PUBBLICATO IL PROGRAMMA DELLE FESTE PATRONALI 2008

c1cd08205bf0ebf58e65fec940d61e49.jpgGiorno per giorno: clicca qui per leggere il calendario completo

Anche quest’anno, seppur in una versione ampiamente ridotta, si festeggerà l’anniversario del Miracolo dell’Immacolata. All’ormai tradizionale prologo del Corteo storico (clicca qui per approfondimento) seguiranno le giornate dedicate alla “Festa Patronale”. Tuttavia quest’anno in tono assai dimesso, in quanto non è stato creato un Comitato Feste Patronali. Un passo indietro infausto che ci fa tornare ad una decina di anni fa quando una delle Feste Patronali più prestigiose dell’intera regione era stata praticamente cancellata per l’inavia dei bitontini. Con grande sforzo, passione e abnegazione un gruppo di cittadini guidati prima del professore Milillo e poi dall’imprenditore Arcangelo Abbatantuono erano riusciti a restituire alla festa bitontina (nel frattempo trasferita da Agosto a Maggio) un suo prestigio ed un suo posto di rilievo nel calendario delle Feste popolari pugliesi, riportando centinaia di visitatori nella nostra città.
Quest’anno sembrava dovesse essere un anno di black out totale. Invece la vicaria diocesana, guidata da don Ubaldo Aruanno, ha pensato di sopperire con alcune iniziative alla mancanza della Festa Patronale. Così per tutto il mese di Maggio è stata organizzata la “Peregrinatio Mariae” con l’immagine della Immacolata per le principali parrocchie cittadine. Purtroppo alcuni parroci bitontini hanno accolto questo progetto con lo stesso entusiasmo con cui si accoglie una notizia funesta (celebri, oramai, frasi del tipo “quel giorno ho da fare portatemela un altro giorno” pronunciate a programma organizzato e a comunicazioni fatte!!) e molti cittadini non hanno potuto provare quel sentimento di festa che dovrebbe accompagnare il percorso della Patrona per le “sue” parrocchie. Senza considerare che nella patria de “re statuire” (figure che al di là della ironia locale ci invidiano nei paesi dove le tradizioni popolari sono più sentite!) l’immagine della Madonna è stata spostata come un pacco postale e non come la “tradizione bitontina” vorrebbe.
Per fine Maggio, poi, il parroco don Ciccio Acquafredda ha organizzato una serie di eventi per non lasciare i bitontini completamente senza il “ricordo” della Festa. Quindi il 26 mattina, all’alba, Messa in Piazza XXVI Maggio 1734, luogo che ricorda la famosa “battaglia di Bitonto“, e trasferimento dell’Immagine dell’Immacolata dal Santuario dei Santi Medici a Porta Baresane laddove alle 19,30 ci sarà la cerimonia dello “Scoprimento del Quadro“. Per il week end a cavallo tra fine Maggio e inizio Giugno sono previsti gli spettacoli musicali, lirici e leggeri, curati tutti dalla Associazione musicale Crazy Band diretta dal M° Simone Mezzapesa. Per Domenica 1 giugno, giornata della processione solenne, in mattinata è previsto un gradito ritorno per molti fedeli bitontini: Mons. Domenico Padovano, già vescovo ausiliario nella nostra città e attualmente vescovo della Diocesi di Conversano-Monopoli, alle 11 davanti alle autorità cittadine celebrerà il solenne “pontificale“.
Una edizione quindi abbastanza anonima che non prevede le luminarie, i fuochi pirotecnici e probabilmente neanche il luna park, ma che almeno ci consente di mantenere accesa la fiammella nella speranza che dal 2009 si torni a festeggiare la Nostra Patrona nella maniera in cui i nostri padri ci hanno insegnato e come una città come Bitonto dovrebbe fare.

Francesco Paolo Cambione 

PUBBLICATO IL PROGRAMMA DELLE FESTE PATRONALI 2008ultima modifica: 2008-05-18T07:40:00+00:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “PUBBLICATO IL PROGRAMMA DELLE FESTE PATRONALI 2008

  1. Fino all’anno scorso c’è stata la cerimonia dell’intronazione dell’Immacolata e dei compatroni S.Gaetano e Sant’Andrea Avellino, che poi partecipavano alla processione.
    Vorrei sapere se ciò ci sarà anche quest’anno oppure no.
    Ricordo che quest’anno si sta celebrando l’Anno Santo Avelliniano che si concluderà il 10 novembre 2008 con il IV Centenario del transito al Cielo di Sant’Andrea Avellino.

  2. Colgo l’occasione per proporre ciò che in molte città d’Italia, per attrarre turismo, si fa. Perchè non ripetere quanto sarà proposto il corrente 28 nel periodo di “mezzagosto”, periodo di vacanze e turismo, previo un’adeguata pubblicità “extra muros”, come fanno tanti comuni più piccoli del nostro e corregionali. (Scusate per l’esempio megalomane, su due piedi, questo mi è venuto!):come si fa a Siena e in tantissimi altri posti del centro e sud d’Italia. Penso che sia promozione turistica, ovviamente combinata ad altri tasselli del settore e alla promozione agroalimentare.
    Sono reduce da una recentissima esperienza fatta da accompagnatore ad un nucleo di docenti di storia dell’arte di Corato. Ho letto sui loro volti “la sindrome di Stendhal” (Correggete il termine). Cordialtà da arch. V. Sblendorio

  3. Veramente che la patrona mérita un po di piú. Che questi bravi bitontini che ho conosciutto a Porta Baresana prendano la fiammela accesa come dice Cambione e per il 2009 si deve fare festa grande per la Madonna nostra. Per questo preghiamo i bitontini da fuori e ci uniamo spiritualmente alla data che si avicina fra maggio e giugno. Amiamo ogni giorno piú la nostra patrona perche María ci guide sempre per il bene della cittá e della chiesa. Un saluto. Luigi.

  4. sono il V.Sindaco di Monasterace (R.C.) che ha come Patrono Sant’Andrea Avellino, ho sentito parlare dell’evento dell’intronazione e se possibile vorrei avere più dettagliate notizie, foto, video, depliants e quanto altro utile.
    Ringrazio per la cortese risposta.
    Recapito:
    Giuseppe Arcidiacono via Calvario n. 16 89040 Monasterace (R.C.)
    tel. 0964/739195 – 338-4473911
    saluti

  5. C’è qualcuno degli artisti che ha organizzato le fantasmagoriche “feste” di quest’anno che dà una spiegazione al caro amico calabrese.
    O un pò vi vergognate anche voi e state rimanendo nell’ombra per le lussureggianti atmosfere?

    Due esempi:
    1) vi hanno fatto notare (perchè probabilmente non lo sapete) che il simbolo che avete messo vicino la dicitura “Diocesi Bari-Bitonto” è il simbolo di papa Benedetto XVI

    2) vi ha detto qualcuno che il nome di don Aruanno è Ubaldo e non Aruanno?

Lascia un commento