NOI CI ILLUMINIAMO DI MENO, E TU??

4ac3355aa5bb095e8d3d08c79df84279.gifPer il quarto anno consecutivo Caterpillar, il noto programma di Radio2, in onda tutti i giorni dalle 18 alle 19.30, lancia per il 15 febbraio 2008 “M’illumino di meno“, una grande giornata di mobilitazione internazionale in nome del risparmio energetico.
Dopo il successo delle passate edizioni, Cirri e Solibello, i conduttori di Caterpillar, chiederanno nuovamente ai loro ascoltatori di dimostrare come il risparmio sia una possibilità concreta e reale a cui attingere oggi stesso per superare i problemi energetici che assillano il nostro paese e gran parte delle nazioni del pianeta. L’invito rivolto a tutti è quello di spegnere le luci e tutti i dispositivi elettrici non indispensabili il 15 febbraio 2008 dalle ore 18. Semplici cittadini, scuole, aziende, musei, gruppi multinazionali, astrofili, società sportive, gruppi scout, istituzioni, associazioni di volontariato, università, cral aziendali, ristoranti, negozianti e artigiani uniti per diminuire i consumi in eccesso e mostrare all’opinione pubblica come un altro utilizzo dell’energia sia possibile.

Bitonto.myblog
aderisce e partecipa all’evento nella prospettiva che la “filosofia del risparmio” non si riduca ad un gesto simbolico, il solo 15 febbraio, ma diventi paradigma di vita per ciascuno di noi.
Mossi da queste convinzioni, i componenti dello Staff si impegneranno nei prossimi giorni a dare massima visibilità all’iniziativa, inviando mail a quanti più contatti possibili, istituendo una rubrica ad hoc che rimarrà sino al prossimo anno online, cercando di diffondere l’evento e la sua mission.

NOI CI ILLUMINIAMO DI MENO, E TU??
 
 
NOI CI ILLUMINIAMO DI MENO, E TU??ultima modifica: 2008-02-04T08:10:00+01:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “NOI CI ILLUMINIAMO DI MENO, E TU??

  1. Bisognerebbe organizzare più spesso queste mobilitazioni, un po’ come le domeniche ecologiche, che ormai sono entrate nella quotidianità di coloro che vivono nelle grandi città (e perchè nella nostra quotidianità “cittadina” no?).
    A presto
    Fra

Lascia un commento