L’ILLUMINAZIONE PUBBLICA BITONTINA DIVENTA ECOSOSTENIBILE CON LA CONVENZIONE CONSIP

17d0743a33956a928558384dd94d5be6.jpgE’ stata presentata ieri, durante una conferenza stampa cui hanno partecipato responsabili politici e tecnici, l’adesione da parte del Comune di Bitonto alla Convenzione Consip. Erano presenti il Sindaco Nicola Pice, l’assessore ai LL.PP. Emanuele Pagone, i funzionari Michele Catucci e Anna Pazienza dell’Ufficio Tecnico. La presentazione è stata fatta del Dirigente facente funzioni a Segretario Comunale Salvatore Bonasia.
Il sistema delle Convenzioni, voluto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, è regolato dalla legge 488/99 ed è entrato nel vivo della sua attività con la legge finanziaria per il 2007.  In pratica il Ministero dell’Economia ha attivato una sorta di “Centrale acquisti” per la Pubblica Amministrazione, per poter accedere a condizioni agevolate e soprattutto prestabilite per la fornitura di beni e servizi necessari al funzionamento della Cosa Pubblica.
La convenzione cui il Comune ha aderito riguarda il “Servizio Luce”, relativo cioè alla Pubblica Illuminazione.
Nel territorio cittadino (comprese le frazioni) insistono 4942 “Punti illuminanti”, di cui ben 3356 sono in queste settimane oggetto di sostituzione con nuovi sistemi illuminanti. In particolare si passerà dalle lampade a vapori di mercurio a lampade a vapori di sodio ad più lunga durata e con un wattaggio più basso. I lavori iniziati subito dopo l’estate si protrarranno per alcuni mesi e comunque, secondo la convenzione, entro l’anno della sottoscrizione.
Particolarmente interessante è l’aspetto di “global service” del servizio, nel senso che, aderendo alla convenzione e pagando il canone stabilito, il Comune ottiene non solo l’energia elettrica per illuminare le nostre strade ma anche tutta una serie di servizi di assistenza tecnica e consulenziale da parte dell’azienda fornitrice. Ad esempio, la sostituzione delle “lampade” è completamente a carico della impresa fornitrice. Il Comune ha anche inteso puntare sull’efficienza dello stesso, chiedendo tempi di risposta alle richieste di intervento praticamente immediate (si parla di un’ora dalla segnalazione). Per fare questo la ditta fornitrice ha utilizzato l’opportunità datagli dalla convenzione e ha subappaltato una parte del servizio ad un’impresa fornitrice, la Cooperativa Rosa Blu di Bitonto che, operando sotto lo stretto controllo tecnico e qualitativo dell’azienda fornitrice, effettuerà le prestazioni stabilite.
L’azienda fornitrice del servizio è in realtà una ATI che proprio in occasione della sottoscrizione della Convenzione si è trasformata in Publicluce S.c.a.r.l. con sede a Monteprandone, vicino Ascoli Piceno.
Il valore della convenzione è di poco superiore ai 3 milioni di €uro per i 5 anni di durata della Convenzione.
In un periodo di forti turbolenze sui mercati delle fonti energetiche riteniamo di grande utilità per il bilancio comunale avere certezza di spesa per una voce di uscita importante, quale la pubblica illuminazione. Inoltre con questa operazione il Comune di Bitonto si attiene strettamente alla Legge Regionale che impone ai comuni di incrementare di non più dell’1% annuo la spesa per la Pubblica illuminazione
Tuttavia tutto il progetto “Consip” è di grande interesse sia per l’idea che ha alla base della sua realizzazione, sia per l’estrema trasparenza con cui le varie iniziative vengono intraprese. Qualunque cittadino può infatti andare sul sito www.acquistinretepa.it per poter prendere visione di tutte le iniziative prese da Consip. E scorrendo il sito e soprattutto i servizi e i prodotti che possono essere “acquistati” attraverso la Convenzione, si evince come anche le Pubbliche Amministrazioni possano accedere a forti sconti sulle forniture, utilizzando sistemi e logiche (e soprattutto condizioni economiche) tipiche della grande distribuzione privata. Basta semplicemente volerlo e approntare progetti validi, gestiti da manager all’altezza.

Bitonto.myblog
News pubblicata il 28 novembre 2007; ore 13,30

L’ILLUMINAZIONE PUBBLICA BITONTINA DIVENTA ECOSOSTENIBILE CON LA CONVENZIONE CONSIPultima modifica: 2007-11-28T13:30:00+01:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento