SAND ART. L’ARTE DEL TEMPO

Un’arte fragile ma straordinariamente suggestiva, dal destino sempre in bilico, minacciato dal mare, dal vento e da orme distratte: la Sand Art, l’arte di riprodurre figure e disegni sulla sabbia. Castelli, personaggi delle fiabe, cattedrali, mondi inventati, personaggi storici,  quest’arte mimetica non conosce limiti, e negli anni ha radunato sempre più proseliti e appassionati. La Sand Art si impregna dell’illusorietà … Continua a leggere

RITRATTO D’ARTISTA

Per onestà intellettuale o puro sciovinismo, una finestra di arte si apre sugli artisti bitontini.  La curiosità di penetrare le loro vite e carpirne il genio, decifrare i segni invisibili dell’ispirazione e oltrepassarli con libera e schietta interpretazione. Ricerca non premeditata dell’estro ultraterreno che sfugge alla nozione. Una sfida a lasciarsi travolgere e coinvolgere dalle immagini e a raccontarle, senza … Continua a leggere

RON MUECK

Ron Mueck. La nudità dell’anima Ron Mueck è uno dei più importanti iperrealisti viventi. Nato in Australia, figlio di artigiani tedeschi di giocattoli, ha viaggiato per gli Stati Uniti, vive a Londra e per venti lunghissimi anni non ha avuto nulla a che fare con l’arte. Ha sempre lavorato per la televisione, in programmi per l’infanzia, effetti speciali per il … Continua a leggere

COLPO D’OCCHIO

a cura di Lucrezia Naglieri & Lara Carbonara  Non facciamo le presuntuose, ma abbiamo la presunzione dell’arte. Un modo come un altro per continuare a parlare a quella nicchia, a quei pochi, pochissimi amanti del bello. Gli appassionati che hanno ancora bisogno di essere sedotti dal voyeurismo estetizzante e dalla tensione formale che si contrappone alla razionalità del quotidiano. Manufatti … Continua a leggere

BERNARD PRAS

Bernard Pras. Inventaires. Quando riciclare diventa ARTE… Con centinaia di rifiuti, rottami e quant’altro riscrive la storia dell’arte. L’artista francese ricerca il materiale per le sue opere nei mercatini dell’usato e nelle discariche, l’arte del riciclaggio ai massimi livelli. Il risultato sono delle composizioni anamorfiche che poi fotografa. La fotografia rimane l’unica testimonianza dei suoi assemblaggi pittorici. Delle corna di … Continua a leggere