L’ULTIMO SALUTO A DON CARMINE FALLACARA

Decano dei sacerdoti bitontini, è stato parroco emerito della Concattedrale

È morto il decano dei sacerdoti bitontini: don Carmine Fallacara è venuto a mancare due giorni fa. Con la sua dipartita la chiesa cittadina perde la sua memoria storica, l’ultimo baluardo di valorosi testimoni della fede, simbolo di quella gloriosa e centenaria diocesi che era Bitonto, poi assorbita nella diocesi barese. E non è un caso che qualcuno abbia detto che con Fallacara finisce di fatto un’epoca per la vita religiosa bitontina. Al di là dei molto altri sacerdoti “anziani” che ancora operano, Don Carmine, parroco emerito della Concattedrale, per i ruoli ricoperti durante la sua vita sacerdotale ha rappresentato un punto di riferimento importante per i sacerdoti e i religiosi della città, tanto che sia Monsignor Aurelio Marena (ultimo vescovo di Bitonto) che coloro succedutigli hanno sempre scelto Monsignor Fallacara come proprio rappresentante e delegato.
L’affetto che la città aveva per lui sono stati vivificati nella presenza di tanta gente e dei numerosissimi sacerdoti, intervenuti ieri pomeriggio in Cattedrale alle esequie tenute dall’Arcivescovo, S.E. Monsignor Francesco Cacucci.

Francesco Paolo Cambione
L’ULTIMO SALUTO A DON CARMINE FALLACARAultima modifica: 2008-10-10T09:18:42+02:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “L’ULTIMO SALUTO A DON CARMINE FALLACARA

  1. “E’ morto un patriarca” così Padre Arcivescovo ha iniziato l’omelia durante l’Eucaristia esequiale. E’ bello ricordare Don Carmine con le parole che lui stesso ha pronunciato e con le quali ha pregato nell’ora del trapasso: “In te spero, Signore: a te consegno tutto”. Come ha sottolineato Don Giuseppe Ricchiuto nel discorso di commiato ieri: adesso per lui la fede è verità, la speranza certezza, adesso vive nel Grembo del Dio vivente, lui che -come l’Apostolo- ha terminato la corsa, ora riceve la corona di giustizia (cfr. 2Tm. 4,6-8).

Lascia un commento