ALL’OMAGGIO A COZZOLI PARTECIPA ANCHE L’ARCICONFRATERNITA MARIA SS. DEL SUFFRAGIO DI BITONTO

4981f3bc0d2d254af65c3d353db1d472.jpgNelle prossime settimane la città di Molfetta si prepara a ricordare nel migiore dei modi uno dei suoi artisti più noti: lo scultore Giulio Cozzoli. Cozzoli deve la sua fama soprattutto alla grande maestria nella realizzazione di immagini sacre legate al culto popolare. Particolarmente suggestive sono, infatti, le statue dei misteri dell’Arciconfraternita della Morte che vengono portate in processione la mattina del Sabato Santo.
Ieri sera, l’Arciconfraternita della Morte ha voluto aprire le commemorazioni per il cinquantennale della scomparsa dello scultore con un evento, in cui si sono ripercorsi gli anni della realizzazione dei misteri. La particolarità della processione del Sabato Santo di Molfetta ha proprio nelle immagini, realizzate tutte dalla stessa mano e quindi legate da un sottile filo comune, una delle sue peculiarità maggiori.
All’evento era presente un numeroso pubblico che ha gremito la chiesa del Purgatorio. Tra questi, in qualità di ospiti, le delegazioni della Confraternita dell’Addolorata di Taranto e dell’Arciconfraternita Maria SS. del Suffragio di Bitonto. Per i bitontini erano presenti il priore Andrea Lovascio, l’animatore liturgico Pasquale Procacci e i confratelli Vito Procacci e Francesco Paolo Cambione. La presenza delle confraternite ospiti è legata ad un percorso che le stesse stanno facendo e che condurrà a momenti di confronto e scambio sempre più frequenti. L’obiettivo è quello di salvaguardare momenti di alta religiosità popolare, come i riti della Quaresima, capaci anche di rappresentare elementi di forte attrattività turistica per le nostre città. E questo principio è alla base del progetto Settimana Santa in Puglia che Molfetta, Taranto e Bitonto, unitamente a Ruvo di Puglia e Noicattaro, stanno organizzando per Pasqua 2008.
Tra i momenti di incontro futuro ce ne sarà uno particolarmente suggestivo anche a Bitonto. Nel mese di dicembre sarà infatti presentato il restauro del Cristo Morto, venerato nella chiesa del Purgatorio e in quell’occasione sono attese delegazioni delle confraternite “amiche”, a cementare quest’unione che parte dai sodalizi confraternali ma che poi arriva agli uomini appassionati e devoti che le animano.
Nella foto uno degli annulli filatelici dedicati all’evento di ieri sera.

Bitonto.myblog
News pubblicata il 19 novembre 2007; ore 00.10

ALL’OMAGGIO A COZZOLI PARTECIPA ANCHE L’ARCICONFRATERNITA MARIA SS. DEL SUFFRAGIO DI BITONTOultima modifica: 2007-11-19T00:10:00+00:00da bfreezones
Reposta per primo quest’articolo