INELEGGIBILITÀ DEL SINDACO, RESPINTO IL RICORSO

Il Tribunale non ha dato ragione al consigliere dei Riformisti, Natilla

1541269102.jpgÈ stato respinto il ricorso presentato dal consigliere di minoranza, Franco Natilla, sulla presunta ineleggibilità del sindaco Valla.
Con una sentenza datata 1 ottobre 2008 la 1^ sezione del Tribunale civile di Bari ha infatti rifiutato la domanda presentata a metà luglio, non riscontrando gli estremi del ricorso, ed ha anche condannato i ricorrenti a pagare le spese processuali.
Una decisione chiara, quindi, quella del Tribunale che chiude una querelle nata sin dai primi consigli comunali allorquando, legge elettorale alla mano, il consigliere dei Riformisti Natilla aveva sottoposto all’assise il problema. Il sindaco già in quella occasione si era detto sicuro di aver seguito la procedura corretta e di non essere nelle situazioni previste dalla legge sulla ineleggibilità. Nello specifico la querelle è tutta intorno al ruolo di “Prefetto” che il dottor Raffaele Valla ricopriva, non in quanto reggente di una Prefettura ma nelle vesti di direttore di un’agenzia governativa. Alla fine, quindi, il Tribunale ha dato ragione al sindaco Valla, chiudendo un’altra delle tante diatribe che si erano aperte nei giorni immediatamente successivi alle elezioni dell’aprile scorso.

BitontoTv staff
INELEGGIBILITÀ DEL SINDACO, RESPINTO IL RICORSOultima modifica: 2008-10-09T08:44:00+02:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

15 pensieri su “INELEGGIBILITÀ DEL SINDACO, RESPINTO IL RICORSO

  1. che il tribunale abbia confermato l’elegibilità del nuovo sindaco, questo non toglie che Franco Natilla ben sà come si fà l’opposizione. quindi forza Franco e continua a combattere per i diritti di tutti noi……tuoi compagni di vita poltitica!

  2. che responsabilità?
    cque,sapete qual è il bello?????…oltre al danno anche la beffa hanno avuto, pagheranno le spese processuali , questo per buttarla sull’ironico….!
    se poi andiamo sul concreto interpretando per bene la norma del testo unico anche uno studente di giurisprudenza che non ha ancora ottenuto il diploma di laurea avrebbe capito, che non vi era in tale situazione alcuna illegibilità.
    Diciamola tutta dottor Natilla la sua astuzia politica l’ha utilizzata bene in tale situazione , per far rallentare l’inizio del lavoro alla nuova macchina amministartiva-burocratica,pur sapendo che non vi erano corde a cui appendersi sin dall’inizio della sua fantomatica battaglia…..chiedo scusa , non solo sua ma a nche dei suoi colleghi di partito.

  3. Caro paolo, i tuoi slogan pubblicitari e finto-politici mi fanno sempre un bell’effetto.

    Quanto alla norma sono contento che tu sia stato talmente bravo da averla interpretata bene sin dall’inizio.
    hai un futuro da Giudice o da toga rossa come dite voi!!

    Comunque visto il lavoro della nuova macchina amministrativa (a proposito non consuma un pò troppo in termini di spese “per la benzina”? E comunque ogni tanto cambiate i distribitori…..) mi sa che l’unica corda alla quale potremo appenderci tra un pò, in qualità di cittadini, sarà quella che pende dalla forca……….

  4. Cirano rispondo, e intervengo in questo dibattito, solo perchè ho molta stima di te.

    La norma cui si fa riferimento (non la riporto integralmente perchè non ho competenza e memoria sufficienti) pone come causa di inellegibilità il ricoprire l’incarico di Prefetto nel territorio ove si svolgono le consultazioni elettorali. Ora, ritengo che la norma non entri nel merito perchè quando è stata concepita era evidente che facesse riferimento al Prefetto così come normalmente inteso, ovvero il rappresentante del Governo presso la Provincia con dipendenza dal Ministro degli Interni. In talcaso era alquanto difficile che l’attuale sindaco rientrasse in tal casistica.

    Quel che, penso, il consigliere Natilla LEGITTIMAMENTE abbia voluto appurare è se l’incarico ricoperto dal Sindaco, nominato Prefetto, non avesse in qualche maniera attinenza territoriale dal momento che la territorialità di quell’incarico non ha una specifica attinenza con una, ed una sola, Provincia.

    Onestamente, e molto umilmente, penso che il legislatore abbia voluto evitare che il Prefetto della Provincia di Bari potesse candidarsi in uno dei Comuni della Provincia medesima.
    Personalmente, quindi, non sarei andato fino in fondo in questa battaglia ritenendo esplicativo l’articolo relativo.

    Rispetto comunque la libertà del consigliere Natilla che ha ritenuto, invece, di andare avanti.

    Al di là delle polemiche di barricata non pensi anche tu, Cirano, che ci si potesse fermare prima?

    Saluti

  5. caro cirano , hai fatto quasi centro, sono laureato in giurisprudenza e tra un pò sosterrò gli esami da avvocato……,mi deve far scuola solo chi ha anni di anzianità superiori rispetto a me nel mio ambito.
    “macchina amministrativa”, è un termine usato da libri ,tv, giornali ecc….eccetto i fumetti!!!!

  6. Gentile Paolo,
    Le garantisco che non mi sfiora nemmeno l’idea di poterLe fare lezioni di alcuna materia che si insegni a scuola e non solo nel Suo ambito.

    Però, poiché a breve festeggerò il mio 120° compleanno, nella materia del BUON SENSO vorrei poter dire la mia seguendo la “logica del contadino” ( = innaffio solo se non piove).

    Sulla base di questo basilare principio logico, vorrei dirLe che a mio modestissimo parere, la Sua affermazione sul lavoro della macchina amministrativa di Bitonto che è stato rallentato dal ricorso di Natilla, è fuori di logica e contro ogni evidenza.
    Nemmeno nei fumetti lo possono scrivere anche perché come scrive Cirano pure i fumetti sono una cosa seria …

    Lei si è soffermato sulla battuta, ma La prego di prestare la dovuta attenzione anche al dato dei COSTI STRATOSFERICI della macchina amministrativa oggi.
    Confesso di esserne preoccupato (Lei non lo è ?) … non ne parliamo in questo post ma, La prego, PENSIAMOCI

    Non ci vuole molto a farlo … basta fermarsi un attimo e riflettere da Cittadino e non da tifoso.

    Per il gentilissimo Jmmy … sottoscrivo quanto dici.
    Inoltre avevo già scritto che secondo me, per rispetto degli elettori, Natilla avrebbe dovuto presentare ricorso PRIMA della elezione di Valla.

    Mi riesce difficile credere che l’ispirazione gli sia venuta solo DOPO … forse perché le mie esperienze e memorie mi portano a diffidare delle azioni politiche di molti personaggi di OGGI che gravitavano nella voluminosissima area socialista bitontina di IERI e AVANTIERI.

    Saluti

Lascia un commento