LA FONTANA DI PIAZZA CADUTI DEL TERRORISMO DURA IL SOGNO DI UNA NOTTE

844e4720ad5bea7d2ed8b7d0a37da50d.jpgL’altra sera è sembrato a qualcuno di non credere ai propri occhi quando, attraversando i giardini di Piazza Caduti del Terrorismo, si è trovato davanti alla fontanella al centro della Piazza funzionante ed illuminata in maniera alquanto suggestiva (vedi la foto a fianco). Sembrava che le tante proteste con raccolta di firme e le lettere al periodico “da BITONTO” degli abitanti della piazza avessero finalmente portato i loro frutti:rendere una piazza “difficile” più vivibile. E magari, qualcuno ha anche pensato che sarebbe arrivato anche un vigile a dirigere il traffico caotico delle mattine prenatalizie.
Purtroppo è stato il sogno di una notte (forse anche soltanto di una sera). Al mattino la fontana era già desolatamente spenta e senz’acqua. Il vigile poi sarebbe stato davvero un miraggio, considerato che si è contata addirittura la quinta (dicasi quinta!!) fila per parcheggiare. L’unica cosa cambiata è rimasta la targa, con la quale si intitolano i giardini al compianto professor Leccese. Il resto nuovamente abbandonato a se stesso.
Gli abitanti di Piazza Caduti del Terrorismo da anni chiedono attenzione, maggiore presenza delle istituzioni e la promessa di alcuni anni fa di un presidio di vigili urbani con proprio ufficio, finora mai visto, aveva regalato qualche speranza. Per non parlare dei disagi “strutturali”. Ogni qualvolta che piove per più di 5 minuti, il sistema di scolo delle acque piovane va in tilt formando una pozza putrida, proprio al centro della piazza, che ristagna per giorni. Il lavaggio dell’area mercato è frutto più della iniziativa dei commercianti che vi operano e di qualche passaggio del camion dell’ASV, quando c’è la voglia o le urla di qualche abitante; sebbene questa operazione sia assoultamente sempre necessaria perchè, come già denunciato da un’altra parte, il sistema delle grate per lo scolo dell’acqua posizionato sulla piazza non è coerente con la direzione dell’acqua, che quindi si deposita sotto i marciapiedi lasciano un olezzo nauseabondo (e non solo d’estate). E queste sono lamentele e disagi che da anni vengono portati all’attenzione dell’amministrazione comunale, ma gli interventi di risposta sono di solito palliativi, talmente tali da far pensare che siano attuati solo per quietare la situazione. E come per la fontana durano il tempo di una notte. Il mattino dopo ci si sveglia e tutto è tornato come prima.

bitonto.myblog 

LA FONTANA DI PIAZZA CADUTI DEL TERRORISMO DURA IL SOGNO DI UNA NOTTEultima modifica: 2007-12-23T13:25:00+01:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “LA FONTANA DI PIAZZA CADUTI DEL TERRORISMO DURA IL SOGNO DI UNA NOTTE

  1. credo dobbiamo smetterla di gridare e basta contro chi amministra.
    A Bitonto quello che manca è un po’ di senso civico generalizzato.
    dove era chi ha scritto quando la piazza è stata “ristrutturata” e il tutto sfasciato nel giro di poco? Si pensa veramente che basta avere un presidio di vigili? A Bitonto servirebbe che ciascuno, ma proprio ciascuno…interiorizzasse l’idea che se ciascuno…ma proprio ciascuno facesse fino in fondo il suo dovere di cittadino…di persona…e in relazione alla funzione che occupa…forse le cose andrebbero un po’ meglio.

  2. caro amico quando la piazza hanno provato a ristrutturla io ero dove sono adesso: di fronte.
    e non basta mettere due giostrine per ridare dignità ad una piazza.
    Non so dove lei abita ma immagino che anche a lei quando qualcuno le dà appuntamento in piazza caduti del terrorismo (porta robustina) d’istinto le viene da chiedere: proprio là? non possiamo fare da un’altra parte?.
    Bene, noi abitanti della zona di porta robustina vorremmo riuscire a smuovere dalla testa di tutti i bitontini questo brutto luogo comune.
    E una fontana funzionante alla fine è come una fiammella di speranza per una zona da sempre, a torto, denigrata.
    E le assicuro, non è solo contro chi amministra quello sfogo ma anche contro i tecnici del comune che continuano ad affermare che l’acqua deve fare un percorso contro la legge di gravità per entrare in quelle benedette grate.
    A tempo perso le consiglio di farsi una passeggiata dalle nostre parti, sarà il benvenuto!

  3. Evviva finalmente si comincia a fare qualcosa per Bitonto!!!! Dopo tanti giorni di pioggia è finita la crisi idrica!!!
    Ma siamo certi che non si tratti di opportunismo? Ce lo ricordiamo o no che tra qualche mese si vota per il rinnovo del consiglio comunale e per eleggere il sindaco?
    Non siamo stati noi negli anni passati testimoni di: strade riasfaltate, lampioni illuminati, aiuole fiorite proprio alla vigilia della consultazione elettorale?
    Sveglia gente! Non sarà certo una fontana zampillante a distoglierci dalla realtà quotidiana!

Lascia un commento