SERIE D, COLPO GOBBO DEL BITONTO

I leoncelli fanno bottino pieno in quel di Francavilla . La squadra ospite sigla la partita con un gol di vantaggio.

310955741.jpgFRANCAVILLA – Una grande prestazione dell’US Bitonto è stata la ricompensa per i quasi 50 tifosi bitontini, giunti al seguito della squadra per incoraggiare  i propri beniamini domenica scorsa. E il risultato si è fermato sul 1 a 2 a favore dei leoncelli.
A partire subito forte è, però, la squadra rossoblù che al 6’ minuto può presentare Pioggia al tiro, neutralizzato dall’estremo nero verde senza troppi patemi. Al quarto d’ora è, invece, il piede caldo di Cimadomo a mettere sulla testa di Infantino un cross che meriterebbe sorte migliore della gran parata di De Blasio.
È un Bitonto reattivo e ben presente in campo quello che al 22’ recrimina per l’atterramento di Infantino in area. Il direttore di gara fa cenno che si può proseguire. I pugliesi non si lasciano innervosire e un altro colpo di testa, di Di Bitetto questa volta, sibila vicino ai legni dell’estremo rossoblù. La reazione dei francavillesi è tutta nelle mani di Scarpato, il quale prima imbecca in area Del Prete al 33’,anticipato dal portiere ospite, e poi decide di fare tutto da solo calciando, tre minuti più tardi, verso la porta di un attento De Marco senza miglio fortuna. È l’unica azione pericolosa dei lucani: a 5 minuti dal termine capitolano sotto la sassata di Logrieco che raccoglie palla al limite, disorienta un difensore e gonfia la rete avversaria. Al riposo si va con gli ospiti in vantaggio.
Al rientro in campo, senza sostituzioni per entrambi gli schieramenti, il Francavilla è intenzionato a far sua la partita e Pioggia al 6’ restituisce la legnata subita da Logrieco, tracciando sull’erba una traiettoria impossibile da raggiungere per l’estremo bitontino. Ma il gol non deprime i leoncelli; solo 7 minuti più tardi una respinta imprecisa della difesa rossoblù è raccolta da Dentamaro, al limite al quale viene naturale tentare il tiro rasoterra che filtra tra le maglie francavillesi per andare a morire alle spalle di De Blasio.
Stavolta il Bitonto sembra più sicuro in campo e la partita di fatto può dirsi conclusa quando al 24’ Romaniello lascia i suoi in dieci per doppia ammonizione. L’unico brivido per i neroverdi arriva da un tiro senza molte pretese di Del Prete, che De Marco tenta di rendere avventuroso.
I leoncelli raccolgono  la loro seconda vittoria consecutiva e confermano i buoni progressi mostrati col S.A. Abate. Mister Ruisi ha vantato coerenza, insistendo soprattutto con quei giocatori che all’inizio dell’anno sembravano tanto inadatti alla categoria, ma anche duttilità mentale nel modificare solo molto parzialmente l’undici titolare con l’innesto di un sempre più solido Cimadomo in mezzo al campo e un più vispo Di Bitetto a movimentare la fascia. Ciò che conta adesso è non farsi prendere dall’euforia e restare coi piedi ben piantati in terra; le vicissitudini societarie di fine estate non sono lontane e il passo falso è sempre dietro l’angolo. Ma la coesione di questo gruppo fa ben sperare e le strette vigorose che accompagnano ogni gol ne sono la prova tangibile.

FRANCAVILLA: De Blasio, Milella , Zangla, Gioia, Nicolao, Vinciguerra (44’pt D’Amico), Pioggia, Romaniello , Campo (17’st Di Senso); Del Prete , Scarpato  (22’st De Palo). A disp.: Masi, Palo, Simeone, Mele. All.: Lazic.
BITONTO: De Marco, Dentamaro, Modesto, Camasta, Merafina, Di Bitetto (40’st Martellotta), Gambino (46’st Buonanno), Lo Grieco, Cimadomo, Infantino, Persia  (29’st Caccavale). A disp.: Vitucci, Piergiovanni, Santoro, Ferrentino. All.: Ruisi.
Arbitro: Guglielmi di Pisa. Assistenti: Vigo-Finocchiaro.

Reti: 39’pt Lo Grieco (B), 6’st Pioggia (F), 13’st Dentamaro (B).

Note: spettatori 400 circa, con 50 tifosi circa arrivati da Bitonto.

Ammoniti: Camastsa (B), Modesto (B).

Espulsi: al 19’ st Romaniello (F) per doppia ammonizione, Angoli 2-4.

Recupero: 2’- 4’.

A cura di Vito Schiraldi


SERIE D, COLPO GOBBO DEL BITONTOultima modifica: 2008-10-07T08:33:00+00:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento