TUTTI ALLO STADIO APPASSIONATAMENTE

Approfittando della pausa dei campionati maggiori l’U. S. Bitonto lancia un caloroso appello. Bambini, giovani adulti e anziani invitati al “Degli Ulivi” per una giornata di festa

310955741.2.jpgTrascorre una giornata festiva in maniera diversa, riempire lo stadio con tante famiglie, sostenere calorosamente i giocatori neroverdi e dimostrare che il calcio non è solo violenza o scontri tra tifoserie, come approssimativamente definito, ma in particolar modo luogo di festa. È questo l’accorato invito che l’U. S. Bitonto lancia alla propria cittadinanza.
Approfittando della sosta dei campionati maggiori dovuta alle gare della nazionali, impegnate nelle qualificazioni ai prossimi mondiali, la società nero-verde invita la città allo stadio.
In occasione della sfida interna di domenica 12 ottobre, ore 15, contro l’Ischia, il club bitontino, giunto al suo sesto campionato consecutivo tra i dilettanti, chiede il massiccio sostegno della propria città per incitare la propria squadra, costituita in gran parte su elementi cresciuti proprio a Bitonto e che, dopo due pareggi nelle prime giornate di campionato, ha trovato la quadratura del cerchio riportando due convincenti vittorie prima sul Sant’Antonio Abate per 2 a 0, e sull’ostico campo del Francavilla in Sinni per 2 a 1, portando la società nero-verde a ridosso delle big del calibro di Brindisi e Matera.
L’invito è aperto a tutti i cittadini di ogni età: dai più anziani che seguono il Bitonto da tanto tempo sino ai ragazzini che si avvicinano per la prima volta a questo appassionante sport.
L’iniziativa è finalizzata a mostrare il sostegno dei bitontini nei confronti della propria squadra, impegnata nel difficile compito di difendere i colori della città e far sì che con il proprio tifo potrebbe spingere la squadra verso importanti risultati e mostrare un’immagine positiva della città.

Michele Rienzo  – foto www.usbitonto.it
TUTTI ALLO STADIO APPASSIONATAMENTEultima modifica: 2008-10-09T08:22:43+00:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento