PER MONS. CACUCCI TROPPO CHIUSE IN SE STESSE LE PARROCCHIE BITONTINE

bf109c7481634d412be93183028f431f.jpgSi è chiusa con un Consiglio Pastorale plenario la visita di S. E. Mons. Francesco Cacucci al vicariato Bitonto-Palo del Colle. Presso l’Auditorium “De Gennaro” sono stati convocati i Consigli Pastorali delle 13 parrocchie della città, per un incontro di saluto con la chiesa bitontina ma anche di bilancio generale. L’arcivescovo ha ripercorso le esperienze e le sensazioni di questi dodici mesi,  puntualizzando i lati positivi e sottolineando gli elementi negativi. Uno degli aspetti di maggior pregio della chiesa bitontina è senza dubbio la forte tradizione laicale. Una tradizione confermata da alcuni eccelsi esempi degli anni scorsi, Anna De Renzio e Giovanni Modugno su tutti, le cui riflessioni e il cui impegno sono ancora vivi nelle realtà aggregative. Tuttavia il pericolo maggiore che mons. Cacucci ha più volte ribadito è la tendenza alla “separazione” della chiesa bitontina. Le parrocchie chiuse in sè stesse, per dirla in altro modo, che raramente dialogano tra loro e ancor meno provano a fare percorsi comuni ancorchè di tipo spirituale. E l’Arcivescovo non dice niente di nuovo, considerando che questa tendenza, direi meglio questo vizio, a dividersi, a diffidare dell’altro (soprattutto delle idee dell’altro) è una caratteristica intrinseca al DNA del bitontino medio e la chiesa locale dimostra di non esserne immune. La panacea di Mons. Cacucci  è la condivisione, condivisione di idee, condivisione di momenti di spiritualità. L’elevato numero di poltrone vuote dell’altra sera, però, sono la conferma di quanto questo spirito unitario non sia condiviso. I presenti erano poco più di un centinaio, sebbene i componenti ufficiali dei consigli pastorali siano almeno il doppio.
Il Vescovo rivolge lo stesso monito anche alle Confraternite, così numerose ma così chiuse dentro i propri oratori, raramente unite nei progetti di solidarietà o anche soltanto nell’organizzazione delle proprie feste.
La prossima visita pastorale è in programma tra dieci anni, circa. Sarebbe un peccato dover stare a fare le stesse riflessioni così come ci sta capitando adesso, ricordando le considerazioni e le raccomandazioni di mons. Magrassi…

Francesco Paolo Cambione

PER MONS. CACUCCI TROPPO CHIUSE IN SE STESSE LE PARROCCHIE BITONTINEultima modifica: 2007-12-14T00:40:00+01:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “PER MONS. CACUCCI TROPPO CHIUSE IN SE STESSE LE PARROCCHIE BITONTINE

  1. la trovi strana questa chiusura, francè?
    ma come, parlano tutti di apertura vaticanosecondista, tutti pronti a declamare virtù come l’ascolto e la prossimità, tutti bravi a citare baltazar, danielou, rahner e soci, tutti buoni insomma e poi tra loro non lavorano sinergicamente? strano…

Lascia un commento