CENTRALE TURBOGAS: OPPORTUNITA’ O MINACCIA?

01af7fe1d5b63a518ea0b21e18aa5d0b.jpgLa questione è ormai di dominio pubblico: da Striscia la Notizia alle principali testate giornalistiche la notizia rimbalza suscitando attenzione e, per alcuni versi, destando preoccupazioni.
La mela della discordia è la Centrale a Ciclo Combinato a gas naturale, in progetto di costruzione a Modugno.
Il comitato Proambiente della città ha attivato una campagna per urlare il suo deciso “no” all’impianto energetico.
Da un lato della barricata abbiamo, dunque, il Comitato, l’Amministrazione comunale e quella parte della cittadinanza sdegnata (complessivamente 15mila modugnesi), dall’altra, la società Sorgenia spa, costruttrice della centrale, e lo Stato che ha rilasciato le autorizzazioni necessarie per l’implementazione dell’impianto.
La protesta ed il rifiuto non si sono fermate alla captatio benevolentiae dei mezzi di comunicazione di massa ma si connotano come una responsabile lotta di giustizia sociale, con la raccolta di firme per una petizione ed incontri con i vertici competenti, il Presidente Nichi Vendola e le autorità del Nucleo Operativo Ecologico Carabinieri (N.O.E.).
Bitonto.myblog, ritenendo la vicenda di interesse anche bitontino, vuole esporvi i punti nevralgici della diatriba, usando le argomentazioni che gli stessi protagonisti forniscono dalle pagine dei loro siti web: www.proambientemodugno.it e www.sorgenia.it
A voi stabilire da che parte scenderà l’ago della bilancia.

CHI E’ SORGENIA E CHE TIPO DI IMPIANTO E’ IN COSTRUZIONE A MODUGNO    
Siamo uno dei primi operatori del mercato italiano dell’energia elettrica e del gas naturale, con più di 250.000 clienti in tutta Italia e impianti di generazione elettrica su tutto il territorio nazionale.
Consideriamo nostri obiettivi efficienza energetica e rispetto dell’ambiente.
Il CCGT (Combined Cycle Gas Turbine) è la tecnologia di generazione a più alto rendimento e maggiore compatibilità ambientale oggi disponibile.
Dopo 2 anni di lavori, nell’autunno 2006 è entrato definitivamente a regime l’impianto di Termoli (CB), il primo impianto CCGT realizzato da Sorgenia, la cui potenza installata è di circa 770 MW e la produzione annua stimata è di circa 5 TWh.
Al momento, stiamo costruendo un altro impianto analogo a Modugno (BA), abbiamo concluso positivamente l’iter per l’autorizzazione di 2 nuovi cantieri a Turano-Bertonico (LO) e Aprilia (LT), e abbiamo in corso quello per l’autorizzazione di un impianto a Pisticci (MT).

LA POSIZIONE DEL COMITATO PROAMBIENTE, DELL’AMMINSITRAZIONE DI MODUGNO, DI 15MILA CITTADINI
E’ nostra convinzione, avendone avuto contezza da studi scientifici, che questa centrale aumenterà l’inquinamento atmosferico ed il livello di polveri fini, responsabili a lungo termine di malattie respiratorie: Modugno ha già oggi, anche il triste primato, in provincia di Bari, di gravi incidenze di malattie tumorali.
Nel nostro territorio è, oltretutto, presente una delle Zone Industriali più estese d’Europa che, quotidianamente, brucia metri cubi di gas e centinaia di migliaia di tonnellate di olio.
La Puglia, inoltre, produce più energia di quanto ne consuma (58,1 % fonte GRTN), dunque non vi è una certificata necessità di questo ulteriore insediamento altamente inquinante per le emissioni di polveri sottili (nanoparticelle), che sta sorgendo a poche migliaia di metri dai centri cittadini di Modugno (2 Km.), di Palo del Colle (2 Km.), di Bitonto (2 Km.), di Bitetto (4 Km.), dall’Aeroporto di Bari/Palese (1 Km.), dall’ospedale San Paolo di Bari (1,8 Km.) e dalla scuole elementare “Don Milani” di Modugno (1 Km.), realtà che non sono state tenute per nulla conto in sede di autorizzazione con prescrizioni (V.I.A.) rilasciata in data 28/06/2004 nr. 55/09/2004 dal Ministero delle Attività Produttive.
La Puglia, quotidianamente, fa, dunque, la sua parte per quanto riguarda la produzione di energia in Italia! 

News pubblicata il 29 ottobre 2007; ore 00.30
Fonte: bitonto.myblog

CENTRALE TURBOGAS: OPPORTUNITA’ O MINACCIA?ultima modifica: 2007-10-29T00:35:00+01:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo