vedere tante persone che per anni si sono scontarte politicamente a bitonto appoggiare il loro ex rivale!…è la politica!

  36. il problema è uno:nel centro sinistra bitontino , i rossiello vogliono tenere il loro dominio, i socialisti democratici italiani , vogliono avere anche loro qualcosa visto che per anni hanno solo fatto da sponda ai vari signori e non si è trovato alcun accordo.i sociualisti meritavano, perchè non hanno mai tradito nessuno del centro sinistra , e hanno dato tanto(non è da tutti dar tremila consensi a consultazione), ma purtroppo il dominio vuole contenerlo ad avere chi l’ ha sempre avuto!
    scusate la propaganda, non accusatemi, ma credo che un volto nuovo , fguori dagli schemi come valla possa far bene a bitonto.
    …a proposito e l’ italia dei valori che da mesi chiedeva primarie del centro sinistra per la scelta del candidato sindaco cosa ha deciso?…..si è adeguato?appoggia rossiello?…però che dispiacere vedere tante persone che per anni si sono scontarte politicamente a bitonto appoggiare il loro ex rivale!…è la politica!

  37. aggiornamenti: i socialisti nn hanno ancora sciolto la riserva, il partito sembra spaccato per quanto sia in maggioranza la linea di andar da soli…
    quanto all’idv, caro paolo, ha partecipato, in ordine sparso e senza un candidato sindaco preciso, alle primarie del pd, in ottica nazionale, dunque, andranno col pd…

  38. Gentile VADO AL MASSIMO, mi fa piacere che lei abbia apprezzato la mia analisi e le comunico che sono d’accordo su quasi tutte le sue riflessioni. Sono forse un po’ meno pessimista di lei, dato che conclude con dei punti interrogativi e quindi con un senso di arrendevolezza.
    Il mio ottimismo nasce da uno spunto che lei mi offre quando dice che si chiedevano le primarie nell’intera area del centro sinistra (compreso le liste civiche,aggiungo) ma non si sono fatte, perche’ qualcuno non le ha volute fare (aggiungo ancora).
    La realta’ è che sono stati fatti due PASTICCI POLITICI, che hanno causato l’attuale stato.
    Il primo e’che stata data la candidatura dell’ala riformista al dott.Michele Picciariello che come storia politica non rientra assolutamente nel centro sinistra e come politico ancora meno perche’se
    appena entrato già mostra i denti vuol dire che ha molto appetito.
    Il secondo, ancora più grave, è stato commesso, secondo il mio personale parere, da un Eurodeputato e da un ex Onorevole, bitontini .
    L’ex Onorevole ha sbagliato perché ha preteso l’incasso di un vecchio patto per, diciamo, amore fraterno .
    L’Eurodeputato ha sbagliato perchè ha voluto onorare un patto del tipo ” prima a noi, poi a voi “.
    Non mi permetto assolutamente di dare giudizi ma mi attengo a una personale valutazione. Ora io dico:è questo il rinnovamento e la pulizia di VELTRONI nel PD?
    Sarebbe opportuno che chi ha provocato il pasticcio debba, per rispetto verso tutta la popolazione, anche risolverlo. Ma mi rendo conto che la situazione è molto imbarazzante .

    Allora lasciando correre “Rossiello”, e mettendo da parte Picciariello e la sua dote dei 1000 voti è necessario che subito Sannicandro, Ciccarone, D’Accio’, Palmieri, lo SDI, Morea (e mi scuso se ce ne sono altri non citati), si riuniscano intorno a un tavolo e, accomunati dallo stesso spirito di servizio per questo paese, scelgano insieme la persona più idonea per una candidatura a sindaco. Con queste premesse nessuno farebbe alcuna fine, come dice lei gentile vado al massimo, anzi UNITI PER BITONTO si andrebbe, a testa alta e forti e credibili, con un simbolo unico davanti agli elettori.
    Carissimi Sannicandro e Ciccarone non abbiate paura di spaccare il PD “bitontino”, perché non si tratta di questo, le questioni nazionali sono un’altra cosa, qui si sta parlando di unire le forze sane che hanno come fine comune e primario il BENE PER QUESTA NOSTRA BITONTO e che decideranno il destino di questo paese nei prossimi 5 anni.

  39. alla fine lo sdi si presenta con rossiello……come al solito!!!quando lo annincieranno il loro candidato ?…che a breve bisogna consegnare tutte le candoidature?!!!!….si coalizzeranno col pd.
    lucio valla, non sapevo che l’ italia dei valori, che da mesi rivendicava le primarie del centro sinistra avesse partecipato alle primarie del pd , votando soli candidati del pd chiaramente!

  40. Caro Chateaubriand, devo deluderti ancora ma sarò franco.
    Non sono un politico, né impegnato, né occupo posti in nessuna fila.
    Sono semplicemente un cittadino qualunque grato al dott. MOREA
    per aver risvegliato in me l’orgoglio di essere cittadino di questo paese.
    Il mio “impegno” attraverso questo blog è solo il voler dare un senso a questo mio risveglio.
    Cerco di fare i miei interventi in modo semplice, schietto, a volte ingenuo ma soprattutto libero .
    Tu mi fai delle domande a cui non posso rispondere per un semplice motivo: non sono il dott. MOREA , né il suo portavoce, quindi le puoi rivolgere
    direttamente a lui in piazza, Domenica 2 Marzo ore 11, sicuramente ti darebbe esaurienti risposte a domande e teoremi che tu formuli.
    Condivido il principio dell’alternanza e non c’è niente di male che il centro-destra varchi la soglia di palazzo Gentile con un suo esponente.
    Detto questo, noto che il centro-destra appare come un grosso
    contenitore che al suo interno ha altri contenitori disomogenei.
    Se devo dire come la penso veramente, per me è un’autentica macedonia su cui il Pasticciere, per dare un tocco di classe, ha voluto mettere sopra un bel po’ di panna montata per abbellire tutta la composizione.
    Per chi non avesse capito, la macedonia sono le liste e partiti, il pasticciere è il sig. Vincenzo Fiore, la panna e’il dott. Valla. (mi scuso per le similitudini).
    Mi soffermo sul pasticciere, perché è lui che ha “creato” tutta la composizione.
    Me lo immagino alto e imponente con un bel cappello da chef delle grandi occasioni, tutto compiaciuto di se per l’opera compiuta mentre si arrotola con con due dita il bel baffo che si ritrova.
    Ha sistemato per bene gli ingredienti nella grande coppa con savoir fer,ha spruzzato un po’ di liste qua e là e infine il tocco di classe: la panna.
    Veramente bravo il sig. Fiore, un’opera da grande maestro.
    Mi tolga una curiosità sig. Fiore, quell’atleta che taglia il traguardo sul suo manifesto per caso è lei che crede di aver già vinto?
    Attento sig. Fiore lei non si è reso conto che ha trattato le persone come ingredienti.
    Mi dispiace per il dott. Valla, da poliziotto quale è stato, penso che abbia condotto male la sua ultima indagine.
    E infine sig. FIORE, alias CHATAUBRIAND, alias MARCELLA, Ecc.,
    questo è il suo ultimo capolavoro: camuffarsi sotto falsi nomi per manipolare ad arte i tanti ingenui frequentatori di questo blog.
    Attenzione la volpe prima o poi finisce in pellicceria.

  41. Sarà pure uno degli ingenui, come ci definisci tu, ma secondo me non sei molto fisionomista……..

    E scusami tanto, visto che siamo tanti gli ingenui, la tua presenza è per farci aprire gli occhi? O anche tu sei qua per lo stessa cosa di cui accusi fiore?

    in ogni caso, da “ingenuo” l’unica cosa che ho capito finora sulle discussioni a tema politico (le uniche che “tirano”, i ragazzi possono inserire qualsiasi altro argomento “serio”che viene bellamente ignorato!) è che c’è un grande, grandissimo quazzabuglio. Ci si diverte ad intorpidire le acque. Non c’è un solo partito o movimento che abbia negli ultimi due anni compiuto un percorso limpido e lineare…
    Insomma GIO grazie di essere tra noi sul blog, porti davvero una fresca ventata di malizia……

  42. i socialisti vanno da soli. ora sembra davvero ufficiale, a breve la notizia si spargerà per la città…
    ragazzi, è una bomba… certo i socialisti, nell’ottica nazionale, abbandonano il pd ma a bitonto viene meno dopo anni il patto tra socialisti stessi, cattolici e comunisti (ora pd)…
    torna anche da noi il vecchio progetto dell’autonomia craxiana? nn proprio, visto che gli alleati dei socialisti saranno, con ogni probabilità, addirittura i massimalisti di rifondazione e forse anche altri pezzi della sinistra arcobaleno…
    staremo comunque a vedere…
    da un lato tanta frammentazione, dall’altro unità su valla…
    sono stato il primo a ricordare come in politica nn sempre due più due faccia necessariamente quattro, però, se la matematica non è un’opinione, la sinistra ha ragione a tremare…

  43. Caro Gio,
    ho sempre affrontato a viso aperto le situazioni politiche,per cui non ho bisogno di nascondermi dietro falsi nomi.
    Sei proprio sulla pista sbagliata.
    Mi pare che se c’è un ingenuo , quello sei tu.
    Ma a leggerti in me è diventata più forte la convinzione che “la macedonia” ha spaigliato i giochi che sembravano fatti,ha dettato e detta l’agenda politica alla città.
    Noi del cantiere della partecipazione godiamo della scena politica ache grazie agli “ingenui” come te.
    Se non fosse esistita la “macedonia” non avresti potuto gustarla e non avresti bevuto alla fonte della discussione politica che “il girotondo degli uomini gialli che si stringono le mani in segno di amicizia e di lealtà” ha avviato da qualche mese in Bitonto. mariotto e Palombaio.
    Noi del cantiere abbiamo rotto l’incantesimo, abbiamo costruito un approccio meno ideolizzato verso la soluzione dei problemi della città,
    Noi ci siamo posti come gli interpreti di diò che il cittadino comune chiede.
    Una città dove poter passeggiare tranquillamente, una città dove poter mangiare tranquillamente una pizza senza l’assillo dell’eventuale furto dell’auto.una città con traffico meno caotico, una città con un tasso maggiore di qualiyà della vita.una città
    dove le aziende non siano costrette ad andare via e ad emigrare
    a molfetta
    E non attribuirmi opinioni o pensieri che non mi appartengono:
    La mia sensibilità, la mia educazione, la mia formazione umanistica, la mia estrazione socialdemocratica mi hanno sempre spinto ad aiutare il prossimo, a stare nel sociale con compostezza,ma con determinazione quando bisognava difendere la dignità di un uomo.
    Ho semre teso la mano a chi aveva bisogno di aiuto, senza distinzione di colori.
    Altro che “ingredienti”.
    Noi non abbiamo vinto, anche se vogliamo e dobbiamo vincere.
    Ma abbiamo reso incerto quello che sembrava certo sino a ieri
    per il vecchio centro-sinistra.
    Comunque grazie per aver provocato questo mio commento:
    Hai fatto il mio gioco.
    Per adesso sei tu ad essere finito in pellicceria.
    Non me ne volere.
    Ti do appuntamento presso la Pasicceria del Cantiere per gustare “insieme” una coppa di macedonia alla panna o un pasticcino alla crema.
    Ciao,

  44. mi è stato segnalato che l’utente GIO sostiene che io impersonerei Vincenzo Fiore sotto mentite spoglie….ebbene, ho pochissimo tempo da dedicare al pc x cui non sono neanche aggiornata sugli interventi degli ultimi giorni ma mi urge tempestivamente e furiosamente smentire il fantasioso e creativo GIO che si è permesso di fare congetture sulla mia identità, sulla base di non so quali elementi.
    Ho pure sostenuto molto amaramente in passato di non condividere affatto il progetto del cantiere, evidentemente il signor gio è pure distratto o si è perso qualke passaggio, non ho niente contro il signor fiore che effettivamente non conosco affatto ma ribadisco che rivendico la mia identità di persona nonchè di donna.
    Marcella

  45. Infatti il PD non è la somma dei DS e della Margherita….

    Basta andare in qualche direzione provinciale o regionale del PD per rendersi conto che la macchina organizzativa e le sedi sono le stesse dei DS con sparute rappresentanze di margheritini per lo più dediti a lavori di poca visibilità.
    E basta vedere l'”innovativo” medoto della formazione delle liste regionali delle politiche consistente fondamentalmente nel inserire nelle posizione di favore, rispettivamente, nell’ordine: i candidati personali di veltroni, dirigenti DS e in subordine qualche margheritino legato in passato ai dirigenti DS.
    In economia aziendale, l’operazione del PD viene definita tecnicamente come: Fusione per incorporazione.

  46. Dal commento di Marcella: “….ma ribadisco che rivendico la mia identità di persona nonché di donna….”

    L’avevo detto che GIO non era fisionomista… scambiare una donna con un uomo baffuto ………………………
    GIO il commento è stato geniale fino al quart’ultimo rigo poi ci deve essere stato un guasto………..

  47. che vergogna i riformisti socialisti con i massimalisti comunisti!!!aiuto…….!!!e il canatiere era un accozzglia di partiti???!!!!
    Complimenti dottor fiore , il pasticcino lo gusteremo tutti noi bitontini il 14 aprile dalle ore 15.00 in poi…e poi via col nuovo governo per bitonto!

  48. Caro Vincenzo Fiore, carissima Marcella! Noi 3! dio, uno e trino! E sorrido e rido e mi sollazzo di sapere di questa nostra immateriale unione, di fatto! visto che siamo … in tre (uniti)… in pasticceria!
    Cappello ironico per rispondere all’ormai “amico” Giò, che tanto mi appare come il goethiano giovane Werther! Confuso, insofferente, spaesato in preda allo spasimo di un amore, non per la dolce Lotte, ma per la sinistra che … ormai spaccata e disunita è un’illusione. Utopica. E trema ad ascoltare i “cosacchi” di centro-destra alle porte .. del gentil palazzo!
    Bhe! Giò. Ci hai portati in pasticceria e ne sono contento. Ci sguazzo! Creme, cremine, panna montata, ciliegine e fragoline, pasta frolla e mandorlato, cioccolato. Ci sto da dio (uno e trino).
    Pur sempre meglio di dover indossare i panni dei personaggi della sinistra locale che, potranno anche vincerle queste elezioni (con Morea, con Rossiello, D’Acciò o Palmieri o i socialisti o non so chi altri), ma per ora hanno a colazione, a pranzo, a merenda e a cena, il “veleno”, magari amaro come la cicuta, viste le spaccature ecc ecc. E mentre il centro-destra dolcemente è in piena scena, la sinistra cerca in quell’ “orto dei veleni” di contrastare … i candidati della “dolce vita”.
    Giò. Hai scambiato Marcella (donna) con Vincenzo Fiore. E per di più Vincenzo Fiore baffuto, com me che non ho baffi.
    Hai sgombrato … ogni dubbio: Morea è la novità? come persona senz’altro, ma come espressione politica sicuramente no! E se mi rispondi che non è così, bhe …. ti dirò che così come hai confuso una donna con un uomo, stai scambiando i termini in politica a Bitonto.
    Ah dimenticavo!! vincenzo, marcella … per stasera io preparo le cartellate e i cuscinetti! So benissimo che arriva Pasqua ma … credo che con Valla (il candidato- e Lucio Valla ce lo insegna benissimo) in pasticceria sarà TRE VOLTE NATALE E FESTA TUTTO L’ANNO! quindi … cartellate e cuscinetti …
    Giò, c’è Zucchero anche per te che non gradisci Valla ( non Lucio!!), ma lascia le dolcissime chiacchiere (carnevale purtroppo è passato ed in pasticceria non ne abbiamo!!)
    Françoise-René

  49. bravo fiore, ottime parole ottimi intenti
    mi dispiace solo che ci siano ancora persone aggrappate al vecchio…ma la democrazia è anche questo.
    a parte ciò, bravo ancora fiore.
    abbiamo bisogno di fatti non di parole
    e questi fatti sapranno essere ben costruiti dagli operai del cantiere

  50. Intervengo sulla gratuita insinuazione di A.:
    La redazione elimina, a termini di regolamento, soltanto quei commenti che ad un controllo della veridicità della email che viene segnalata non sono in regola. E il commento che abbiamo eliminato non rispettava la semplicissima regola dell’art.4 del regolamento.
    Se lei vuole lasciare un commento di critica può farlo tranquillamente, facendo la stessa cosa che fanno tutti gli utenti di questo blog: lasciando una mail “reale” e non quella falsa che ha indicato nel commento che le è stato eliminato.
    Le consiglio da ora in poi, prima di lasciare un commento, di leggersi il regolamento che vede nella colonna dx.
    Se poi la sua insinuazione la può provare ci mostri le prove altrimenti contravviene anche ad un altro articolo del Regolamento (per sua conoscenza è l’art. 6) e quindi anche la richiesta di spiegazioni incorre nel rischio di essere eliminata.

    Questo blog è aperto a tutti purchè si rispettino le regole, semplici, che ci siamo dati e non è mai successo che sia mai stato, arbitrariamente, eliminato un commento. Se poi qualcuno che non le va a genio rispetta le regole e lei no, non è colpa nostra.
    Noi mettiamo a disposizione liberamente questo strumento. Lei stesso ha potuto lasciare il commento senza rilasciare alcun dato. Sta alla intelligenza di ciascuno di noi saper utilizzare uno strumento come questo.
    Alla fine di tutti, voi siete nostri ospiti e se quando entro in casa di qualcuno questo mi chiede di dovere togliermi le scarpe per sedermi a discutere, io per rispetto di chi mi ospita me le tolgo. Posso al limite indispettirmi se le scarpe non tutti se le tolgono. Ma ripeto, deve dimostrarci che qualcuno è seduto a questa conversazione con le scarpe…………

    Grazie

  51. “Mi e’ stato segnalato che l’utente GIO “ecc.,sono le parole con cui
    MARCELLA inizia il suo commento.
    Da chi ha avuto MARCELLA questa segnalazione?
    Questa e’la prova provata che si conoscono fra loro.
    La cordata quindi e’ ufficiale.
    N.B.
    Si puo’ morire di veleno ma anche per eccesso di zuccheri.

  52. mi perdoni GIO.
    Ma quando si frequenta un posto che ci piace lo diciamo anche agli amici che iniziano a frequentarlo anche loro.
    Per cui, probabilmente, Marcella è stata avvisata da un suo amico che era stata citata da lei nel suo commento.
    Giusto per darle qualche cifra Bitonto.myblog sta facendo in questi giorni una media di visite superiore alle 500 con picchi quasi a mille il lunedì.
    Tra queste persone, escluso lei e noi 10 del blog, immagino che qualcuno che conosca Marcella e che sappia che usa quel nik l’abbia avvisata.
    Anche perchè, e mi ricollego all’ultimo concetto, se lei frequenta blog o forum saprà che il nik non è un segreto assoluto e che tra amici si riveli qual’è la propria identità.

    Oltretutto non mi sembra che marcella sia filo Cantiere. Capisco che sia difficile ma se prova a spulciare tra i quasi 2000 commenti che ci sono su questo blog potrà conoscere la posizione di marcella.

    Vede, giò, il blog nasconde una grande opportunità: se lo seguo regolarmente e di ciascun utente leggo con attenzione quello che scrive posso decifrarne il carattere, le idee, le posizioni politiche, le idee religiose financo progetti e ambizioni. Manca solo l’immagine fisica!
    Per cui le consiglio di dedicarci il prossimo week end, si legga tutti i commenti (non i post nei quali magari ciascuno di noi racconta le cose dalla propria posizione) poi lunedì mattina ci risentiamo e poi dice quali sono i commenti eliminati arbitrariamente, come la pensa marcella e cosa ne pensa di uno strumento che proprio perchè è libero è difficilissimo da capire e da usare.
    La ringrazio della attenzione

    P.S.: anche lei giò ha contravvenuto alle regole: l’art. 9 dice che i commenti si possono fare sotto un solo post e lei lo ha lasciato in ben 4. Ai sensi dell’art 9 le sono stati cancellati 3 ed è rimasto uno soltanto. Lei ha avuto l’opportunità di esprimere il suo commento e gli utenti hanno avuto modo di leggerlo.

  53. Un Gelato Al Limon lyrics

    “Un gelato al limon, gelato al limon gelato al limon
    sprofondati in fondo a una citta.
    un gelato al limon e vero limon
    ti piace?
    mentre un’altra estate passerà”
    (…) “e un gelato al limon, gelato al limone, gelato al limone
    sprofondati in fondo a una citta”

  54. che siano di destra , di sinistra o di centro a noi cittadini , non interessa i redattori del blog , vanno solo ampiamente ringrazati e non accusati di fandonie. hanno messo uno strumento speciale a disposizione e continuano a lavorare alla grande per far si che tutto sia più democratico possibile.
    Cque a cinese, il dottor fiore è una persona espertissima , da sempre al servizio dei cittadini , che ancora una volta sta facendo un lavoro immenso che porterà alla vittoria il dottor valla e la sua coalizione!!!
    basta ad infangaree il cantiere avversari , tanto alle chiacchiere i bitontini non credono più…credono ai fatti!

  55. Mi perdoni lei sig. Francesco.
    Non ho mai, nemmeno per un istante, messo in dubbio la serieta’
    di tutto lo staff di questo blog, anzi colgo l’occasione per esprimere la mia ammirazione per il lodevole servizio che offre.
    Ci tengo a farle sapere di non aver mai accusato voi di aver eliiminato commenti arbitrariamente, forse mi ha confuso con altri.
    Non le sara’ sfuggito il fatto che io frequento il blog da appena qualche giorno, (devo confessarle che il regolamento non l’avevo ne’ notato e quindi letto) pero’ tanto mi e’ bastato per capire che questo strumento oltre a consentire di conoscere il profilo di una persona , tranne l’immagine, puo’ nasconderne insidie e trappole.
    Fra queste ultime, le faccio notare, ci puo’ essere la malizia di qualcuno di giocare sporco , la furbizia di celarsi sotto vari nomi e giocare a fare il canto e il controcanto.
    La signora Marcella , che si e’ tempestivamente e furiosamente precipitata a smentirmi, deve capire che e’ un controcanto del sig. Fiore, alias Chateau, cosi come la signora lo chiama.
    La signora Marcella che si mostra tutta risentita e offesa, deve capire che il linguaggio becero che ha usato sul servizio di “MOREA SCENDE IN CAMPO” mi ha fatto dubitare della sua identita’ di donna.
    Inoltre la signora Marcella anche se, succesivamente vuol far capire di usare termini meno beceri , non ci riesce. E’ come se avesse detto prima, ”ti voglio ammazzare” e poi “ti voglio uccidere”.
    Per finire sig. Francesco spero che condivida con me il concetto che , l’educazione e le buone maniere sono alla base di qualsiasi rapporto.
    Bisogna sempre avere rispetto delle idee altrui anche se non le si
    condividono.

  56. Caro gio
    ringrazio della risposta e di poterla considerare tra i nostri utenti più affezionati.
    Come avrà notato io e i ragazzi della redazione interveniamo pochissimo. Se non in momenti particolari. Consideri che all’inizio il regolamento non esisteva e abbiamo provato a lasciare completa libertà agli utenti di esprimersi.
    Purtroppo come ripeterò fino alla noia (a me stesso soprattutto) la libertà è qualcosa complicatissima da imparare ad utilizzare.
    Così siamo stati costretti a creare questo filtro che se non ci garantisce completamente senz’altro crea un controllo maggiori.
    Che poi ci sia il rischio di una strumentalizzazione di questo strumento è vero, ma come dico sempre ai politici e non che a volte che lo fanno notare, a nessuno è impedito di scrivere sul blog e quindi anche quelle “realtà” che si sentono poco rappresentate possono dire la loro, esprimersi.
    Per farle un esempio però del legame dei politici (una categoria a caso!) con internet le dico che in data 12 febbraio è stata inviata una mail ad un movimento politico locale chiedendo di incontrare il responsabile per parlare dei loro progetti in vista delle amministrative. Ebbene ci è pervenuta la notifica di lettura della mail due settimane dopo e ad oggi non abbiamo ancora ricevuto risposta. Se qualcuno è interessato a far conoscere le proprie idee dovrebbe premurarsi direttamente perchè queste possano circolare più possibile…..

    Per quanto riguarda la faccenda “Marcella”. Le posso assicurare che la sig.ra si è davvero lasciata andare con quell’aggettivo e avendola conosciuta (deve sapere che come tutti i social network come questo ad un certo punto viene voglia di incontrarsi per qualche incontro che di solito si risolve con un bel bicchiere di birra e dure risate) si è pentita subito. Purtroppo il sistema di inserimento dei commenti non permette di modificare quanto inserito.
    E se si legge il regolamento e quanto scritto all’art. 6 capirà come la pensiamo sull’argomento buona educazione.

    Sul suo intervento, non l’ho confusa con A. ma avendo avallato la sua tesi ho ritenuto di dare anche lei le motivazioni che ci portano a cancellare dei commenti. Che, le assicuro, non leggo prima di cancellare e questo spesso mi viene anche rimproverato da alcuni amici della redazione. Ma questa è una fase delicata e se vogliamo preservare questo spazio che ci siamo ritagliati dobbiamo difenderlo con le unghie e con i denti.
    Preferiamo perdere 10 utenti che non rispettano il regolamento piuttosto che rischiare di chiuderlo. E a giudicare dai suoi primi interventi mi sembra che lei non appartenga a questo gruppo. Anzi
    Aspettiamo altri suoi interventi.
    grazie

  57. carissimo gio, se ce l’ha con me allora lo dica. Prima di accusare gli altri di cattive maniere, guardi le sue se sono cattive o buone. Da lei non sono stata trattata bene, in primis sarei una venduta, una che non ragiona con la propria testa, poi sarei un uomo, poi farei parte di un complotto o di una cordata che farebbe teatrino su questo blog, poi anche becera, talmente becera da sembrare (forse?) un rude scaricatore di porto, con tutto il rispetto. Non so…veda un pò lei…..
    forse una cosa posso dire…..che invece la hope che ha scritto quella poesia sarà senz’altro una donna e guardi che non sono misogina…con questo voglio dire che non mi sarei mai permessa di non rispettare idee e sentimenti di chiunquesia, ho solo condannato un certo registro linguistico che mi sembrava sproporzionato alla circostanza e cioè una discussione politica, sproporzionato come il primo termine che ho usato e sostituito con uno + calzante e che interpreta fedelmente il mio stato d’animo.
    Ha parlato solo sulla base di una antipatia mediatica nei miei confronti e quindi su una serie di pregiudizi, ma mi dispiace gio, non ne ha azzeccata neanche una.

  58. Gio! ma che mi combini? Ti scagli contro dio (uno e trino). Io Vincenzo, Fiore e Marcella! Unica identità!
    Bhe! Ora sono stanco!
    Io non sono un Fiore! ma … ben altro!
    C’è una distanza tra me e Vincenzo Fiore! Non ho alcuna esperienza politica. Ma mi sento vicino a Fiore perchè 1) da qualche giorno a questa parte ho un progetto politico che è IDENTICO a quello di Fiore. Si chiama VALLA sindaco di Bitonto. 2) ho una coerenza che mi associa all’amico Fiore che contraddistingue me e molti altri che hanno a cuore il punto 1. Amore per la politica e non ho paura a dire chi sono (per la stessa coerenza!). 3) Ho, come Fiore, certezza che, meglio una pasticcetria, che un “orto dei veleni” 4) Sono un Uomo come Fiore (e non mi chiamo Marcella(anch’essa un Uomo e non uomo); 5) Pongo come Fiore, i cittadini al primo posto e poi … tutto il resto. 6) Come Fiore non ho paura di finire in “pellicceria”: ho una pelle ma non ho peli sullo stomaco: parlo in faccia! e soprattutto mi piace la Politica! non … per arrivare … da qualche parte, ma per dire la mia! 7) Credo nei progetti che hanno un nome e un cognome e che hanno firmatari 8) Amo la mia Terra, la mia Bitonto, le sue frazioni Palombaio e Mariotto, 9) Mi piacciono i dolci e …. ho pronte cartellate e cuscinetti (con lo Zucchero filato) perchè con Valla a Bitonto sarà TRE VOLTE NATALE E FESTA TUTTO L’ANNO!!! 10) perchè come Fiore non ama essere appiattito dietro un “nomignolo”.
    Lo vedi… 10 punti! 10 comandamenti! … per una morale che come vedi, caro Giò! unisce “gente diversa” e non 3 nomi ed una stessa persona.
    Questa è la vera forza di una coalizione che possa chiamarsi “cantiere”, “partecipazione” o “centro-destra”. Differente da altre proposte alternative che …… ne parliamo a quatt’occhi .. no? meglio … io te e Marcella ……. (Guido, io vorrei che tu e Lapo ed io …-D.Alighieri).
    Giò…. “siempre el rio encuetra el camino hacia el mare” , altro che pasticceria.
    Vincenzo con stima e affetto!
    Giò … rivelazione non rivelata… non 6 ma un solo pewrsonaggio in cerca di …!
    Marcella … ora che siamo tre distinte persone, puoi cantar(gliene 4)

    Françoise-René

    F.to
    TASSARI Salvatore Sebastiano Antonio

    (in effetti ho 3… nomi ma sono tutti miei, caro GIO!)

  59. ma chateatu che mi combini,
    mi vieni a portare lo scoop, il colpo di scena nel giorno di minor audience?
    se questo fosse un portale che bada più alla parte commerciale che al contenuto (e ce ne sono e ne stanno arrivano!!!) ti avrebbero bannato a vita.

    Ma voglio dire, non potevi farlo lunedì??? 🙂

    Comunque, grazie, per essere nostro utente

  60. L’unico vero dato che che si può desumere dall’operazione posta in essere dal PD (loro le chiamano primarie…ma negli USA sono un’altra cosa) è che il 60% del popolo democratico non vuole Giovanni Rossiello come candidato sindaco. Se non sbaglio negli USA il candidato Presidente è colei o colui che raccoglie il maggior numero di grandi elettori. Ma adesso che faccio mente locale anche in Italia la testa di ariete dei partiti o delle coalizioni è sempre stato colei o colui che raccoglieva il maggior numero di consensi negli organismi di partito deputati a decidere…e allora ancora mi chiedo…ma cosa pensa Rossiello?. Spero abbia il coraggio (so che è una provocazione…ma le vie del Signore sono infinite) di tornare sui suoi passi e ammettere che non è lui il candidato sindaco ideale per tenere insieme il centrosinistra.
    Buon fine settimana a tutti gli internauti.

  61. Caro Gio
    mi sa che stavolta hai davvero toppato! Ha ragione che dici che non sei affatto fisionomista!
    Dopo aver scoperto che Chateau altri non è che Salvatore Tassari aggiungo che per conoscenza personale ti confermo quanto detto da Francesco che Marcella è davvero una donna (anche affascinante direi) che nulla a che vedere con Vincenzo Fiore.
    Forse se perdessimo meno tempo a tentare di scoprire chi si cela dietro i nickname e parlassimo di fatti concreti ne guadagneremmo tutti e sarebbe un modo per ringraziare con i fatti chi, come gli amministratori del blog, mettono a disposizione strumenti come questo dove ognuno può dire la sua.
    Se hai qualcosa da dire contro Vincenzo Fiore fallo pure sarai sicuramente rispettato e senza dover per forza dare lo scoop sul fatto che lui possa celarsi sotto altri nick. Lui ti ha dimostrato che legge il blog e che all’occorrenza risponde.
    Spero che chiarito ciò si possa tornare a discutere di “P”olitica

  62. Caro Gio,
    questo pomeriggio alle 17,30 conoscerò Marcella.
    Ho già in testo il modo di presentarmi e farmi riconoscere.
    Stasera ti faccio la cronaca dell’incontro.
    A questo punto l’uno e trino possono incontrarsi non alla Pasticceria del Cantiere della Partecipazione, ma per davvero a un bar che andremo a concordare a meno che non decidi di candidarti nella lista del Cantiere.
    A questo punto…cin , cin e dai forse manchi solo tu e il tuo voto potrebbe essere determinante per farci vincere al primo turno.
    Buona domenica,

  63. Vincenzo, Si!!! Non la pasticceria! Ma al … Caffè (come si dice a Bitonto!). Mi autoinvito al Caffè, io te e Marcella (Guido io te e Lapo) ….. ma … vorrei anche far 3 chiacchiere con Gio’ (è la “conditio sine qua non)! Perchè?
    “Per questo in sogno ci si vede un po’ diversi e luoghi sconosciuti sono famigliari restano i nomi e cambiano le facce e l’incontrario , tutto puo’ accadere com’era contagioso e nuovo il cielo e c’era qualche cosa in piu’ nell’aria!!!
    Vieni, a prendere un te’ al Caffe’ de la Paix ? su vieni, con me.” (F. Battiato).
    Giò vieni con me.
    Cade il dio (uno e trino … Marcella=Fiore=Tassari), ma non la proposta! Suvvia Giò, con noi! con Valla! con Bitonto! (noi=Valla=Bitonto … VISTO!!! non è poi vero che cade l’uno e trino!!!!!)
    Canta …… anche tu, Gio’!
    Françoise-René

    TASSARI Salvatore Sebastiano Antonio
    (uno e trino … tre nomi, uno stesso … volto)

  64. Carissima Marcella, lo sa che sta diventando un amore?
    Non mi dica che questa volta non l’ho azzecata.
    Francesco del blog, conoscendola , dice di lei che si e’ lasciata andare e che si e’ subito pentita.
    Io preferisco pensare che si sia ravveduta, mi piace di piu’ (con i pentiti non si sa mai).
    Vorrei solo precisarle che quella “parola”,che non voglio ripetere ,
    perche’mi creda,mi e’ costato dirla,non l’ho rivolta alla sua persona
    cosi’ come lei dice, bensi’ al suo inguaggio, é cosa ben diversa.
    Ritengo, per quanto mi riguarda, di chiudere questa parentesi dicedole due cose: 1) cerchiamo sempre di dire liberamente quello che pensiamo, ma nella giusta dialettica anche piu’ o meno pungente.
    2) un augurio sincero a lei per l’imminente festa della donna.

  65. No, Giò! Parliamo e … siamo su 2 pianeti diversi. Lei su quello … difensivo! Io (e .. mi permetto! .. oso!) con Vincenzo e Marcella (uno e trino) su quello propositivo.
    Noi abbiamo parlato di Bitonto! lei ha parlato di Vincenzo, Salvatore e Marcella … senza giungere a conclusione! nemmeno percependo che si trattava di tre Uomini differenti e non tutti uomini.
    Suvvia !!! questo caffè??? Lo prendiamo? Si candida?
    “Devo difendermi da insidie velenose e cerco di inseguire il sacro quando dormo volando indietro in epoche passate in cortili, in primavera.” (da Caffe de la Paix, F. Battiato).
    Non sia, apparentemente cortese con una donna che prima ha definito baffuta ed ora …. donna (e gli auguri …). Giò! prima di affermare …
    “Pensa prima di sparare
    Pensa prima di dire e di giudicare prova a pensare
    Pensa che puoi decidere tu
    Resta un attimo soltanto un attimo di più
    Con la testa fra le mani” (Fabrizo Moro- festival di sanremo 2007 – categoria giovani)!
    semplice …. augurare “buon 8 marzo” a chi offesa e vilipesa, come Marcella!
    Pensa da uomo; nome e cognome poi le scuse a Salvatore Tassari e Vincenzo Fiore!
    Sii Uomo, prima di essere uomo (o… anche a te auguri per l’8 marzo???)

    Françoise-René

    TASSARI Salvatore Sebastiano Antonio
    (uno e trino … tre nomi, uno stesso … volto)

  66. Scusate uagliò, mai candidati non potete cercarveli da un’altra parte?
    E voi qua corteggiate gio’ e su un altro post ho letto che si invitano altri personaggi a candidarsi.
    Ma perchè non mettete un annuncio a pagamento di selezione “candidati” così fate guadagnare qualche lira (pardon euro) a sti ragazzi del blog….

    Eppoi se GIO non vuole dire il suo nome non lo sfruculiate. poi leggo “vilipesa”. Salvatò eddai! vabbuono che vuoi far venire allo scoperto il ragazzo ma così rischi di offenderlo.
    A GIO è sembrato per una serie di motivi che voi eravate la stessa persona e che sarà tanto di male?

    E poi chiedo: ma tu, salvatore, ti candidi da qualche parte?

    Un’ultima domanda, a proposito di candidature che poi vado a prepararmi davanti al TV per la partita di stasera: i ragazzi hanno pensato un servizio per pubblicare tutti i candidati alle comunali per dare agli utenti un ventaglio completo dei personaggi che scendono nell’area?
    Grazie assai

  67. Chateau, Sig.Tassari, stia un po’calmo, la prego. Non vorrei offenderla , ma lei sembra pervaso da una sorta di schizofrenia
    franco-musical-politic ecc. Si fermi un po’, rifletta, e metta un po’ di ordine nella sua testa .
    La smetta di parlare al posto degli altri, corre il rischio di perdere la sua vera identita’.
    Se poprio vuole offrirmi un caffe’ lo lasci pagato a un bar che mi fara’ sapere , lo berro’ alla salute sua, e dei suoi amici .
    Preferisco non aggiungere altro per il momento.

  68. 2 marzo,ore 17,30.Domenica.
    Incontro Marcella presentandomi con una coppa di Macedoni alla Panna,un vassoio di rose,sì,caro Gio,hai letto bene,infatti è un dolce che mi piace tanto,e una bottiglia di vino proveniente dalla cantina di Albano Carrisi.
    Una stretta di mano che preannuncia grande ospitalità, mi sento subito a mio agio e con naturalezza tolgo il loden e mi accomodo su un divano molto comodo.
    Una sbirciata alla stanza e l’avvio di alcune riflessioni sull’attuale momento politico nazionale e locale e sui miei trascorsi politici e amministrativi.
    Ho la sensazione di averla conosciuta.
    infatti col parlare viene fuori un particolare curioso.
    Nel 1977 come assessore all’igiene e sanità avevo avviato una massiccia campagna di fluoroprofilassi della carie dentale nell’amito del servizio di medicina scolastica.
    Tra le scolare che avevano aderite alla campagna c’era Marcella.
    Tornato a casa mi sono messo a cercare le foto dell’epoca.
    Immagina,caro Gio,se riuscissi a trovare una foto che ritrae Marcella
    con l’allora assessore Fiore?
    Immagina,caro Gio,se riuscissimo a mettere insieme tutti gli scolari che si sottoposero a quel trattamento potremmo fare un girotondo intorno agli attuali disservizi.
    Non sarebbe bello?
    Potrebbero nascere tante nuove amicizie , come quella ormai nata tra me e Marcella.
    Non dispero,caro Gio, del resto se non c’è due senza tre…
    In attesa, affettuosamente

  69. …ma pensa te…in mia assenza…che sviluppi interessanti sul blog! Una cosa alla volta. Innanzitutto lasciatemi premettere tutto il mio compiacimento nel constatare che (per qualcuno) sarei + uomo di qualche altro uomo (biologico) e al tempo stesso (per qualcunaltro) una donna affascinante! Penso che sia il massimo a cui una donna può aspirare, un perfetto programma di una vita…e di conseguenza uno tra i complimenti perfetti che una donna può ricevere.
    Tornando a noi, caro chateau, raccoglierei volentieri il tuo invito nel “cantare”, ma non nel senso distorto del coro gregoriano a cui alludeva gio, bensì nella direzione di quello che sta diventando una sceneggiatura, un divertimento sì ma non vacuo. Non vorrei che i ragazzi della redazione facciano recapitare a casa di ciascuno di noi 4 un bel cartellino giallo….perchè non è che siamo andati off-topic, ma di più. Direi che per un post che si intitola “Giovanni Rossiello candidato sindaco per il pd” possiamo benissimo chiedere in prestito l’espressione tipicamente bitontina (ogni tanto crogioliamoci di sana bitontinità): “siamo andati nelle vigne di Ferrara”, sicuramente con questo mio ultimo contributo finiremo in agro grumese.
    comunque, chateau, ….sch….che forse masce qualcosa tra me e gio!
    ….colgo una vena di tenerezza….(forse la colgo solo io, da donna romantica incallita qual sono, ma non vorrei avere brutte sorprese)…hai visto mai, tante volte….??
    Quanto a te, Fiore, …nomen est omen, sei proprio una persona brillante, piacevole, per bene….ma un errore ieri l’abbiamo commesso….dovevamo invitare anche chateau al caffè…sai, berlo da soli non aveva molto senso, comunque sia….come parigi val bene una messa anche un caffè può valere un incontro fine a se stesso….è inutile che mi vuoi sedurre (politicamente)! il mio voto non l’avrai mai!

  70. questa fa più ridere della prima, onestamente…
    già il fatto di proporsi cm sindaco della città è indice di cattiva, cattivissima capacità di comprensione della realtà di questa città e, persino, pensa un po’, del suo partito e della sua gente, che nn lo vogliono!!!

  71. Professò siete davvero grande!E’ davvero ammirevole ke vi siate candidati cm sindaco!Nessuno è alla vostra altezza….avete la vittoria in pugno!Voi si ke sapete ke significa assumersi le proprie responsabilità!Lasciate stare i commenti di qst valla ke mi sembra sl 1 bravo a perdere tempo!I veri uomini si vedono dalle piccole cs e lei ha dimostrato di essere 1 vero uomo nn cadendo nelle provocazioni ma dimostrando sul campo il vostro valore!E qst valore lo dimostrerete ancora di più qnd sarete sindaco di 1 città cm Bitonto,difficile da gestire anke se sn sicuro ke voi ci riuscirete!Buona fortuna!

  72. ah ah ah ah ah ah ah ah…
    davvero patetico…
    ok, comunque: andrò a corsi di “personalità” (va bene così?) dal tuo (e solo tuo: io ne ho avuti e ne ho di altri, fortunatamente, nella mia vita) professore…
    puoi anche stimare rossiello, anzi è giusto che sia così: ma almeno abbi più spirito critico, ragiona con la tua di testa…

  73. qui il degrado cresce sempre più!state a criticare un ragazzo simpatico, sincero e senza malizia e nn vi rendete conto di cosa scrivono marcelle e compani…
    informazione gratuita..siccome nn interessa a nessuno vi informo ke
    esistono le chatt private!!!

  74. Tra circa cinquanta giorni noi Italiani saremo di nuovo chiamati alle urne, dopo soli due anni dalle precedenti elezioni, con la stessa pessima legge elettorale. Il quadro politico è cambiato rispetto a due anni fa, con la separazione tra centro-sinistra riformista e sinistra radicale, la rottura di Casini con Berlusconi, e la nascita della Rosa Bianca. Nonostante la presenza di numerosi candidati premier (al momento Santanchè, Berlusconi, Casini, Tabacci, Mastella, Veltroni, Boselli e Bertinotti, dimenticandone forse qualcuno), il partito – o la minicoalizione – che otterrà la maggioranza relativa avrà la maggioranza assoluta alla Camera, mentre potrebbe verificarsi una nuova situazione di ingovernabilità al Senato. Secondo i sondaggi, il PdL di Berlusconi e Fini dovrebbe risultare vittorioso, anche se il PD di Veltroni appare in rimonta. Mi soffermo ora sul nuovo partito Democratico. La leadership ha fatto una scelta coraggiosa ed inequivocabile, quella di accogliere solo i rappresentanti di quei partiti come IdV e Radicali che, secondo i progetti originari, avrebbero dovuto sciogliersi nel PD come hanno fatto Margherita e DS, e di non accettare nessun accordo con la Sinistra Arcobaleno. Ciò significa che per tentare di vincere il PD dovrà raccogliere i voti che in passato andavano a tutta la coalizione dell’Ulivo, guardando sia alla sua sinistra che al centro. Cosa significa questo, guardando alle strategie della campagna elettorale? Secondo il parere di chi scrive, è inutile focalizzarsi sull’elettorato della sinistra radicale, fortemente ideologizzato e mobilizzato, e ben informato sulla situazione politica attuale. Difficilmente chi vota per Rifondazione & co. cambierà idea in seguito ad un discorso di Veltroni: ci saranno sempre i duri e puri che perseguiranno i loro ideali qualunque cosa accada, e ci saranno coloro che spontaneamente voteranno PD pur di non rivedere Berlusconi a Palazzo Chigi. In questo fa bene Veltroni a evitare riferimenti al voto utile, perchè ciò crea solo irritazione e rafforza il loro spirito identitario. Al contrario, è necessario concentrare gli sforzi, oltre che sugli indecisi, sul centro e sui cattolici. L’accordo coi radicali, la rinuncia a De Mita (giustissima in quanto rappresentativa della volontà di rinnovamento) e la scelta di Casini, Pezzotta e Tabacci di correre da soli infatti potrebbero togliere voti al PD. Da un lato sarà quindi necessario far capire che in un grande partito come quello Democratico è naturale avere più voci sui temi etici (vedi Binetti ed Emma Bonino) e disciplinare i radicali, impedendo dichiarazioni che potrebbero rivelarsi controproducenti. Dall’altro è necessario parlare all’elettorato cattolico, a quei moderati che in passato hanno votato Prodi semplicemente perchè “no, Berlusconi proprio no” e che ora sono tentati di seguire Ruini e votare per le formazioni di centro. Ecco, questa penso sia la sfida principale per il PD: convincere questo elettorato moderato cattolico e antiberlusconiano facendo capire che il PD è un partito che può raccogliere potenzialmente il 35-40% degli italiani e di cui loro sono parte integrante. A Veltroni il compito di riuscirci. Altrimenti per Berlusconi le porte di Palazzo Chigi si apriranno per la TERZA VOLTA caro prof.

Lascia un commento