LA CONTAMINAZIONE DOLCE CHE GENERA CREAZIONE

– Inaugurazione –

Sperimentazione, creatività, dialogo. È questo il respiro che porta con sé la Biennale dei 9f6bfaaf3897de87b8f8ca77e0b8b46f.jpggiovani artisti dell’Europa e del Mediterraneo, inaugurata il 22 maggio presso la fiera del Levante, a Bari. La Biennale hanno incominciato a viverla a Barcellona, nel 1985, con l’obiettivo di stimolare e sviluppare la creatività dei giovani artisti. Nei 23 anni successivi l’hanno ingrandita, l’hanno resa più organizzata e completa, per correre dietro all’energia dei giovani che le stava esplodendo intorno. Hanno parlato di contaminazione, una contaminazione dolce che si chiama creazione; hanno vantato l’appartenenza, la formazione di una  nuova identità sotto la sapienza della cultura, nel meeting di presentazione della Biennale, moderato dall’Assessore al Mediterraneo Silvia Godelli.
Un modo comune di vedere il futuro”, è questo il pensiero del Presidente della Fiera del Levante Cosimo Lacirignola, condiviso anche dallo spirito ‘pugliese’ del presidente della BJCEM – Biennale Des Jeunes Crèateurs de l’Europe et de la Mediterranèe –  Luigi Ratclif, che si dice soddisfatto ed orgoglioso che questa ondata di “confronto fra i popoli arrivi da lontano” e sia passata da Bari.
Cercare un’identità comune in cui convergano tutte le diversità dei popoli, è invece il ringraziamento dell’Ambasciatore della Slovenia, Andrei Capunder: “Vivere insieme la convivenza di due kairos: quello collettivo e quello individuale”. 
Parlano di tutela della democrazia, della condivisione di interessi, la rappresentante della presidenza slovena dell’Unione Europea Irene Weidmann e Montasser Quaili, Ambasciatore della Tunisia a Roma. Un incontro di culture dunque, e, soprattutto, di linguaggi, dal momento che
975df3ef42651d8cc471f71c4ae12143.jpggià nell’inaugurazione si sono intrecciati inglese, francese e bulgaro. L’Assessore Godelli ricorda infatti che la manifestazione è un grande ponte dalla Puglia fino alla sponda più orientale dei paesi balcanici. e un “valore aggiunto”, come dichiara Godelli, è anche l’intervento del Presidente della Provincia di Bari; un valore aggiunto perché da imprenditore, il Presidente ricorda e sottolinea l’importanza della cultura: “Si può parlare di tutte le internazionalizzazioni possibili, ma se non c’è la cultura, non c’è la civiltà”.
L’Assessore alla Cultura Nicola Laforgia parla in inglese, forse per rimanere in tema di interculturalità, affermando con chiarezza e con sicurezza che : “Bari può mostrare la migliore parte della sua anima”.
Fanalino di coda dei colti interventi di ospiti ed organizzatori, energiche ed infuocate, le parole di Nichi Vendola, Presidente della Regione Puglia: “Questa è l’alternativa al mondo che è là fuori, a ciò che vediamo altrove e ci ferisce, dove non ci sono roghi se non quelli dell’amore, dell’amicizia, della libertà, del calore di mani che si stringono”. Parole intinte di una passione che da sempre lo contraddistingue, parole che trovano volti rapiti e applausi calorosi, in un’atmosfera che già diventa avvolgente ed allegra. “La cultura – prosegue Vendola  – fa parte del genere umano, ed è l’unica strada di salvezza per la buia notte dell’incultura, dove non c’è più il confronto della diversità”.
E si dice emozionato, quando annuncia ufficialmente l’inizio delle danze; si, di danze si tratta perché la serata è stata affidata alla musica di MTV. Allora, si apre il sipario, e gli stands sono già lì pronti per essere abitati ed essere vissuti. Arte, danza, musica, cultura e giovani, tanti giovani. Soprattutto.
Cosa c’è di meglio dell’arte e della gioventù?” chiede l’Ambasciatore Quaili, e sappiamo tutti che se c’è arte insieme alla gioventù è ancora meglio. Siamo tutti più contenti di dire che i giovani non sono solo quelli che si ribellano, che trasgrediscono, che violentano, che accendono i “roghi”della brutalità. Sono anche quelli che creano. Il tutto, in un unico spazio, quasi ritagliato dal resto del mondo. Sarebbe già così un’utopia fantastica, ma il bello deve ancora venire.

Lara Carbonara
 

LA CONTAMINAZIONE DOLCE CHE GENERA CREAZIONEultima modifica: 2008-05-24T07:55:00+02:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento